inps
inps
Socialmente Utili

APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione

Parte l'APE Volontario, il prestito finanziario che consentirà a chi ha 63 anni di uscire in anticipo dal lavoro

APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione

Parte l'APE Volontario, il prestito finanziario che consentirà a chi ha 63 anni di uscire in anticipo dal lavoro. Già da oggi sul sito dell'INPS si possono calcolare i costi dell'operazione.
Cos'è
È un prestito commisurato e garantito dalla pensione di vecchiaia, erogato dalla banca in quote mensili per 12 mensilità, che il beneficiario otterrà alla maturazione del diritto.
A chi è rivolto
L'APE volontario - Anticipo finanziario a garanzia pensionistica - può essere richiesto dai lavoratori dipendenti pubblici e privati, dai lavoratori autonomi e dagli iscritti alla Gestione Separata. Sono esclusi i liberi professionisti iscritti alle casse professionali.
Come funziona
Il prestito è erogato da soggetti finanziatori ed è assicurato contro il rischio di premorienza da imprese assicurative scelte tra quelle che aderiscono agli appositi accordi quadro.
Il prestito è erogato per un periodo minimo di sei mesi e fino alla maturazione del diritto alla pensione di vecchiaia. Il prestito decorre dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda di APE.
L'importo minimo della quota di APE richiedibile è pari a 150 euro.
L'importo massimo della quota di APE richiedibile non può superare rispettivamente:
  • il 75% dell'importo mensile netto del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell'APE, è superiore a 36 mesi;
  • l'80% dell'importo mensile netto del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell'APE è superiore a 24, è pari o inferiore a 36 mesi;
  • l'85% dell'importo mensile netto del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell'APE è compreso tra 12 e 24 mesi;
  • il 90% dell'importo mensile del trattamento pensionistico, se la durata di erogazione dell'APE è inferiore a 12 mesi.
A fronte degli interessi sul finanziamento e dei premi assicurativi per la copertura del rischio di premorienza è riconosciuto un credito di imposta annua nella misura massima del 50% dell'importo pari a un ventesimo degli interessi e dei premi assicurativi complessivamente pattuiti nei relativi contratti. Tale credito d'imposta non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi ed è riconosciuto dall'INPS per l'intero importo rapportato a mese a partire dal primo pagamento del trattamento di pensione.
Il prestito ottenuto viene restituito in 240 rate in un periodo di 20 anni mediante una trattenuta che viene effettuata dall'INPS all'atto del pagamento di ciascun rateo pensionistico. La restituzione del prestito inizia dal primo pagamento della futura pensione.
Per il riconoscimento dell'APE Volontario, sono disponibili due nuovi servizi:Il Simulatore è un servizio online aperto a tutti i cittadini che, mediante l'inserimento di dati e informazioni da parte del soggetto interessato, consente di calcolare, in particolare, l'importo mensile, la durata dell'APE e la rata di rimborso mensile che sarà decurtata dall'importo di pensione.
La Domanda di Certificazione del diritto all'APE dev'essere presentata all'INPS dall'interessato o dagli intermediari autorizzati attraverso l'uso dell'identità digitale SPID o il PIN dell'INPS. Pertanto, l'Istituto verifica il possesso dei requisiti di legge, certifica il diritto all'APE e comunica al richiedente l'importo minimo e massimo del prestito ottenibile.
Fonte: INPS notizie
Info: notiziesocialmenteutili@hotmail.com
  • Socialmente Utili
Altri contenuti a tema
Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Le ONLUS già costituite alla data di entrata in vigore del Codice hanno a disposizione diciotto mesi di tempo per modificare i propri statuti e adeguarsi alle nuove disposizioni
2 Anche le casalinghe perdono il mantenimento Anche le casalinghe perdono il mantenimento Autoresponsabilità economica per la donna giovane e sana che per una vita ha fatto la casalinga ed ora è disoccupata
Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Il vademecum per presentare le dichiarazioni
La metà degli internauti crede alle Fake News La metà degli internauti crede alle Fake News Un'analisi di dire.it
IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile La campagna di comunicazione nazionale della Protezione Civile
Quali sono i doveri del medico di base? Quali sono i doveri del medico di base? Il medico di famiglia ha un ruolo fondamentale nella cura della salute dei pazienti
5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi 5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi Pronti gli elenchi aggiornati degli iscritti permanenti e gli elenchi definitivi dei nuovi iscritti al 12 settembre 2017
Agevolazioni alle Imprese per la diffusione e il rafforzamento dell’Economia sociale Agevolazioni alle Imprese per la diffusione e il rafforzamento dell’Economia sociale Le direttive del Ministero dello Sviluppo Economico
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.