Stazione varchi di controllo
Stazione varchi di controllo
Attualità

Mille chilometri in taxi pur di tornare a Corato. Un viaggio da 1300 euro dopo due mesi lontani da casa

Si conclude l'odissea di mamma e figlio costretti a restare in Piemonte dal 7 marzo

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Sono riusciti a trovare il modo per far rientro a Corato e porre fine alla lontananza forzata da casa loro, madre e figlio che hanno atteso con ansia la possibilità di poterlo fare nel rispetto delle nuove disposizioni governative che, dal 4 maggio, consentono gli spostamenti fra regioni per far ritorno al proprio domicilio o residenza.

A marzo, un viaggio senza ritorno. Ora, un viaggio travagliato. Era il 7 marzo quando la donna arrivò con suo figlio a Savigliano, in provincia di Cuneo perché doveva prendersi cura di una zia ricoverata in ospedale. Bloccati dalle disposizioni governative che vietavano gli spostamenti fra regioni, quel viaggio che avrebbe dovuto durare pochi giorni si è prolungato per due lunghi mesi fatti di incertezza. È quanto ha raccontato a La Repubblica la coratina Mirela che in questi mesi è stata ospite con suo figlio dalla famiglia di una cugina, che vive con suo marito e i suoi due figli. «Non potevamo continuare a stare da lei e a pesare sulle loro spalle».

Ieri mattina presto con suo figlio e sua cugina è salita sul treno che da Savigliano li ha portati a Torino Porta Nuova, con la speranza di riuscire a trovare dei biglietti per far rientro a Corato. Arrivati in stazione però l'amara scoperta: tutti i treni erano già prenotati da tempo, nessun pullman era disponibile. «Qualcuno ci ha detto che forse avremmo trovato un aereo ma non potevamo continuare a vivere nell'incertezza» - ha dichiarato la donna alla testata.

Per questo, non potendo più rimandare e temendo un nuovo decreto che avrebbe potuto costringerli ancora lontani da casa in condizioni sempre più difficili anche dal punto di vista economico, Mirela ha contattato un autista che potesse riportarli a Corato, a quasi mille chilometri più a sud. Un viaggio costato 1300 euro pur di far rientro a casa «la salute è ancor più importante dei soldi - ha dichiarato - in questo caso la priorità era trovare la soluzione per tornare».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid-19, maggiori controlli in Puglia. Pronto un vaccino Covid-19, maggiori controlli in Puglia. Pronto un vaccino Emiliano ha incontrato i Prefetti e pensa ad un giro di vite su spiagge e movida. Allo Spallanzani i test sui volontari dal 24 agosto
Coronavirus, altri 9 casi. Due positivi nel barese Coronavirus, altri 9 casi. Due positivi nel barese Si registra un morto in Salento
Coronavirus, ancora 11 nuovi positivi. Cinque nel barese Coronavirus, ancora 11 nuovi positivi. Cinque nel barese I casi in Puglia salgono a 170
Rientro a scuola, Ministero e sindacati firmano il protocollo di sicurezza Rientro a scuola, Ministero e sindacati firmano il protocollo di sicurezza Dall’help desk alle modalità di ingresso e uscita differenziati, dal distanziamento all’igienizzazione degli spazi
Coronavirus, sale il numero dei contagiati. Tre nuovi positivi nel barese, sette in Puglia Coronavirus, sale il numero dei contagiati. Tre nuovi positivi nel barese, sette in Puglia Non si registrano decessi
Asl Bari, «Nessun aumento di casi nelle aree pre-Covid degli Ospedali» Asl Bari, «Nessun aumento di casi nelle aree pre-Covid degli Ospedali» Tutti negativi i tamponi effettuati sui casi sospetti
Coronavirus, 23 nuovi casi in Puglia. Tre in provincia di Bari Coronavirus, 23 nuovi casi in Puglia. Tre in provincia di Bari Sanguedolce: «Due erano già posti in isolamento, uno proveniente da fuori regione»
Coronavirus: due nuovi casi nel barese, sette in tutta la Puglia Coronavirus: due nuovi casi nel barese, sette in tutta la Puglia Calano i ricoveri in tutta la regione
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.