Mario Malcangi
Mario Malcangi
Politica

Movimento Schittulli: «Le dimissioni di Pomodoro sono un atto di rilevante importanza politica»

Malcangi commenta le dimissioni da presidente delle due commissioni consiliari

Nei giorni scorsi, il consigliere comunale Pasquale Pomodoro ha rassegnato le sue dimissioni da presidente di due commissioni consiliari, denunciando un mancato coinvolgimento da parte dell'amministrazione comunale. Un atto politico deciso e, se vogliamo, di rottura con l'amministrazione del sindaco Mazzilli, che può contare solo sul sostegno esterno del gruppo cui fa parte Pasquale Pomodoro.

Il Movimento Schittulli, oggi, commenta la scelta di Pomodoro e prende spunto dalla vicenda politica per analizzare quelle fasi che portarono alla rottura tra il movimento stesso e l'amministrazione Mazzilli, determinando la prima crisi amministrativa dell'era Mazzilli.

Il Movimento Schittulli, attraverso le parole del suo coordinatore Mario Matteo Malcangi, rivendica la posizione critica assunta verso l'amministrazione che portò all'abbandono della maggioranza dando dunque il via ad una serie di problemi interni al centrodestra.

Questa è la nota che il Movimento ha diffuso.


Le dimissioni del Presidente Pomodoro dalla I e V Commissione sono l'ennesima, forse ultima, puntata di una triste commedia posta in essere dall'Amministrazione Mazzilli lungo questi 4 anni.
Le dimissioni presentate sono un atto di rilevante importanza politica i cui effetti non possono non essere evidenziati. Pomodoro, infatti, ricopriva la veste di presidente di due delle più importanti Commissioni permanenti in quanto esponente del maggior partito (Direzione Italia oggi Noi con L'Italia) che sosteneva il sindaco e a lui veniva unanimemente riconosciuto il titolo di "strettissimo collaboratore/ispiratore" della sindacatura Mazzilli.
Apprendere oggi che questa così importante figura si dimetta denunciando "il mancato processo di coinvolgimento", "una condizione di avvertita inutilità" e "un ruolo svuotato di ogni significato" impone una profonda riflessione su quello che è successo/sta succedendo alla coalizione di centro-destra (o a quello che ne rimane).
Dal nostro punto di vista, quanto affermato dal consigliere Pomodoro non ci ha sorpreso e anzi ha confermato quanto avevamo sommessamente affermato negli anni scorsi e denunciato (urbi et orbi) nel novembre del 2017 quando decidemmo di uscire dalla maggioranza.
Allora si cercò frettolosamente di far passare quella nostra decisione come un una "follia inspiegabile", "un tradimento" scaturito da inconfessabili ricatti; oggi crediamo sia chiaro a tutti che la "follia" albergava altrove e non certo nel Movimento Schittulli e che non ci fu alcun "tradimento" ma solo la presa d'atto della impossibilità di svolgere il nostro ruolo in maniera dignitosa e coerente.
Il trattamento riservato all'ex presidente Pomodoro è il frutto della scientifica applicazione, perpetrata in questi anni, del metodo Perrone/Mazzilli secondo il quale le decisioni da prendere non avevano bisogno di essere condivise e non era necessario ascoltare le opinioni e le proposte degli altri ( "si fa come diciamo noi e basta!!!"). Pomodoro è stato per molto tempo protagonista e beneficiario di tale metodo e solo da pochi mesi (forse da quando il suo partito ha dato solo l'appoggio esterno ) ne è diventato vittima.
Dicevamo che le dimissioni sono state l'ultima di una serie di episodi che "la premiata ditta Mazzilli" ha confezionato in questi mesi e che è bene sinteticamente ricordare :
  • Abbiamo avuto la bocciatura "a prescindere" del progetto di ritorno del Mercato del sabato in centro mentre in altre città si sperimenta il mercato serale con straordinario successo di pubblico e degli operatori economici (es. Molfetta, Bari ecc);
  • Finalmente piazza Di Vagno è stata restituita alla piena fruizione della cittadinanza. Anche in questo caso solo grazie alla "opposizione interna" del nostro Movimento si è evitato di creare un nuovo caso Palazzo Gioia. Infatti, in pochi sanno che il progetto originario di sistemazione della piazza prevede la costruzione della cosiddetta "quinta" cioè di un "mostro" di vetro e cemento da realizzare a poca distanza dalla palazzina la cui parete ospita il famoso murales. Grazie alla caparbia opposizione degli allora assessori ai LLPP si riuscì non certo ad eliminare tale intento ma quanto meno a rimandare (speriamo a mai) tale realizzazione le cui finalità sono ancora oggi sconosciute;
  • L'avverso epilogo della vicenda Palazzo Gioia ha dimostrato per l'ennesima volta la pericolosità di chi ha inteso governare rimandando e non risolvendo i problemi. Accecati dalla presunzione di poter risolvere ogni difficoltà in un indeterminato futuro, si sono fatte scelte che sembravano sagge nell'immediato ma che covavano all'interno il seme della disfatta a posteriori non curandosi che si stava utilizzando denaro pubblico.

