violenza sessuale aggravata
violenza sessuale aggravata
Attualità

Restrizioni e lockdown, «Rischio nuova ondata di violenze domestiche»

L'allarme lanciato dagli psicologi Sannino e Di Gioia

«Con le nuove restrizioni c'è il rischio di assistere ad una nuova ondata di violenze domestiche fantasma». L'allarme è lanciato da Daniela Sannino, psicologa psicoterapeuta familiare: «In primavera abbiamo assistito ad un calo del 50% delle denunce di violenza domestica causato da una impossibilità delle vittime di poter esternare le loro difficoltà», prosegue la dottoressa Sannino, «non solo per la difficoltà di rivolgersi alle autorità, ma anche per timore di fare qualcosa di sbagliato che, in alcuni casi, fa dubitare se quella possa essere la decisione corretta.

La maggior parte delle donne vittime di violenza non entra in contatto con il sistema di giustizia, in quanto c'è la paura di affrontare l'iter di denuncia e le conseguenze pratiche perché temono di far cadere la responsabilità su di esse (victim blaming). In molti casi ci si chiude a in se stesse aspettando che il peggio possa finire, ma può un incubo simile avere fine?

In periodi come quello che stiamo vivendo, la famiglia o il proprio partner costituiscono l'unico contenitore delle ansie quotidiane, nonché unica certezza dalla quale ripartire e per questo alcune vittime temono che risolversi a strutture qualificate e poi sporgere denuncia possa non essere una soluzione».

Nella maggior parte dei casi le vittime sono donne costrette ad una convivenza con i propri aguzzini che si tramuta in una condizione di paura, semi prigionia e asservimento. Noia, frustrazione, insoddisfazione sono emozioni che almeno una volta abbiamo provato ma che in situazioni estreme, come quella che stiamo vivendo, rischiano di trasformarsi nell'innesco di tragedie preannunciate.

Le violenze ripetute nel tempo possono portare a gravi conseguenze psicologiche nelle donne come sintomi d'ansia, depressione, disturbo post-traumatico da stress e senso di colpa. A volte può succedere che la dipendenza emotiva che il soggetto prova verso il suo abusante, lo porta a giustificare tale comportamento violento.

«Le donne, però possono chiedere aiuto ai Centri antiviolenza, un primo passo verso la riacquisizione della propria libertà», aggiunge lo psicologo Antonio Di Gioia, «quello successivo è liberarsi di quella sofferenza interiore che continua a bloccarci: questo è il compito dei professionisti del benessere psicologico che sapranno accompagnare le vittime passo dopo passo verso il ritorno alla vita».
  • Coronavirus
  • Violenza domestica
Altri contenuti a tema
Covid in Puglia, scende vistosamente il dato dei ricoverati Covid in Puglia, scende vistosamente il dato dei ricoverati Poco più di 3mila gli attualmente positivi
Covid Puglia: scendono gli attualmente positivi, salgono i ricoverati Covid Puglia: scendono gli attualmente positivi, salgono i ricoverati I contagi sui nuovi tamponi sotto l'1%
Monitoraggio Covid nelle scuole e terza dose di vaccino, l'andamento in Puglia Monitoraggio Covid nelle scuole e terza dose di vaccino, l'andamento in Puglia Da ieri mattina avviate le due procedure regionali
Mezzo milione di euro a sostegno delle piccole e piccolissime attività Mezzo milione di euro a sostegno delle piccole e piccolissime attività Il bando della Fondazione Specchio d’Italia
214 positivi al Covid ricoverati negli ospedali pugliesi 214 positivi al Covid ricoverati negli ospedali pugliesi Non si registrano ulteriori decessi nelle ultime ore
Covid in Puglia, nessun decesso nelle ultime ore ma risale il numero dei ricoverati Covid in Puglia, nessun decesso nelle ultime ore ma risale il numero dei ricoverati Cresce l'incidenza delle ospedalizzazioni rispetto ai nuovi casi positivi a causa della diffusione delle varianti del virus
Covid in Puglia, confortante tendenza al calo degli attualmente positivi Covid in Puglia, confortante tendenza al calo degli attualmente positivi Meno di 200 i ricoverati negli ospedali ma il bilancio dei decessi è salito di altre cinque unità
Covid, a Corato 20 nuovi casi nell'ultima settimana Covid, a Corato 20 nuovi casi nell'ultima settimana Sono 55 gli attualmente positivi
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.