Gilet arancioni
Gilet arancioni
Attualità

I Gilet Arancioni tornano vincenti da Roma

Spagnoletti Zeuli: «Ha vinto l'amore per la terra»

Il ministro all'agricoltura Gian Marco Centinaio è arrivato in piazza con le risposte che gli agricoltori pugliesi attendevano da tempo: il 26 febbraio sarà in Puglia, forse proprio ad Andria, per portare i decreti legge ministeriali per xylella e gelate. Inoltre, ha annunciato anche che a Roma si lavora per il piano strategico dell'olivicoltura italiana.

Un trionfo degli olivicoltori nel giorno della più grande manifestazione di sempre dell'olivicoltura italiana.

Insomma, le risposte tanto attese fino alla fine sono arrivate. In 5mila hanno raggiunto dalla Puglia piazza Santi Apostoli, a Roma: gli olivicoltori riuniti sotto il simbolo del Gilet arancione. A dare sostengo alla manifestazione di protesta contro il governo per il mancato riconoscimento dello stato di calamità per le gelate del 2018, anche tanti sindaci, i sindacati dei lavoratori e molte delegazioni agricole arrivate dalla Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Abruzzo e Toscana, per chiedere decreti d'urgenza e risorse per le gelate che hanno messo in ginocchio l'olivicoltura pugliese. "Ridateci la dignità", "Non siamo cittadini di serie B", "In attesa del decreto moriremo gelati": alcuni dei cartelli esposti.

Non appena ha preso la parola il ministro si è scusato per non essere venuto il 31 gennaio e scherzando con uno dei manifestanti ha detto: "Non posso prenderti per il bip, non abito su Marte. Sai dove abito e dove lavoro e se ti prendo in giro sai dove venirmi a prendere!".

Innegabile la soddisfazione di Onofrio Spagnoletti Zeuli che ha commentato i risultati ottenuti dopo la grande mobilitazione degli olivicoltori italiani in piazza Santi Apostoli, la più grande di sempre del settore.

"Il Ministro Centinaio, la sottosegretaria Pesce e tutto il governo hanno preso impegni solenni davanti a 5000 olivicoltori e adesso aspettiamo con trepidazione i due decreti legge d'urgenza per far fronte alle emergenze xylella e gelate".

"È stata la vittoria di un popolo unito, di uomini e donne che amano la propria terra ed il proprio lavoro al punto tale da sacrificare alle volte, come oggi, anche gli affetti più cari pur di difendere i propri diritti - ha rimarcato Spagnoletti Zeuli -. Il 26 febbraio attendiamo l'arrivo di Centinaio da noi con i primi risultati concreti".

"Il Ministro ha fatto sua tutta la nostra piattaforma programmatica e ci ha ringraziato per l'importante apporto al decreto xylella, approvato ieri in conferenza Stato-Regioni, dove sono stati inseriti gli interventi per le aziende e i frantoi colpiti, da noi richiesti a gran voce – ha continuato Spagnoletti Zeuli -. Per le gelate è passata la linea del buonsenso da noi proposta, quella di un decreto legge, unica soluzione in grado di dare risposte immediate e concrete con risorse importanti per il ristoro delle aziende e dei lavoratori".
"Per fronteggiare l'emergenza occupazionale, invece, entro il 26 sarà convocato il tavolo interministeriale al Mise, mentre la sottosegretaria Pesce sta già lavorando per il nuovo piano strategico nazionale dell'olivicoltura in grado di rilanciare la produzione italiana", ha detto Spagnoletti Zeuli.

"Abbiamo vinto grazie gli agricoltori di tutti i colori, alle organizzazioni che hanno deciso di mettere da parte le proprie bandiere, ai sindacati, ai Sindaci, ai ragazzi delle scuole, alla sensibilità del Ministro, della Sottosegretaria, al lavoro di queste settimane della Regione e al pressing di diversi parlamentari – ha evidenziato il portavoce dei gilet arancioni -. Gli unici sconfitti di questa storia sono i funzionari nazionali e regionali dell'unica organizzazione rimasta fuori, per sua scelta, da questo progetto unitario, che fino a due giorni fa hanno continuato a dileggiare questa grande iniziativa".

"Ha vinto l'amore per la terra, ha vinto la sinergia, hanno vinto gli olivicoltori, hanno perso l'arroganza e la protervia di chi nel settore olivicolo ha soltanto un ruolo marginale", ha concluso Spagnoletti Zeuli.
  • gilet arancioni
Altri contenuti a tema
Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: confronto tra produttori e politica Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: confronto tra produttori e politica Appuntamento domani mattina a Bari, presso l'hotel Parco dei Principi. Si discuterà anche degli scenari post emergenze gelate e xylella
"Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio "Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio Sono le proposte dei Gilet Arancioni
I Gilet arancioni a Di Maio: "Interventi rapidi per salvare l'industria ecosostenibile di Puglia" I Gilet arancioni a Di Maio: "Interventi rapidi per salvare l'industria ecosostenibile di Puglia" Richiesto l'intervento del vice premier
Decreto emergenze agricole, Gilet Arancioni: «C'è qualche manina che ne blocca la pubblicazione» Decreto emergenze agricole, Gilet Arancioni: «C'è qualche manina che ne blocca la pubblicazione» Le dichiarazioni di Onofrio Spagnoletti Zeuli
Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo I gilet arancioni: «Ora attendiamo Centinaio in Puglia»
Gilet Arancioni, Emiliano: «Pronti ad attingere all'avanzo di amministrazione se il governo lo sblocca» Gilet Arancioni, Emiliano: «Pronti ad attingere all'avanzo di amministrazione se il governo lo sblocca» Il governatore conferma il sostegno agli agricoltori
Gilet arancioni a Roma, Corato e Ruvo di Puglia in prima linea Gilet arancioni a Roma, Corato e Ruvo di Puglia in prima linea In piazza anche tanti primi cittadini
I gilet arancioni pronti a raggiungere Roma. In cinquemila verso la Capitale I gilet arancioni pronti a raggiungere Roma. In cinquemila verso la Capitale Domani la mobilitazione di olivicoltori da tutta Italia
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.