matrimonio
matrimonio
Economia

Matrimoni in Puglia, dalla conferenza delle Regioni nuovo passo in avanti. «No ai tamponi a sposi ed invitati»

Il documento predispone le regole per diversi settori. Ora si attende il parere del Comitato tecnico scientifico

Un nuovo passo avanti è stato fatto per la riprese delle cerimonie, tra cui i matrimoni, in Puglia e in tutta Italia. Dopo la presentazione del protocollo per un Matrimonio Covid Free fatto da alcune associazioni regionali, di cui abbiamo anche noi parlato, arriva ora la bozza indicante le nuove linee guida per diversi settori, tra cui quello delle cerimonie, predisposta dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

«Le riaperture non hanno competenza regionale - sottolinea Michele Boccardi, presidente Confindustria-AssoEventi - ma nazionale. Per questo motivo la bozza doveva essere condivisa a livello nazionale. Importante era anche individuare una data, sia per la programmazione del lavoro che degli sposi per il loro evento e per non ritrovarsi come lo scorso anno. Dopo la conferenza di Draghi in cui il nostro settore non era stato citato tra le riaperture, abbiamo manifestato, parlato con il ministro Gelmini e i tecnici. E siamo arrivato ora all'uscita in maniera ufficiale delle nuove linee guida per la riapertura del settore. Questo è il primo passo, perché ora tali linee guida sono al vaglio e presto avremo la data di riapertura».

Per le cerimonie, l'assunto di base da cui si parte è l'adeguata informazione sulle misure di prevenzione da rispettare durante l'evento, in modo tale che durante tutta la durata (che nel caso dei matrimoni può essere anche pari a 6 ore se non di più in Puglia) tali norme vengano rispettate. Inoltre, sarà d'obbligo mantenere una lista dei partecipanti per 14 giorni. Non si parla però né di tamponi per ospiti e sposi, né di eventuali certificati di vaccinazione o di guarigione per accedere.

«Voglio ricordare a tutti - aggiunge Boccardi - che stiamo attraversando una calamità che si chiama Covid, che sta colpendo tutti e sta facendo migliaia di vittime, mettendo in ginocchio interi comparti. Stiamo tutti sulla stessa barca e nella stessa condizione. Tutti insieme stiamo combattendo per la risoluzione del problema cerimonie».

