Ascensore
Ascensore
In... Condominio

Chi non vuole l'ascensore lo deve pagare comunque?

Installazione, spese e possibile esonero

Tra le discussioni più diffuse e accese in ambito condominiale troviamo sicuramente quelle riguardanti l'installazione, l'uso ed i costi dell'ascensore.

Secondo l'art. 1117, n. 3, c.c. sono oggetto di proprietà comune «le opere, le installazioni i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune, come gli ascensori».

Per gli immobili di nuova costruzione con più di tre piani l'installazione dell'ascensore è obbligatoria. Per quelli più datati, invece, è l'assemblea, a maggioranza degli intervenuti e che rappresenti almeno la metà dei millesimi, a deliberare sull'installazione o meno dell'ascensore.
Con riguardo alle spese di installazione e di manutenzione "ordinaria", l'art. 1124 c.c. espressamente prevede: «Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo». Le spese "straordinarie" (sostituzione di cabina e porte, ricostruzione dell'impianto, ecc.), invece, saranno sopportate da tutti i condomini, compresi i piani terra e rialzati, esclusivamente in proporzione ai millesimi.

Ma chi non è d'accordo all'ascensore lo deve pagare comunque?

Solo l'assemblea, con voto unanime, potrà escludere dalla ripartizione delle spese, di qualunque genere, relative all'ascensore i condòmini dei piani terra, dei sottoscala e dei piani rialzati.

Se, invece, l'ascensore è stato installato successivamente alla costruzione dell'immobile, i condòmini non interessati, ai sensi dell'art. 1121, comma 1, c.c., possono rinunciare espressamente sia al pagamento delle spese di realizzazione, sia, ovviamente, all'utilizzo. In questo caso, l'ascensore rientrerà nella proprietà dei soli condòmini che lo hanno voluto. Tuttavia, il comma 3 dello stesso articolo, però, dà la possibilità, in qualsiasi momento, ai condòmini che hanno inizialmente rinunciato di cambiare idea e, quindi, di «partecipare ai vantaggi dell'innovazione, contribuendo nelle spese di esecuzione e di manutenzione dell'opera».

Se avete domande o dubbi da chiarire sull'argomento potete scrivere a redazione@coratoviva.it. Le risposte non si faranno attendere.
  • In... condominio
Altri contenuti a tema
Danni da infiltrazione d'acqua: chi è il responsabile? Danni da infiltrazione d'acqua: chi è il responsabile? Ecco cosa dice la legge
Si può giocare a pallone nel cortile condominiale? Si può giocare a pallone nel cortile condominiale? Ecco cosa prevede la legge
Si prega di chiudere il portone! Si prega di chiudere il portone! Portone sempre aperto: quali i rimedi?
Parcheggi condominiali insufficienti? Ecco come assegnare gli spazi Parcheggi condominiali insufficienti? Ecco come assegnare gli spazi La legge spiega come dirimere una delle cause più frequenti di liti condominiali
Appartamento cointestato e assemblea di condominio Appartamento cointestato e assemblea di condominio Chi viene convocato? E chi partecipa?
Chi decide se in un condominio ci sono solo due proprietari? Chi decide se in un condominio ci sono solo due proprietari? Le decisioni le può prendere il singolo condomino se è assente l’altro?
L’amministratore intasca i soldi e non paga le bollette? L’amministratore intasca i soldi e non paga le bollette? Scatta il reato di “appropriazione indebita”
Spese condominiali: chi le paga? Spese condominiali: chi le paga? Ripartizione tra inquilino e proprietario
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.