Riflessione
Riflessione
#iorestoacasaeracconto

Il tempo della riscoperta

«Teniamo tutti a mente che sono solo nuvole di passaggio, presto tornerà il sereno, ma per il momento #iorestoacasa e racconto!»

La nostra esistenza è cambiata, ex abrupto.

Accantoniamo il normale ritmo di vita ordinaria per riscoprire una routine differente. Archiviamo momentaneamente le nostri abitudini, rimandiamo ad un'altra occasione i propositi, i progetti, le attività che avevamo in programma per il futuro. Non è tutto. A mutare non è solo il nostro modo di vivere in senso stretto, ma anche la nostra salute mentale, il benessere emotivo di ognuno di noi.

La quarantena ci mette infatti a dura prova. È difficile poter descrivere quali sono le emozioni che si provano in contesti come questo. Forse accanto alla propagazione dei contagi vi è una diffusione altrettanto rapida di stati d'animo contrastanti e discrepanti tra loro.

Per certi versi però, questa temporanea infelicità oggi ci torna utile. Magari per comprendere il valore autentico delle cose, anche di ciò che normalmente rientra nelle dinamiche della ovvia e ripetitiva quotidianità.

È l'occasione giusta di una riscoperta, soprattutto del valore dei rapporti umani. In particolar modo il rapporto con persone che a scuola, sul posto di lavoro o in qualsiasi altro ambiente ogni giorno gravitano attorno a noi. Diamo per scontato la loro presenza o vi attribuiamo poca importanza, importanza che la distanza poi col tempo rivendica. Ognuno di noi ha infatti bisogno di qualcuno con cui dialogare, con cui confrontarsi, con cui condividere attimi, pezzi di vita. Gli smartphone ci agevolano, ma messaggi e videochiamate non potranno mai sostituire la bellezza del contatto fisico, la possibilità di guardare un persona negli occhi e al tempo stesso interpretare i suoi gesti, sentirne la voce, dare un significato al silenzio, alla distanza che pone da noi. Pertanto quando le persone ci sono distanti dobbiamo anche imparare a fare i conti con la solitudine e sperimentare il dialogo con noi stessi. Oltretutto il lockdown è stato ribattezzato come il Tempo della riscoperta.

Quando tutto questo sarà alle spalle un giorno, potremo comprendere quanto il dolore e lo sconforto legati alla lontananza dai propri cari sono niente in confronto alla gioia di rincontrarsi: la distanza rende ancora più uniti.

Può forse essere d'aiuto interpretare la quarantena come una sorta di percorso catartico: cosa fare per assopire, anche solo momentaneamente, inquietudini, tensione e angoscia che fanno da sfondo a questa emergenza? La poesia, la musica, la lettura, la scrittura, l'arte, la cinematografia sono un'ottima fonte di svago, ci liberano da emozioni indigeste, svincolano dal panico per raggiungere una maggiore serenità interiore.

Teniamo tutti a mente che sono solo nuvole di passaggio, presto tornerà il sereno, ma per il momento #iorestoacasa e racconto!
  • #iorestoacasaeracconto
Altri contenuti a tema
Giovedì 5 Marzo ore 18:00 Giovedì 5 Marzo ore 18:00 «Davanti ad una vita appesa ad un filo, non si guarda il colore della pelle»
So che ci saranno giorni migliori So che ci saranno giorni migliori Una pagina del diario di Emily Mazzilli
Una fiaccola nell’ora più buia che l’umanità sta vivendo Una fiaccola nell’ora più buia che l’umanità sta vivendo Il racconto di Francesco Procacci
Il nemico invisibile Il nemico invisibile Una pagina del diario personale di Alessia Lops
Dalla mia finestra al quarto piano sull’infinto, nelle regioni del sogno e della speranza Dalla mia finestra al quarto piano sull’infinto, nelle regioni del sogno e della speranza Riflessioni ad alta voce di una giovane studente
Cara normalità, ci vedremo presto... Cara normalità, ci vedremo presto... "Sappi che mi manchi tanto, nonostante a volte ti odiassi, perché prima mi facevi sentire viva"
Domandiamoci: Abbiamo vissuto degnamente? È da qui che dobbiamo ripartire Domandiamoci: Abbiamo vissuto degnamente? È da qui che dobbiamo ripartire La riflessione di Alessandra Quercia per #iorestocasaeracconto
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.