tribunale
tribunale
Cronaca

Nardi chiede il trasferimento dal carcere di Lecce: «Motivi di sicurezza»

Nel carcere leccese molti condannati all'ergastolo dallo stesso magistrato

Motivi di sicurezza sono alla base della richiesta di trasferimento in altro carcere da parte degli avvocati difensori del Michele Nardi, attualmente detenuto a Borgo San Nicola.

Tale richiesta, stando a quanto si apprende, sarebbe motivata dalla presenza nel penitenziario salentino di molti detenuti condannati alla pena dell'ergastolo nell'ambito del maxi processo "Dolmen" contro la mafia del nord barese. In quel processo Nardi rivestì il ruolo di giudice a latere in Corte d'Assise.

La richiesta, formulata dai legali del giudice Nardi, è stata inoltrata al gip di Lecce Giovanni Gallo, che ha emesso la misura cautelare, ed è subordinata alla richiesta di applicazione degli arresti domiciliari.

Secondo quanto ipotizzato dai difensori di Nardi, alcuni detenuti del carcere potrebbero covare nei confronti del giudice dei sentimenti di vendetta e metterne pertanto in pericolo l'incolumità.

Nardi è stato arrestato il 14 gennaio insieme al suo collega Antonio Savasta a seguito di una indagine della Procura di Lecce che ha ipotizzato i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari, falso ideologico e materiale.
  • Michele Nardi
Altri contenuti a tema
Inchiesta sulle toghe tranesi, Nardi rimane in carcere Inchiesta sulle toghe tranesi, Nardi rimane in carcere Rigettata la richiesta dal tribunale del riesame
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.