Di seguito tutto ciò che dovrà essere messo in atto per garantire una cerimonia in totale sicurezza:
  • Riorganizzare gli spazi, per garantire l'accesso alla sede dell'evento in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti. Se possibile organizzare percorsi separati per l'entrata e per l'uscita;
  • Disporre i tavoli in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti di tavoli diversi negli ambienti al chiuso (estendibile ad almeno 2 metri in base allo scenario epidemiologico di rischio) e di almeno 1 metro di separazione negli ambienti all'aperto (giardini, terrazze, plateatici, dehors), ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al 5 distanziamento interpersonale. Detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Tali distanze possono essere ridotte solo con barriere fisiche di separazione.
  • Laddove possibile, privilegiare l'utilizzo degli spazi esterni (es. giardini, terrazze), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro;
  • Assicurare adeguata pulizia e disinfezione degli ambienti interni e delle eventuali attrezzature prima di ogni utilizzo;
  • Gli ospiti dovranno indossare la mascherina negli ambienti interni (quando non sono seduti al tavolo) e negli ambienti esterni (qualora non sia possibile rispettare la distanza di almeno 1 metro). Il personale di servizio a contatto con gli ospiti deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente igiene delle mani con prodotti igienizzanti;
  • È possibile organizzare una modalità a buffet mediante somministrazione da parte di personale incaricato, escludendo la possibilità per gli ospiti di toccare quanto esposto e prevedendo in ogni caso, per ospiti e personale, l'obbligo del mantenimento della distanza e l'obbligo dell'utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie. La modalità self-service può essere eventualmente consentita per buffet realizzati esclusivamente con prodotti confezionati in monodose. In particolare, la distribuzione degli alimenti dovrà avvenire con modalità organizzative che evitino la formazione di assembramenti anche attraverso una riorganizzazione degli spazi in relazione alla dimensione dei locali; dovranno essere altresì valutate idonee misure (es. segnaletica a terra, barriere, ecc.) per garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro durante la fila per l'accesso al buffet;
  • Per eventuali esibizioni musicali da parte di professionisti, si rimanda alle indicazioni contenute nella scheda specifica. In ogni caso devono essere evitate attività e occasioni di aggregazione che non consentano il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro.
  • È obbligatorio mantenere aperte, a meno che le condizioni meteorologiche o altre situazioni di necessità non lo consentano, porte, finestre e vetrate al fine di favorire il ricambio d'aria naturale negli ambienti interni. In ragione dell'affollamento e del tempo di permanenza degli occupanti, dovrà essere verificata l'efficacia degli impianti al fine di garantire l'adeguatezza delle portate di aria esterna secondo le normative vigenti. In ogni caso, l'affollamento deve essere correlato alle portate effettive di aria esterna. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell'aria. In ogni caso vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d'aria naturale e/o attraverso l'impianto, e va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell'aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati. Se tecnicamente possibile, va aumentata la capacità filtrante del ricircolo, sostituendo i filtri esistenti con filtri di classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate. Nei servizi igienici va mantenuto in funzione continuata l'estrattore d'aria;
  • Nei guardaroba, gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti in appositi sacchetti porta abiti.
  • Matrimonio
Altri contenuti a tema
Ripresa dei matrimoni in Puglia, «Il nostro Sì in zona bianca, inno alla felicità e al futuro» Ripresa dei matrimoni in Puglia, «Il nostro Sì in zona bianca, inno alla felicità e al futuro» Come ci si sposa in tempo di Covid? Una giornata con Mariagrazia e Tommaso, dalla cerimonia alle bomboniere
Matrimoni in Puglia, ecco le linee guida valide dal 15 giugno Matrimoni in Puglia, ecco le linee guida valide dal 15 giugno Dall'ingresso al ballo e alle bomboniere: quello che si può e non si può fare
Matrimoni, «Certificazione Verde obbligatoria anche in zona bianca» Matrimoni, «Certificazione Verde obbligatoria anche in zona bianca» Il chiarimento giunge da Ministero della Salute e Conferenza delle Regioni
Ripartono i matrimoni in Puglia: «Saranno sicuramente "da ricordare"» Ripartono i matrimoni in Puglia: «Saranno sicuramente "da ricordare"» Il presidente Emiliano ironizza sul protocollo adottato ma sottolinea: «Il Governo ha confermato le linee guida proposte dalla nostra Regione»
Ripartono i matrimoni in Puglia: green pass, distanziamento di 2 metri e niente Covid Manager Ripartono i matrimoni in Puglia: green pass, distanziamento di 2 metri e niente Covid Manager Approvato il protocollo, Boccardi (Assoeventi): «Dal 15 giugno migliaia di coppie potranno festeggiare e tante aziende riprendere la propria attività»
Matrimoni e "certificato verde", i dubbi degli operatori in Puglia Matrimoni e "certificato verde", i dubbi degli operatori in Puglia In attesa del testo del decreto sono molte le problematiche da sciogliere per far ripartire il settore wedding
Matrimoni: «In Puglia siamo pronti a ripartire» Matrimoni: «In Puglia siamo pronti a ripartire» Stamattina riunione in Regione tra assessori e rappresentanti del comparto wedding
Tamponi o certificati di vaccinazione, un protocollo per far ripartire i matrimoni in Puglia Tamponi o certificati di vaccinazione, un protocollo per far ripartire i matrimoni in Puglia Lo ha presentato ConfCommercio insieme a Puglia Wedding Production Association (PWPA), ora è al vaglio del Comitato per la Sicurezza
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.