internet
internet
Occhio alla rete!

Coronavirus, i criminali del web in azione. Si sfrutta il timore per truffare la gente

Le raccomandazioni della Polizia di Stato

Sfruttando le preoccupazioni che il Coronavirus sta generando tra le persone, i criminali del web stanno approfittando di questo momento di vulnerabilità per colpire le ignare vittime con attività di Phishing legate al COVID-19.

L'ultima in ordine di tempo, scoperta dalla Polizia postale e delle comunicazioni, riguarda una campagna di frodi informatiche attraverso l'inoltro di email a firma di una tale dottoressa Penelope Marchetti, presunta "esperta" dell'Organizzazione mondiale della sanità in Italia. I falsi messaggi di posta elettronica, dal linguaggio professionale ed assolutamente credibile, invitano le vittime ad aprire un allegato infetto, contenente presunte precauzioni per evitare l'infezione da Coronavirus. Il malware, della famiglia "Ostap" e nascosto in un archivio javascript, mira a carpire i nostri dati sensibili.

Il Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic) della Polizia postale, aveva rilevato, subito dopo il diffondersi della paura per il Coronavirus, una campagna di false email, apparentemente provenienti da un centro medico e redatte in lingua giapponese, le quali, con il pretesto di fornire aggiornamenti sulla diffusione del virus, invitavano ad aprire un allegato malevolo che mirava ad impossessarsi delle credenziali bancarie e dei dati personali della vittima.

Successivamente, veniva scoperta un'altra attività di Phishing che invitava ad aprire un file "zip" contente documenti excel, che diffondeva un virus di tipo RAT, chiamato "Pallax". A seguito dell'inconsapevole click, questo pericoloso virus (venduto per pochi dollari negli ambienti più nascosti del darkweb fin dal 2019) consentiva agli hacker di assumere il pieno controllo del dispositivo attaccato, spiando i comportamenti della vittima, rubando dati sensibili e credenziali riservate, nonché, assumendo il controllo della macchina attaccata in maniera assolutamente "invisibile".

Gli specialisti della Polizia postale individuavano anche un altro virus RAT, dal funzionamento simile, che nascosto dietro un file chiamato CoronaVirusSafetyMeasures.pdf, assumeva il controllo del dispositivo infettato, trasformandolo, all'insaputa della vittima, in un computer zombie, gestito da remoto da un computer principale per effettuare successivi attacchi informatici in tutto il mondo.

L'invito della Polizia postale è di diffidare da questi e da simili messaggi, evitando accuratamente di aprire gli allegati che essi contengono e di segnalare eventuali trntativi di Phishing al Commissariato di P.S. online.
  • internet
Altri contenuti a tema
Mail su Immuni. Ma si tratta di un virus informatico Mail su Immuni. Ma si tratta di un virus informatico Rimanderebbe ad un finto sito della Federazione degli Ordini dei Farmacisti
5G, «Non si ipotizzano particolari problemi per la salute» 5G, «Non si ipotizzano particolari problemi per la salute» Pubblicato nei giorni scorsi il rapporto sulla tecnologia 5G, da parte dell'Arpa Puglia
Adescamento online dei minori, il garante: «Non abbassate la guardia» Adescamento online dei minori, il garante: «Non abbassate la guardia» Alcuni consigli per riconoscere le situazioni a rischio
A Corato arriva la fibra ottica di ultima generazione A Corato arriva la fibra ottica di ultima generazione Un progetto che prevede l'investimento di circa 5 milioni di euro da parte della Società
Il “lato oscuro” del web non fa più paura grazie a Nova Networks Il “lato oscuro” del web non fa più paura grazie a Nova Networks L’azienda barlettana ha elaborato un progetto per prevenire rischi quando si è online, soprattutto tra i più piccoli
"Download fallito", Whatsapp, Facebook e Instagram vanno di nuovo down "Download fallito", Whatsapp, Facebook e Instagram vanno di nuovo down Per molti utenti impossibile scaricare immagini e messaggi vocali
Disagi Vodafone, l'azienda rimedia: oggi dati illimitati Disagi Vodafone, l'azienda rimedia: oggi dati illimitati Ieri la rete ha provocato disagi agli utenti
Ricatti hard e tentativi di truffa via web Ricatti hard e tentativi di truffa via web Con una email richiesta di pagamento per evitare la diffusione di contenuti osè
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.