Divorzio
Divorzio
Socialmente Utili

Anche le casalinghe perdono il mantenimento

Autoresponsabilità economica per la donna giovane e sana che per una vita ha fatto la casalinga ed ora è disoccupata

l'assegno di divorzio. E una donna a 40 anni è ancora giovane ed in grado di trovare un'occupazione, anche se per tutta la vita ha badato alla casa e ai figli. L'età dei ragazzi, ormai adolescenti, le garantisce anche più tempo libero da dedicare alla carriera. Sono questi i principi espressi dal tribunale di Roma con una recente sentenza [1]. Secondo quindi i giudici della capitale, anche le casalinghe perdono il mantenimento se hanno un'età consona per trovare un impiego.

Dopo la sterzata della Cassazione sui criteri di assegnazione del mantenimentoall'ex coniuge dopo il divorzio [2], assume oggi principale aspetto la meritevolezza di chi richiede l'assegno. Meritevolezza che non è solo l'assenza di un reddito con cui mantenersi, ma anche l'impossibilità oggettiva di procurarselo. Tale impossibilità deve essere dimostrata dal coniuge che richiede l'importo mensile. In altri termini, solo la donna che, oltre a non essere autosufficiente economicamente, non può nemmeno trovare un lavoro per "sopraggiunti limiti di età" o per precarie condizioni di salute ha diritto a ottenere il contributo dall'ex marito. E siccome la Cassazione [3], pochi mesi fa, ha ritenuto la casalinga cinquantenne non è più in grado di trovare un'occupazione per aver completamente perso ogni rapporto con il mondo del lavoro, ne viene che la quarantenne, invece, è ancora "abile".

Segno anche dei tempi: aumenta l'età pensionabile, si allunga la carriera. Con la conseguenza che un uomo o una donna che rientra ancora nei 40 ha tutta la vita davanti a sé.
In sintesi il principio ora sposato dalla giurisprudenza è il seguente: la donna giovane e sana, anche se disoccupata, non ha diritto al mantenimento.

Anche la Corte di Appello di Salerno ha portato avanti questa tesi, chiarendo che una condizione di disoccupazione non comporta in automatico il diritto dell'ex coniuge a percepire il mantenimento, atteso che bisogna prima ancora valutare se questi è in grado di lavorare. Fa eco il tribunale di Avellino [4] secondo cui anche la moglie disoccupata, per aver passato una vita a fare la casalinga, può perdere il diritto al mantenimento se non dà prova che l'assenza di un'occupazione non dipende da propria inerzia o colpa.

Note
[1] Trib. Roma, sent. n. 16448/27.
[2] Cass. sent. n. 11504/17 del 10.05.2017.
[3] Cass. sent. n. 9945/17.
[4] Trib. Avellino, sent. n. 1227/17 del 21.06.2017.
Info: notiziesocialmenteutili@hotmail.com
Fonte: LaLeggePerTutti.it
  • Socialmente Utili
Altri contenuti a tema
APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione Parte l'APE Volontario, il prestito finanziario che consentirà a chi ha 63 anni di uscire in anticipo dal lavoro
Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Le ONLUS già costituite alla data di entrata in vigore del Codice hanno a disposizione diciotto mesi di tempo per modificare i propri statuti e adeguarsi alle nuove disposizioni
Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Il vademecum per presentare le dichiarazioni
La metà degli internauti crede alle Fake News La metà degli internauti crede alle Fake News Un'analisi di dire.it
IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile La campagna di comunicazione nazionale della Protezione Civile
Quali sono i doveri del medico di base? Quali sono i doveri del medico di base? Il medico di famiglia ha un ruolo fondamentale nella cura della salute dei pazienti
5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi 5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi Pronti gli elenchi aggiornati degli iscritti permanenti e gli elenchi definitivi dei nuovi iscritti al 12 settembre 2017
Agevolazioni alle Imprese per la diffusione e il rafforzamento dell’Economia sociale Agevolazioni alle Imprese per la diffusione e il rafforzamento dell’Economia sociale Le direttive del Ministero dello Sviluppo Economico
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.