Parrucchiere
Parrucchiere

Chiusure in zona rossa: «Abbandonati e uccisi nella dignità. Riaprite le nostre serrande»

Lo sfogo del parrucchiere Vito Balducci, comune a quello di commercianti e artigiani fermi dalle restrizioni

A Corato, come in tutta la Puglia, protestano ristoratori, commercianti e artigiani contro le restrizioni e gli aiuti non ricevuti dal Governo e dalla Regione. Molte sono le attività attualmente costrette alla chiusura in virtù delle misure restrittive da zona rossa che hanno esposto dei cartelli con su scritto "abbandonati e uccisi dallo Stato", su vetrine o sui propri profili social. Una situazione difficile e drammatica che ben si riassume nelle parole del parrucchiere Vito Balducci, professionista che mette nero su bianco lo sfogo rivolto alle istituzioni di una intera categoria messa in ginocchio dalle chiusure imposte solo per alcune attività ritenute "non necessarie".

State mettendo noi, come tutti i commercianti e gli artigiani, nelle condizioni di dover scegliere tra la salute e la nostra dignità nel dover adempiere a tutti i nostri obblighi. Che sia chiaro a tutti, la pazienza è ai minimi storici.

Siamo stanchi e stufi di dover assistere a differenti trattamenti tra singole attività, di vedere la gente ugualmente in giro mentre noi siamo costretti in casa a dover dare giustificazioni a banche, fornitori, proprietari di locali, commercialisti, Enel, Eni, Acquedotto, Inps, Inail, Tari, Irpef, strozzini e chi più ne ha più ne metta!

La cosa peggiore di tutta questa situazione è accorgersi, dopo 20 anni di lavoro, di avere un'attività "non essenziale", di essere parte di quelle categorie demonizzate come untrici e relegate a pochi, insomma quelli che possono anche chiudere, tanto senza il parrucchiere non si muore, giusto?

Vorrei tanto capire chi ha deciso che andare dal parrucchiere di fiducia sia meno utile di un cacciavite, o che un pacchetto di sigarette sia più utile di una pentola. Qui non si deve guardare alla "moralità" delle attività, ma al fatto che ogni attività è un lavoro, ed è lavoro per tutti, indipendentemente dall'essere un lavoratore privato, pubblico, autonomo o una P.IVA, senza distinzioni fra una palestra, un negozio, un supermercato o una ferramenta!

O qui stiamo tutti chiusi, oppure stiamo tutti aperti, perché altrimenti ci stiamo solo prendendo in giro!

I soldi che ci avete stanziato, quel fumo negli occhi che da un anno ci state buttando, credendo di alleviare le nostre sofferenze, non servono a niente se non a fomentare rabbia e frustrazione.

Il 7 aprile o riaprite le nostre serrande, oppure dovremo farlo autonomamente.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Il Covid arretra in Puglia, solo 6 tamponi su 100 sono positivi Il Covid arretra in Puglia, solo 6 tamponi su 100 sono positivi Meno di 700 i nuovi contagiati su oltre 11mila test effettuati
Covid, a Corato il virus galoppa: 90 casi in 5 giorni Covid, a Corato il virus galoppa: 90 casi in 5 giorni Scende il numero dei positivi totali ma il dato non è confortante
Covid, la domenica in Puglia lascia ben sperare: 247 nuovi positivi su 4700 tamponi Covid, la domenica in Puglia lascia ben sperare: 247 nuovi positivi su 4700 tamponi Si contano 25 morti, in prevalenza nel tarantino
Covid, in Puglia 646 nuovi casi: un terzo nel barese Covid, in Puglia 646 nuovi casi: un terzo nel barese Sono 25 i decessi nella regione
Covid, 979 casi e 21 decessi in Puglia: la metà in provincia di Bari Covid, 979 casi e 21 decessi in Puglia: la metà in provincia di Bari Cala l'incidenza di contagio con 11543 test effettuati
Si torna al bar e al ristorante, riaprono cinema e teatri. Cosa cambia in Puglia da lunedì Si torna al bar e al ristorante, riaprono cinema e teatri. Cosa cambia in Puglia da lunedì Più libertà anche negli spostamenti ma resta il coprifuoco
Puglia in zona gialla, Lopalco: «Non è un liberi tutti» Puglia in zona gialla, Lopalco: «Non è un liberi tutti» Attesa la firma dell'ordinanza, ecco cosa cambia da lunedì 10 maggio
Coronavirus, 870 nuovi casi su 11mila tamponi Coronavirus, 870 nuovi casi su 11mila tamponi Sono 20 i decessi in Puglia
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.