Biblioteca Imbriani Corato
Biblioteca Imbriani Corato
Editoriale

Senza spazi rischia di non esserci più cultura

Senza Museo, senza Biblioteca, senza Teatro

La stagione estiva si appresta a salutarci e con essa la serie di eventi culturali e/o spettacoli che hanno animato l'estate coratina.

Dopo un lungo periodo di restrizioni si è finalmente tornati a poter godere dal vivo della presentazione di un libro, di un concerto in pubblica piazza, di uno spettacolo teatrale in presenza. Occasioni che, oggi più che mai, rivelano il loro grande valore.

La tecnologia è stata una grande alleata nell'attutire il pesante colpo delle restrizioni. Noi, nel nostro piccolo, ci siamo attivati affinché la voce della cultura continuasse a risuonare nelle case di quanta più gente possibile, mettendo a disposizione i nostri canali.

Ma non basta. La cultura dal vivo è ben altra cosa. E ci piace pensare che, proprio in ragione di questo, l'amministrazione comunale abbia voluto privilegiare lo svolgimento di attività culturali dal vivo, in spazi che fossero i più ampi possibili, spesso anche all'aperto, così da consentire la maggiore fruizione possibile degli eventi. E il pubblico sembra aver gradito.

Il parco comunale è diventato sede di concerti e spettacoli teatrali; il chiostro di Palazzo di Città cornice per eventi letterari e conferenze, le piazze del centro luogo di incontro per manifestazioni. D'estate le attività all'aperto sono ben più gradite.

Ma una volta passata la bella stagione che ne sarà della cultura cittadina? Dove si svolgeranno le manifestazioni di carattere culturale? Dovremo aspettare la prossima estate per prendere parte a rassegne e concerti o alle attività proposte dalle associazioni locali?

La biblioteca è chiusa da tempo; la sala conferenze, pertanto, non è utilizzabile. L'immobile sarà presto oggetto di lavori di ristrutturazione.

Il Museo è chiuso da tempo e, attualmente, è diventato il deposito dei libri della biblioteca.

Il Teatro Comunale è chiuso e non si sa quando riaprirà. Abbiamo saputo che l'amministrazione comunale ha trovato degli elementi essenziali non funzionanti ed inoltre erano scadute le autorizzazioni necessarie e le certificazioni, ad esempio quella dei carichi sospesi, anche a causa delle chiusure forzate per il Covid. Si rende altresì necessario provvedere ad una ri-certificazione di alcuni impianti. fra cui la ri-funzionalizzazione dell'impianto di condizionamento, in cui la rottura di un tubo ha provocato una infiltrazione d'acqua che ha interessato un camerino e l'impianto anti incendio.

Insomma, la cultura di Corato attualmente non ha casa, non ha spazi. E, non avendo spazi, rischia di non avere più spazio.

Settembre è quasi concluso. Il calendario delle manifestazioni estive volge al termine. E dopo?
  • cultura
Altri contenuti a tema
Cinema e cultura, al via due nuove misure regionali per la ripartenza Cinema e cultura, al via due nuove misure regionali per la ripartenza “Fondo Speciale Cultura” e “Bentornato Cinema!” per complessivi 1,45 milioni di euro
Dalla Regione 10milioni per la ripartenza della cultura Dalla Regione 10milioni per la ripartenza della cultura Approvato pacchetto di misure di sostegno su proposta dell'assessore Bray
Castel del Monte e i musei del territorio riaprono con accesso gratuito Castel del Monte e i musei del territorio riaprono con accesso gratuito I dettagli e le indicazioni della Direzione regionale Musei Puglia per ritornare a vivere in sicurezza i siti della cultura
Dalla Regione oltre 3 milioni di euro per far ripartire la cultura in Puglia Dalla Regione oltre 3 milioni di euro per far ripartire la cultura in Puglia A disposizione finanziamenti per gli operatori nella produzione teatrale, musicale e coreutica
Né Bari né Taranto: è Procida la Capitale della Cultura Né Bari né Taranto: è Procida la Capitale della Cultura L'annuncio questa mattina
Lo ZT e le Madonne di Costantinopoli. Focus sul misterioso artista che lasciò traccia a Corato Lo ZT e le Madonne di Costantinopoli. Focus sul misterioso artista che lasciò traccia a Corato Chi era l'autore che operò in Puglia e Basilicata nel Cinquecento?
Sostegno alle imprese culturali e turistiche, prorogato il bando della Regione Sostegno alle imprese culturali e turistiche, prorogato il bando della Regione Tra le novità: Estensione Codici Ateco e abbassamento della soglia di riduzione del fatturato al 30%
Custodiamo il turismo e la cultura, prorogato il bando della regione Custodiamo il turismo e la cultura, prorogato il bando della regione Aiuti in forma di sovvenzione diretta per le piccole e medie imprese
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.