casa
casa
In... Condominio

Cos’è il condominio?

Definizione e Tipologie

La rubrica intitolata "In condominio" sarà interamente dedicata alla materia condominiale. L'obiettivo sarà quello di fornire ai lettori informazioni e chiarimenti, al fine di facilitare la partecipazione alla vita condominiale, spesso scenario di dissidi e, purtroppo, di contenziosi.

Prima di esaminare,dalle successive puntate, i casi pratici, è di primaria importanza, iniziare questa rubrica cercando di dare una definizione di condominio.
Che cosa è? Può sembrare un quesito banale, ma la risposta è tutt'altro che scontata.

In effetti, né il Codice Civile, né le numerose leggi speciali che ne disciplinano gli aspetti peculiari, definiscono il condominio. Esso nasce automaticamente, senza la sottoscrizione di alcun contratto, quando in un edificio coesistono almeno due proprietari che condividono la proprietà di alcune parti comuni, elencate in maniera esemplificativa e non tassativa dall'art. 1117 c.c., dello stabile. In sostanza, nel momento in cui più soggetti diventano proprietari esclusivi delle varie unità immobiliari che compongono l'edificio, sorge la comproprietà delle suddette parti comuni.
Allora è uguale alla comunione? In cosa si distingue?

Il concetto di condominio è legato indissolubilmente a quello di comunione. La peculiarità, però, rispetto alla più generale disciplina della comunione è il presupposto che nello stesso edificio coesistono in capo ai partecipanti diritti di proprietà esclusiva e diritti di godimento sulle parti comuni.

Quindi, si può definire il condominio come una particolare forma di comunione nella quale coesistono parti di proprietà esclusiva e parti di proprietà comune.
Data la definizione, è necessario individuare sinteticamente in quali casi si applica la disciplina codicistica.

Oltre il classico edificio condominiale a più piani, c.d. "condominio verticale", in base alle dimensioni ed ai soggetti coinvolti, si possono distinguere altre particolari tipologie di condominio:
  • Il c.d. "condominio minimo", nel caso in cui un edificio abbia soltanto due proprietari;
  • Il c.d. "supercondominio" o "condominio orizzontale", disciplinato dall'art. 1117bis c.c., quando più unità immobiliari o edifici o condominii abbiano parti comuni (ad esempio parchi o parcheggi);
  • Il c.d. "condominio parziale", nel momento in cui alcune parti comuni servono soltanto alcuni condòmini.
Se avete domande o dubbi da chiarire sull'argomento potete scrivere a redazione@coratoviva.it. Le risposte non si faranno attendere.
  • In... condominio
  • Avv. Salvatore Lotito
Altri contenuti a tema
I condòmini possono accedere alla documentazione? I condòmini possono accedere alla documentazione? Regole e limitazioni
B&B in condominio: si può? B&B in condominio: si può? Regole e limitazioni
Il condomino che non vuole fare causa può rifiutarsi di pagare le spese? Il condomino che non vuole fare causa può rifiutarsi di pagare le spese? Le risposte del codice civile
Il bucato gocciola? Osservare le regole per non commettere reati Il bucato gocciola? Osservare le regole per non commettere reati Torniamo a parlare di una delle cause di maggiori litigi condominiali
Il supercondominio Il supercondominio Definizione e requisiti
I panni stesi tolgono la luce? Ecco cosa prevede la legge I panni stesi tolgono la luce? Ecco cosa prevede la legge La risposta al quesito di una nostra lettrice
Bonus 2019 per case e condominio Bonus 2019 per case e condominio Ecco i bonus confermati dalla legge di bilancio
Ristrutturazioni condominiali: è possibile richiedere un mutuo? Ristrutturazioni condominiali: è possibile richiedere un mutuo? La prassi prima di consultare l'istituto bancario
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.