Grano
Grano
Economia

Aumento importazioni, crolla il prezzo del grano duro biologico pugliese

CIA Puglia: «Il grano duro pugliese, nonostante sia tra i migliori al mondo, continua a perdere fette di mercato»

Crolla il prezzo del grano duro biologico. Alla borsa merci di Bari, si è registrato l'ennesimo ulteriore calo: il prezzo è stato ribassato di ben tre euro a tonnellata, scendendo quasi allo stesso importo pagato per quello convenzionale. Il grano biologico buono va da un minimo di 318 euro a 323 a tonnellata, mentre quello più comune va da un minimo di 308 euro a 313 a tonnellata.

L'invasione del grano duro biologico importato dalla Romania, con costi di produzione decisamente inferiori, sta tagliando fuori dal mercato i produttori di grano duro della provincia di Bari e Barletta-Andria-Trani.

Ormai, denuncia Felice Ardito, presidente di Cia-Agricoltori Italiani Levante, «anche il contributo concesso dalla Regione Puglia ai produttori di grano duro biologico non riesce più a coprire il minor prezzo contrattato sui mercati. Vendere il grano duro biologico a meno di 40 euro a quintale non è assolutamente conveniente né può essere sostenibile per la sopravvivenza delle nostre aziende. Paradossalmente, le farine e le paste biologiche messe in vendita ai consumatori non hanno subìto alcuna significativa riduzione». Per il bio, le importazioni sono aumentate del 30% negli ultimi due anni.

Il grano duro pugliese, nonostante sia tra i migliori al mondo, continua a perdere fette di mercato. Quando il prezzo di un prodotto crolla, ci sono due possibilità: o è crollata la domanda o è aumentata l'offerta. La domanda di grano duro biologico risulta in aumento e quindi non può che essere aumentata l'offerta in maniera esponenziale, soprattutto a causa delle crescenti importazioni dalla Romania e dai Paesi extra Ue.

La produzione di frumento si colloca alla base della filiera della pasta, che, benché strategica per l'agroalimentare italiano, è caratterizzata da problematiche di ordine competitivo, strutturale e organizzativo. Fattori questi che molto spesso attivano, in una spirale negativa, la sequenza: bassa qualità, scarsa remunerazione, riduzione degli investimenti, abbassamento ulteriore della qualità. Conseguenza principale di questi problemi è la difficoltà di cogliere le opportunità nell'ambito di questa importante filiera, non consentendo all'imprenditore agricolo un'adeguata valorizzazione sul mercato della propria produzione e il suo orientamento alla domanda delle industrie di trasformazione.
  • CIA Agricoltura
Altri contenuti a tema
Cinghiali distruggono ettari di coltivazioni, Cia Puglia: «Situazione fuori controllo» Cinghiali distruggono ettari di coltivazioni, Cia Puglia: «Situazione fuori controllo» Nell’Alta Murgia circa 4000 esemplari liberi: migliaia di euro di danni. Oggi protesta a Montecitorio
Allarme caldo per frutta e verdura, a rischio i fioroni Allarme caldo per frutta e verdura, a rischio i fioroni Cresce la preoccupazione fra gli agricoltori, Cia Puglia chiede il riconoscimento dello stato di calamità
Clima torrido e persistente siccità, Cia Puglia: «Riconosciuto stato di calamità» Clima torrido e persistente siccità, Cia Puglia: «Riconosciuto stato di calamità» Cia agricoltori italiani della Puglia evidenzia i gravi danni all’agricoltura pugliese
Fondi regionali per strade e marciapiedi, «Siano destinati anche alle vie rurali» Fondi regionali per strade e marciapiedi, «Siano destinati anche alle vie rurali» L'appello di Cia Puglia a prestare attenzione alle strade dell'agricoltura
Vacanze in Puglia, l'invito di CIA: «Venite negli agriturismi» Vacanze in Puglia, l'invito di CIA: «Venite negli agriturismi» «Per contribuire a preservare e valorizzare l'enorme patrimonio ambientale, paesaggistico, economico e sociale»
Vino con acqua e dealcolato, la Puglia dice "no" alla proposta UE Vino con acqua e dealcolato, la Puglia dice "no" alla proposta UE CIA Puglia: «Si distruggono un comparto identitario e una storia millenaria»
Gelate notturne in Puglia, gravi danni e raccolti compromessi Gelate notturne in Puglia, gravi danni e raccolti compromessi Il monitoraggio di Cia Puglia e Coldiretti e la richiesta di interventi regionali per lo stato di calamità naturale
Deposito scorie nucleari, anche Cia Levante al sit-in di protesta Deposito scorie nucleari, anche Cia Levante al sit-in di protesta Oggi la manifestazione promossa dal comitato “No scorie Puglia e Basilicata”
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.