Gilet arancioni
Gilet arancioni
Attualità

I gilet arancioni pronti a marciare su Roma

Manifestazione di protesta fissata per il 14 febbraio


I trattori dei Gilet arancioni si rimettono in moto e questa volta puntano verso Roma: il 14 febbraio le organizzazioni agricole che hanno fondato questo libero movimento della terra – Agci, Associazione frantoiani di Puglia, Cia, Confagricoltura, Confocooperative, Copagri, Italia olivicola, Legacoop, Movimento nazionale agricoltura, Unapol, Liberi Agricoltori - daranno vita ad una grande manifestazione di protesta, insieme ai sindacati degli operai e ai Sindaci, contro il governo, disattento alle richieste degli agricoltori del Sud, per sensibilizzare l'approvazione di misure vere in favore dell'olivicoltura pugliese ed italiana, massacrata da calamità naturali senza precedenti.

A precedere la grande mobilitazione degli agricoltori pugliesi ci saranno presidi fissi in diversi Comuni della Puglia. È quanto deciso oggi pomeriggio a Ruvo di Puglia durante l'assemblea che ha visto la partecipazione di oltre 500 agricoltori. "Siamo una fabbrica a cielo aperto, la più importante in Puglia ed in Italia, non arretriamo nemmeno di un millimetro: è una questione di dignità - spiega il portavoce dei Gilet arancioni, Onofrio Spagnoletti Zeuli -. La data della manifestazione è simbolica: il giorno di San Valentino rinnoviamo la promessa d'amore alla nostra terra". La prossima settimana sarà dedicata alle assemblee nelle città olivicole più rilevanti della Regione, da Cerignola a Leuca, verranno anche pianificati i percorsi che seguiranno i trattori che partendo da ogni angolo della Puglia arriveranno a Roma il 14 febbraio.

Sono in programma anche diversi incontri con gli olivicoltori delle altre regioni italiane che in massa stanno manifestando solidarietà e sostegno al movimento pugliese.

"Il 14 febbraio sarà mobilitazione nazionale, bisogna salvare realmente l'olivicoltura italiana - conclude Spagnoletti Zeuli -. Serve un decreto con risorse reali ed una serie di interventi per rilanciare uno dei settori più importanti dell'agricoltura
gilet arancionigilet arancioni
  • gilet arancioni
Altri contenuti a tema
Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: confronto tra produttori e politica Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: confronto tra produttori e politica Appuntamento domani mattina a Bari, presso l'hotel Parco dei Principi. Si discuterà anche degli scenari post emergenze gelate e xylella
"Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio "Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio Sono le proposte dei Gilet Arancioni
I Gilet arancioni a Di Maio: "Interventi rapidi per salvare l'industria ecosostenibile di Puglia" I Gilet arancioni a Di Maio: "Interventi rapidi per salvare l'industria ecosostenibile di Puglia" Richiesto l'intervento del vice premier
Decreto emergenze agricole, Gilet Arancioni: «C'è qualche manina che ne blocca la pubblicazione» Decreto emergenze agricole, Gilet Arancioni: «C'è qualche manina che ne blocca la pubblicazione» Le dichiarazioni di Onofrio Spagnoletti Zeuli
Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo I gilet arancioni: «Ora attendiamo Centinaio in Puglia»
Gilet Arancioni, Emiliano: «Pronti ad attingere all'avanzo di amministrazione se il governo lo sblocca» Gilet Arancioni, Emiliano: «Pronti ad attingere all'avanzo di amministrazione se il governo lo sblocca» Il governatore conferma il sostegno agli agricoltori
I Gilet Arancioni tornano vincenti da Roma I Gilet Arancioni tornano vincenti da Roma Spagnoletti Zeuli: «Ha vinto l'amore per la terra»
Gilet arancioni a Roma, Corato e Ruvo di Puglia in prima linea Gilet arancioni a Roma, Corato e Ruvo di Puglia in prima linea In piazza anche tanti primi cittadini
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.