Michele Emiliano
Michele Emiliano
Politica

Michele Emiliano lascia il PD: «Dopo sentenza della Corte Costituzionale non posso rinnovare la tessera»

Il governatore: «Continuerò a supportare il Partito in ogni modo in cui mi venga richiesto». Il sarcasmo del M5S

Dopo la sentenza della Corte Costituzionale che vieta ai magistrati l'iscrizione, o la partecipazione "sistematica e continuativa", a partiti politici per tutelarne indipendenza e imparzialità, il governatore della Regione Puglia Michele Emiliano deve lasciare il Partito Democratico, di cui è stato fra i fondatori.

Emiliano, in aspettativa da 14 anni dal suo ruolo di magistrati, in una nota inviata al circolo PD Murat-San Nicola ha scritto: «Per ragioni legate al mio ruolo di magistrato, sia pure in aspettativa per mandato elettorale, devo comunicare la mia decisione, dolorosa ma inevitabile, di non rinnovare l'iscrizione al PD, in ossequio alla recente sentenza della Corte Costituzionale in materia. Continuerò a supportare il PD in ogni modo in cui mi venga richiesto e continuerò a frequentare il mio circolo ed ogni istanza di partito alla quale riterrò di intervenire. Vi è infatti che il mio ruolo di capo politico della coalizione di centrosinistra della Regione Puglia è per me coessenziale alla mia militanza nel PD al quale sarò sempre legato».

Immediato il commento dell'ex ministro Carlo Calenda, che su Twitter esulta: «Una buona notizia. Finalmente Emiliano fuori dal Pd».

E non si è fatto attendere il commento dei consiglieri regionali del M5S alla notizia che Michele Emiliano non rinnova tessera PD.

«Non sapremmo dire a chi sia andata meglio: se al PD che si è liberato della zavorra Emiliano che ha tentato senza successo e in ogni modo la scalata ai vertici del partito, oppure se a Emiliano che ha trovato una buona scusa per abbandonare una nave che affonda. La sentenza di luglio della Consulta ribadisce solo che in tutti questi anni il presidente della Regione non ha rispettato le regole e se Emiliano vuole continuare a far politica sarebbe più coerente e corretto nei confronti dei cittadini italiani dimettersi da magistrato, un ruolo che ha esercitato solo per metà della sua vita lavorativa visto che per l'altra metà, ormai 15 anni, ha fatto solo il politico. Ormai ha senso chiedersi se si tratti di un magistrato prestato alla politica o di un politico prestato alla magistratura».
  • Partito Democratico
  • Emiliano
  • Movimento Cinque Stelle
Altri contenuti a tema
Regionali, Laricchia o Conca? Il M5S al ballottaggio Regionali, Laricchia o Conca? Il M5S al ballottaggio I due consiglieri regionali si contendono la candidatura a presidente
Primarie regionali centrosinistra, Emiliano stravince anche a Corato Primarie regionali centrosinistra, Emiliano stravince anche a Corato 631 i cittadini che hanno partecipato alla consultazione
Il ministro Boccia a Corato: «Primarie miglior esercizio di democrazia possibile» Il ministro Boccia a Corato: «Primarie miglior esercizio di democrazia possibile» La visita del ministro per gli affari regionali alla vigilia delle primarie per l'individuazione del candidato presidente della regione
Regionali, il Movimento 5 Stelle sceglie su Rousseau il candidato presidente Regionali, il Movimento 5 Stelle sceglie su Rousseau il candidato presidente Domani il termine ultimo per le candidature
Regionali, l'idea di politica di Elena Gentile. E domani tocca ad Amati Regionali, l'idea di politica di Elena Gentile. E domani tocca ad Amati Il resoconto del primo incontro con i candidati alle primarie
Il Partito Democratico chiama a raccolta il centrosinistra: "Incontriamoci" Il Partito Democratico chiama a raccolta il centrosinistra: "Incontriamoci" Primo passo verso il tentativo di ricomposizione
Attilio Di Girolamo nuovo segretario del Partito Democratico di Corato Attilio Di Girolamo nuovo segretario del Partito Democratico di Corato Succede al dimissionario Natalino Petrone
Il M5S scende in piazza: "Tutelare i diritti dei viaggiatori" Il M5S scende in piazza: "Tutelare i diritti dei viaggiatori" Parte domani la raccolta firme per la petizione
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.