Infiltrazione
Infiltrazione
In... Condominio

Danni da infiltrazione d'acqua: chi è il responsabile?

Ecco cosa dice la legge

Capita spesso di notare una macchia di umidità su muri e soffitti o, peggio, di trovare acqua nel proprio appartamento.

Innanzitutto occorre individuare da dove viene la perdita e, quindi, chi è responsabile.

L'art. 2051 c.c. stabilisce che «ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia».

Per cui, se la perdita è dovuta da tubature di proprietà del singolo condomino, sarà quest'ultimo a dover risarcire tutti i danni cagionati.
Se, invece, il danno è cagionato da infiltrazioni dovute alla rottura di tubature condominiali o di qualsiasi altro bene comune, sarà il condominio,
che ha l'obbligo di custodire e di garantirne la manutenzione, a doverlo risarcire.
Ovviamente bisognerà agire con una certa urgenza, sia per evitare che i danni aumentino, sia per evitare la prescrizione del diritto al risarcimento che è di cinque anni dall'infiltrazione. I termini cambiano se, invece, l'immobile è stato acquistato direttamente dal costruttore. In tal caso, la contestazione deve essere fatta entro un anno per i gravi difetti di fabbricazione o entro 60 giorni per quelli più lievi dalla consegna della perizia tecnica. Quindi, appunto è indispensabile, in tutti i casi, chiamare un tecnico che verifichi la causa dell'infiltrazione e inviare subito dopo una diffida all'amministratore.

Può capitare, però, che l'infiltrazione provenga dal terrazzo. In questo caso possono esserci due tipi di responsabilità:
  1. è responsabile il condominio quando l'infiltrazione deriva da lastrico o tetto di uso comune;
  2. v'è responsabilità solidale, ai sensi degli art. 2051-2055 c.c., tra il proprietario e condominio quando il lastrico è in uso esclusivo o di proprietà di un solo condomino. In tal caso si applica la ripartizione prevista dall'art. 1126 c.c., il quale stabilisce che «quando l'uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condòmini, quelli che ne hanno l'uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico. Gli altri due terzi sono a carico di tutti i condòmini dell'edificio o della parte di questi a cui il lastrico solare serve in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno»
Se avete domande o dubbi da chiarire sull'argomento potete scrivere a redazione@coratoviva.it. Le risposte non si faranno attendere.
  • In... condominio
  • Avv. Salvatore Lotito
Altri contenuti a tema
Il supercondominio Il supercondominio Definizione e requisiti
I panni stesi tolgono la luce? Ecco cosa prevede la legge I panni stesi tolgono la luce? Ecco cosa prevede la legge La risposta al quesito di una nostra lettrice
Bonus 2019 per case e condominio Bonus 2019 per case e condominio Ecco i bonus confermati dalla legge di bilancio
Ristrutturazioni condominiali: è possibile richiedere un mutuo? Ristrutturazioni condominiali: è possibile richiedere un mutuo? La prassi prima di consultare l'istituto bancario
Rumori dall'officina sotto casa? Ecco cosa prevede la legge Rumori dall'officina sotto casa? Ecco cosa prevede la legge Frequenti sono le liti derivanti dalle immissioni rumorose
Cadere nello spazio condominiale. Responsabilità e risarcimento Cadere nello spazio condominiale. Responsabilità e risarcimento Ecco cosa prevede la legge
Ascensore di un solo condomino: subentro e quota Ascensore di un solo condomino: subentro e quota Regole e calcolo
Barbecue in condominio: si può? Barbecue in condominio: si può? Regole e limitazioni
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.