democrazia
democrazia
Socialmente Utili

La partecipazione in Puglia è legge

Titolari del diritto di partecipazione sono i cittadini, le associazioni, le imprese, le organizzazioni e le formazioni sociali interessate all’oggetto del processo partecipativo

Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato a maggioranza, con il voto contrario delle opposizioni, la legge sulla partecipazione. Obiettivo del provvedimento – si legge nel comunicato ufficiale – è consentire la partecipazione popolare alle scelte ed alle decisioni importanti e strategiche per un territorio che viene elevata a strumento di governance basato sull'informazione, la trasparenza, la consultazione, l'ascolto, il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati.

I principi ispiratori della legge riguardano la qualità della democrazia, cioè la necessità sempre più pressante di riconnettere la politica e le istituzioni alla società, di riattivare i cosiddetti corpi intermedi, di creare una diffusa responsabilità sociale, in grado di rendere più efficaci le politiche pubbliche, partendo dal presupposto che esse possano fondarsi sulla valorizzazione delle conoscenze e delle esperienze diffuse. La partecipazione accresce l'effettiva tempestività ed efficacia delle scelte pubbliche a fronte dei conflitti che in molti casi rallentano o bloccano i processi decisionali.

Titolari del diritto di partecipazione sono i cittadini, le associazioni, le imprese, le organizzazioni e le formazioni sociali interessate all'oggetto del processo partecipativo o i soggetti che il responsabile del dibattito ritenga utile far intervenire nel processo partecipativo, come le persone che lavorano, studiano o soggiornano nel territorio sul quale ricadono gli effetti delle politiche pubbliche.

La legge stabilisce che la Giunta regionale adotti il programma annuale della partecipazione che individua le procedure e i procedimenti da sottoporre a processi partecipativi e gli strumenti con i quali assicurare la partecipazione, il termine di conclusione del processo partecipativo ed il Responsabile unico del processo partecipativo.

Per rafforzare il dialogo con i cittadini e gli stakeholder, viene predisposta una Piattaforma informatica attraverso cui offrire documenti, analisi e informazioni sui processi partecipativi in atto, e anche consentire lo scambio di informazioni, proposte, consultazioni pubbliche.

La Giunta regionale istituisce presso la Presidenza della Regione, una apposita unità organizzativa con funzioni in materia di partecipazione, denominato Ufficio della partecipazione.
Il Dibattito Pubblico regionale è un processo di informazione e partecipazione su opere, progetti o interventi di particolare rilevanza per la comunità regionale, in materia ambientale, paesaggistica, sociale, territoriale, culturale ed economica e riguarda le opere di iniziativa pubblica che comportano investimenti complessivi superiori a euro 50.000.000; le previsioni di localizzazione contenute in piani regionali in relazione ad opere nazionali che comportano investimenti complessivi superiori a euro 50.000.000; per le opere pubbliche e private che comportano investimenti complessivi fino a euro 50.000.000, che presentino rilevanti profili di interesse regionale.

Il Dibattito Pubblico regionale sugli obiettivi e sulle caratteristiche del progetto, si svolge, di norma, nelle fasi preliminari di elaborazione di un progetto, o di un'opera o di un intervento, quando tutte le diverse opzioni sono ancora possibili; esso può svolgersi anche in fasi successive, ma comunque non oltre l'avvio della progettazione definitiva.

Per quanto riguarda invece le opere nazionali per le quali la Regione è chiamata ad esprimersi, esso può riguardare infrastrutture stradali e ferroviarie; elettrodotti; impianti per il trasporto o lo stoccaggio di combustibili; porti e aeroporti; bacini idroelettrici e dighe; reti di radiocomunicazione. Con un emendamento sono state introdotte anche le trivellazioni a terra e a mare per la ricerca e produzione di idrocarburi.

Per garantire forme di partecipazione "manutentiva", ovvero di valutazione degli atti normativi, di programmazione o pianificazione adottati e a cui la legge si riferisce sono istituiti, quali strumenti istituzionali di monitoraggio, valutazione e verifica, la sessione annuale del Consiglio regionale sulla partecipazione, il Town meeting annual e il Citizen meeting.
Nei casi di un'opera soggetta a valutazione di VIA e VAS di competenza regionale, lo svolgimento del Dibattito Pubblico regionale è condizione per l'avvio della procedura di valutazione.
Presso il Consiglio regionale è istituito l'Osservatorio regionale per la partecipazione che svolge funzioni di garanzia sull'attuazione della legge ed e costituito da consiglieri regionali eletti dall'assemblea.

Per incentivare e assicurare la cultura della partecipazione diffusa nei territori e la sua promozione, la Giunta regionale, sentito l'Ufficio della Partecipazione emana un bando finalizzato a selezionare soggetti e attività culturali da finanziare in ambito culturale e formativo.

La legge viene finanziata con 50mila euro per il 2017, mentre per gli anni successivi la quota sale a 100mila euro.

Fonte: Regione Puglia - PugliaSociale
  • Socialmente Utili
Altri contenuti a tema
APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione APE Volontario: online il Simulatore e la domanda di certificazione Parte l'APE Volontario, il prestito finanziario che consentirà a chi ha 63 anni di uscire in anticipo dal lavoro
Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Terzo Settore:i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate Le ONLUS già costituite alla data di entrata in vigore del Codice hanno a disposizione diciotto mesi di tempo per modificare i propri statuti e adeguarsi alle nuove disposizioni
2 Anche le casalinghe perdono il mantenimento Anche le casalinghe perdono il mantenimento Autoresponsabilità economica per la donna giovane e sana che per una vita ha fatto la casalinga ed ora è disoccupata
Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Modello ICRIC: scadenze 2018 e dichiarazioni per invalidi civili Il vademecum per presentare le dichiarazioni
La metà degli internauti crede alle Fake News La metà degli internauti crede alle Fake News Un'analisi di dire.it
IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile IONONRISCHIO, buone pratiche di protezione civile La campagna di comunicazione nazionale della Protezione Civile
Quali sono i doveri del medico di base? Quali sono i doveri del medico di base? Il medico di famiglia ha un ruolo fondamentale nella cura della salute dei pazienti
5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi 5 per mille 2017: aggiornati gli elenchi definitivi Pronti gli elenchi aggiornati degli iscritti permanenti e gli elenchi definitivi dei nuovi iscritti al 12 settembre 2017
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.