Io non rischio Protezione Civile
Io non rischio Protezione Civile
Socialmente Utili

IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile

La campagna di comunicazione nazionale della Protezione Civile

Io non rischio è una campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile. Ma ancora prima di questo, Io non rischio è un proposito, un'esortazione che va presa alla lettera. L'Italia è un paese esposto a molti rischi naturali, e questo è un fatto. Ma è altrettanto vero che l'esposizione individuale a questi rischi può essere sensibilmente ridotta attraverso la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l'adozione di alcuni semplici accorgimenti. E attraverso conoscenza, consapevolezza e buone pratiche poter dire, appunto: "Io non rischio".

Io non rischio è anche lo slogan della campagna, il cappello sotto il quale ogni rischio viene illustrato e raccontato ai cittadini insieme alle buone pratiche per minimizzarne l'impatto su persone e cose. E in questo caso il termine slogan, che in gaelico significa "grido di battaglia", è particolarmente appropriato: è la pacifica battaglia che ciascuno di noi è chiamato a condurre per la diffusione di una consapevolezza che può contribuire a farci stare più sicuri.

Quest'anno Io non rischio si svolge in un'unica giornata, sabato 14 ottobre 2017, in tutti i 107 capoluoghi di Provincia. Ciascun capoluogo ospita un evento (in un'unica piazza o in luoghi vicini collegati), che riunisce tutte le organizzazioni di volontariato di protezione civile della provincia che si sono candidate per l'edizione 2017. Una giornata di incontro e di discussione in piazza con i cittadini, finalizzata all'informazione sui rischi e alle scelte che ogni cittadino e ogni comunità può fare fin da subito per ridurli. Un'esperienza straordinaria di condivisione e collaborazione fra organizzazioni di volontariato diverse, con l'obiettivo comune di diffondere le buone pratiche di protezione civile. Dopo gli eventi che hanno colpito il Centro Italia – che testimoniano tragicamente la fragilità del nostro territorio – la prevenzione dei rischi assume oggi un ruolo ancora più importante.
Il sistema più efficace per difendersi da un rischio è conoscerlo. Questo tipo di conoscenza, per essere realmente utile, di solito comporta un livello di approfondimento che difficilmente può essere comunicato con un semplice spot radiofonico o televisivo.

L'ideale, per un cittadino, sarebbe poter parlare con qualcuno capace di raccontargli tutto quello che occorre sapere sul terremoto, sul maremoto o su qualsiasi altro rischio, magari incontrandolo direttamente nella sua città, in piazza, un sabato o una domenica mattina. Ed è qui che si è accesa la lampadina: i volontari di protezione civile!

Le associazioni di volontariato di protezione civile sono presenti in tutta Italia. I volontari vivono e operano sul proprio territorio, lo conoscono e a loro volta sono conosciuti dalle istituzioni locali e dai cittadini. Chi meglio di loro per fare informazione sui rischi che su quel territorio insistono?
Da questi presupposti è nata l'idea originaria di Io non rischio. Formare i volontari di protezione civile sulla conoscenza e la comunicazione del rischio per poi farli andare in piazza, nella loro città, a incontrare i cittadini e informarli. Un'idea concepita e proposta da ANPAS (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) e subito sposata dal Dipartimento della Protezione Civile, dall'INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) e da ReLuis (Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica), e poi progressivamente allargata ad altre associazioni di protezione civile. Perché se è vero che le idee camminano con le gambe delle persone, per un'idea come questa di gambe ce ne vogliono davvero tante.

Ogni processo di comunicazione, informazione o educazione è necessariamente un processo a cascata. Tutti, a scuola come sul lavoro, siamo stati formati da persone che, a loro volta, sono state formate da altre persone. Quindi è sembrato del tutto naturale utilizzare questo processo anche nella formazione dei volontari e, di conseguenza, nella comunicazione finale con i cittadini.

Questo è quello che succede oggi nelle piazze di Io non rischio. Il domani lo costruiremo giorno per giorno con i volontari, i cittadini e tutti quelli che vivono con noi questa campagna.

A Bari, Barletta, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto volontari di protezione civile incontreranno i cittadini per parlare di terremoto, maremoto, alluvione e di cosa ognuno di noi può fare per ridurne gli effetti.

A Bari partecipano le organizzazioni di volontariato UNITALSI di Bari, ASERC di Casamassima, Aves Modugno, Protezione Civile di Modugno, ANPAS – Associazione Volontari Canale, Sermolfetta di Molfetta, MISERICORDIE di Molfetta, FIR CB – VItal Ser di Polignano a Mare, FIR CB – Ass. Vol. Rangers PC di Putignano, ANPAS –Associazione Protezione Civile Rutigliano, ANPAS – Pubblica Assistenza Sammichele di Sammichele di Bari e ANPAS – Gruppo Volontari Valenzano.

Mentre a Barletta partecipano le organizzazioni di volontariato Misericordie di Andria, Volontari S.F. di Puglia 3 di San Ferdinando di Puglia e Misericordie di Trani.

Per l'edizione speciale di quest'anno, oltre ai punti informativi Io non rischio, la piazza di Bari e la piazza di Barletta saranno animate con la Caccia al tesoro alla scoperta delle buone pratiche di protezione civile.

Info: notiziesocialmenteutili@htmail.com
Fonte: http://iononrischio.protezionecivile.it/
  • Socialmente Utili
Altri contenuti a tema
APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione Parte l'APE Volontario, il prestito finanziario che consentirà a chi ha 63 anni di uscire in anticipo dal lavoro
Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Le ONLUS già costituite alla data di entrata in vigore del Codice hanno a disposizione diciotto mesi di tempo per modificare i propri statuti e adeguarsi alle nuove disposizioni
2 Anche le casalinghe perdono il mantenimento Anche le casalinghe perdono il mantenimento Autoresponsabilità economica per la donna giovane e sana che per una vita ha fatto la casalinga ed ora è disoccupata
Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Il vademecum per presentare le dichiarazioni
La metà degli internauti crede alle Fake News La metà degli internauti crede alle Fake News Un'analisi di dire.it
Quali sono i doveri del medico di base? Quali sono i doveri del medico di base? Il medico di famiglia ha un ruolo fondamentale nella cura della salute dei pazienti
5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi 5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi Pronti gli elenchi aggiornati degli iscritti permanenti e gli elenchi definitivi dei nuovi iscritti al 12 settembre 2017
Agevolazioni alle Imprese per la diffusione e il rafforzamento dell’Economia sociale Agevolazioni alle Imprese per la diffusione e il rafforzamento dell’Economia sociale Le direttive del Ministero dello Sviluppo Economico
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.