Auspichiamo che al sindaco e alla sua coalizione sia finalmente chiara la impossibilità di proseguire questa lacerante esperienza amministrativa e ne prendano atto anche se tardivamente.
Più volte abbiamo invitato questa amministrazione a fare un passo indietro. Siamo rimasti inascoltati; sono passati tanti mesi inutilmente. Ai proclami di ritrovato slancio e competenza della squadra non sono seguiti atti e fatti coerenti con lo spirito di una compagine amministrativa coesa e animata da una visione prospettica della nostra comunità. Hanno continuato a gestire l'ordinario, tra una crisi e l'altra, tra una dimissione e una epurazione non avendo la forza politica (e la volontà) di affrontare le questioni fondamentali.
Abbiamo un Piano regolatore, la cui discussione e approvazione da sempre annunciata resta da anni chiuso in un cassetto;una cronica mancanza di personale negli uffici comunali alla quale si sarebbe potuto dare parziale sollievo affidando ad operatori esterni le attività non sensibili e a basso valore aggiunto; problemi di ordine pubblico e il nuovo Piano urbano del traffico che richiedono una energica azione di definizione e attuazione; abbiamo operatori economici (New Generation Home) che da anni attende invano le autorizzazioni per poter intraprendere pienamente la legittima attività… e l'elenco potrebbe continuare.
Alla nostra Corato auguriamo di non dover più assistere a questa agonia amministrativa che ha saputo produrre situazioni a volte grottesche, a volte umilianti per le persone, per le istituzioni e per i ruoli coinvolti.
  • Movimento Schittulli
Altri contenuti a tema
Movimento Schittulli: «No al mercato in centro? Motivazioni grottesche» Movimento Schittulli: «No al mercato in centro? Motivazioni grottesche» Il Movimento Schittulli stigmatizza il respingimento della mozione per portare il mercato in centro
Mercato in centro, botta e risposta tra ex assessori Mercato in centro, botta e risposta tra ex assessori Mario Matteo Malcangi risponde a Gaetano Nesta
1 Movimento Schittulli: «Ora anche il mercato del sabato torni nel centro cittadino» Movimento Schittulli: «Ora anche il mercato del sabato torni nel centro cittadino» Una nota a firma del coordinatore del Movimento Schittulli Mario Matteo Malcangi
Il Movimento Schittulli all'attacco: «Il sindaco si dimetta e spieghi ai cittadini i motivi dell'agonia» Il Movimento Schittulli all'attacco: «Il sindaco si dimetta e spieghi ai cittadini i motivi dell'agonia» Dura nota a firma del coordinatore del Movimento Mario Matteo Malcangi
Chiusura via Giappone, Malcangi: «Pronti a fare battaglia» Chiusura via Giappone, Malcangi: «Pronti a fare battaglia» Il coordinatore del Movimento Schittulli protesta sulla scelta di chiudere il passaggio a livello di via Giappone
1 Crisi amministrativa, Malcangi tira in ballo la data del 24 febbraio Crisi amministrativa, Malcangi tira in ballo la data del 24 febbraio L'ex assessore paventa un lungo commissariamento per la città
Movimento Schittulli: «Nostro pressing per smuovere una questione inspiegabilmente bloccata da due anni» Movimento Schittulli: «Nostro pressing per smuovere una questione inspiegabilmente bloccata da due anni» «Le imprese non devono essere ostacolate dalla politica, ma salvaguardate»
Emiliano e Schittulli a Corato: si rafforza il sodalizio Emiliano e Schittulli a Corato: si rafforza il sodalizio Il Governatore e il Professore hanno salutato i simpatizzanti del Movimento Schittulli
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.