Bolletta
Bolletta
In... Condominio

L’amministratore intasca i soldi e non paga le bollette?

Scatta il reato di “appropriazione indebita”

Vi sarà sicuramente capitato di sentire casi di amministratori di condominio fuggiti con la cassa condominiale, o che abbia utilizzato le somme versategli per usi diversi e personali. In questi casi, a pagarne le conseguenze sarebbero i condòmini, costretti a coprire personalmente i "buchi" o a ricostruire la cassa comune per pagare i debiti con i creditori.

Fortunatamente vi posso rassicurare del fatto che tali casi sono comunque davvero molto rari.

L'amministratore è responsabile dei danni cagionati dalla sua negligenza, dal cattivo uso dei suoi poteri e, in genere, di qualsiasi inadempimento dei suoi obblighi legali o regolamentari. Per cui, nel caso si verifichi un ammanco di cassa o nel caso in cui le risorse patrimoniali non vengano utilizzate per le finalità tipiche della realtà organizzativa condominiale, l'ordinamento giuridico offre la possibilità ai condòmini di rivalersi nei confronti dell'amministratore e ottenere il ristoro dei pregiudizi subiti.

La responsabilità civile dell'amministratore sarebbe sia contrattuale, che trova fondamento nel rapporto di mandato ai sensi dell'art. 1710 cod. civ., sia extracontrattuale, ai sensi dell'art. 2043 cod. civ., in quanto proveniente da atto illecito.

Accanto alla responsabilità civile, assume rilevanza la responsabilità penale dello stesso amministratore di condominio disonesto. Infatti, la condotta in esame può integrare gli estremi del reato di cui all'art. 646 cod. pen.: appropriazione indebita. Sulla questione, nel rapporto tra amministratore e condòmini, è intervenuta, a conferma di un orientamento già prevalente, una recente sentenza della Corte di Cassazione secondo la quale il reato di appropriazione indebita è ravvisabile «ogni qualvolta l'amministratore di condominio, anziché dare corso ai suoi obblighi, dia le somme a lui rimesse dai condòmini una destinazione del tutto incompatibile con il mandato ricevuto e coerente invece con sue finalità personali» (Cass. Penale, sentenza n. 19729 del 7 maggio 2018).

Lo stesso reato si configura anche quando l'ammanco dalla cassa condominiale sia esiguo (Cass. Penale, sentenza n. 36022/2012); ma nel caso in cui il danno economico sia particolarmente rilevante, ricorre anche l'aggravante ex art. 61, n. 1, cod. pen. del "danno patrimoniale di particolare gravità". Ulteriore aggravante sarebbe quella della "continuazione", sancita dall'art. 81 cod. pen., nel momento in cui la sottrazione di denaro da parte dell'amministratore avvenisse periodicamente.
Il consiglio, per ridurre i già minimi rischi, è quello di affidarvi comunque a professionisti seri e preparati.

Se avete domande o dubbi da chiarire sull'argomento potete scrivere a redazione@coratoviva.it. Le risposte non si faranno attendere.
  • In... condominio
  • Avv. Salvatore Lotito
Altri contenuti a tema
Rumori dall'officina sotto casa? Ecco cosa prevede la legge Rumori dall'officina sotto casa? Ecco cosa prevede la legge Frequenti sono le liti derivanti dalle immissioni rumorose
Cadere nello spazio condominiale. Responsabilità e risarcimento Cadere nello spazio condominiale. Responsabilità e risarcimento Ecco cosa prevede la legge
Ascensore di un solo condomino: subentro e quota Ascensore di un solo condomino: subentro e quota Regole e calcolo
Barbecue in condominio: si può? Barbecue in condominio: si può? Regole e limitazioni
Parte di proprietà esclusiva di balconi e mancata manutenzione Parte di proprietà esclusiva di balconi e mancata manutenzione Chi ha la responsabilità di eventuali danni?
Manutenzione dei balconi: chi paga le spese? Manutenzione dei balconi: chi paga le spese? Quando spettano al condominio e quando al proprietario
Danni da infiltrazione d'acqua: chi è il responsabile? Danni da infiltrazione d'acqua: chi è il responsabile? Ecco cosa dice la legge
Si può giocare a pallone nel cortile condominiale? Si può giocare a pallone nel cortile condominiale? Ecco cosa prevede la legge
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.