Agricoltura
Agricoltura
Attualità

Coldiretti Puglia: «Subito un decreto flussi per "salvare" i raccolti»

14 mila lavoratori non comunitari impegnati sul territorio regionale, la gran parte proprio in agricoltura

Come ridurre la dipendenza alimentare dall'estero e assicura la possibilità di produrre e consumare prodotti al giusto prezzo? I referenti di Coldiretti Puglia non hanno dubbi: è fondamentale disporre immediatamente il decreto flussi 2023 «per salvare i raccolti e cogliere nel settore agroalimentare le opportunità che vengono dalla ripresa economica in un comparto che resta ancora fortemente dipendente dal contributo dei lavoratori stranieri e difendere la sovranità alimentare».

In Puglia sono 88mila i cittadini non comunitari al 1° gennaio 2022, di cui 14mila per motivi di lavoro ripartiti tra le province di Bari più Bat e Lecce che trainano rispettivamente con 4.194 e 3.683 lavoratori extracomunitari, seguite da Foggia con 2.886 cittadini non comunitari, Taranto con 2.401 e Brindisi con 995 lavoratori non comunitari.

«Per l'effetto congiunto dei cambiamenti climatici e dell'esplosione dei costi di produzione, in misura superiore ai Paesi concorrenti, le importazioni di prodotti agroalimentari in Italia sono cresciute del 29% nel 2022 aumentando la dipendenza dall'estero» hanno rimarcato da Coldiretti, che ha presentato al Governo un piano in più punti per far crescere il settore agroalimentare come asset strategico del Paese al pari dell'energia.

«Da mesi è sos manodopera nei campi in Puglia dove per salvare i raccolti, con la campagna olivicola in corso, e cogliere nel settore agroalimentare le opportunità che vengono dalla ripresa economica è importante il decreto flussi in un settore che resta ancora fortemente dipendente dal contributo dei lavoratori stranieri, quando nei campi pugliesi già sono andate perse 30mila giornate di lavoro» hanno aggiunto.

«Un problema grave in una situazione in cui a livello regionale viene ottenuto da mani straniere più di 1/4 del Made in Italy a tavola, con oltre 38mila lavoratori stranieri che forniscono il 22,4% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore in Puglia, mentre si registrano fortissime difficoltà a reperire anche la manodopera italiana.
A pesare sono i limiti al passaggio nelle frontiere disposti da molti Paesi per l'emergenza Covid ma anche il mancato riconoscimento in Italia dei green pass ottenuti da vaccini somministrati nei Paesi extracomunitari, come il Sinopharm cinese, la cui validità non è riconosciuta in Italia» hanno evidenziato.

Il contributo dei lavoratori immigrati all'agricoltura pugliese è importante nella raccolta dei pomodori, degli asparagi e dei carciofi e nelle stalle sono divenuti insostituibili. In Puglia il maggior numero di extracomunitari hanno nazionalità rumena (51,18%), albanese (13,02%), bulgara (13,11%), marocchina (4,11%) e polacca (3,51%).

«In questo contesto per sostenere la crescita è necessario garantire la presenza di lavoratori in un settore come quello agricolo dove un prodotto su quattro viene raccolto da mani straniere.
L'approvvigionamento alimentare è assicurato in Puglia grazie al lavoro di oltre 100mila aziende agricole e stalle, più di 5mila imprese di lavorazione alimentare e una capillare rete di distribuzione tra negozi, supermercati, discount e mercati contadini di Campagna Amica, nonostante le preoccupazioni per la sicurezza, i vincoli, le difficoltà economiche e gli ostacoli oggettivi all'operatività, dalla ridotta disponibilità di manodopera ai blocchi alle frontiere per i trasporti, un impegno quotidiano senza sosta che è sostenuto anche dalle consegne a domicilio, dall'asporto e da importanti momenti di solidarietà verso i 200mila indigenti.

Intanto, arrivano i buoni lavoro nelle campagne dove occorre puntare sulla sburocratizzazione attraverso il confronto con le Istituzioni e i sindacati per individuare le formule più adeguate che garantiscano maggiore semplificazione per le imprese e le necessarie tutele per i lavoratori agricoli» hanno concluso da Coldiretti Puglia.

Cittadini non comunitari regolarmente presenti per motivo della presenza e provincia, per sesso (01/01/2022)
PROVINCESoggiornanti di
lungo periodo
LavoroFamiglia
(a)
StudioAsilo/
Umanitari
AltroTotale
Taranto45762.4011.191301.1961589.552
Brindisi3832995816231.4911957.352
Lecce112053.6832.1231822.19250119.886
Foggia68452.8861.635481.70532813.447
Bari237454.1944.8544123.8411.08438.130
Puglia5020314.15910.61969510.4252.26688.367

Fonte: elaborazioni Istat su dati del Ministero dell'Interno
(a) Sono compresi i minori registrati sul permesso di un adulto anche se rilasciato per motivi di lavoro
  • Agricoltura
  • Lavoro
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Coldiretti: oltre mezzo chilo di cibo a persona buttato ogni settimana Coldiretti: oltre mezzo chilo di cibo a persona buttato ogni settimana Avanzi in cucina per il 60% dei pugliesi
Agricoltura 4.0, droni e robot sempre più frequentemente utilizzati Agricoltura 4.0, droni e robot sempre più frequentemente utilizzati Il 64% delle aziende agricole sposa l'agritech
Coldiretti: negli ultimi dieci anni perse il 30% di aziende agricole Coldiretti: negli ultimi dieci anni perse il 30% di aziende agricole Tra le cause gli alti costi di produzione, il clima, la concorrenza sleale
Maltempo, l'89% del territorio pugliese è a rischio smottamenti e allagamenti Maltempo, l'89% del territorio pugliese è a rischio smottamenti e allagamenti Coldiretti: negli ultimi cinquant'anni scomparso un terreno agricolo su tre
Coldiretti Puglia, nei giorni della merla è allarme gelo Coldiretti Puglia, nei giorni della merla è allarme gelo A rischio piante e alberi già in fiore
Calamità: Coldiretti Puglia, ecco le misure salva lavoro Calamità: Coldiretti Puglia, ecco le misure salva lavoro Nel solo anno 2022 perso il 21% della produzione
Obiettivo Tropici cerca animatori da inviare in giro per il mondo Obiettivo Tropici cerca animatori da inviare in giro per il mondo Il 2 febbraio a Palazzo Gioia il recruiting day
Nonni salvano il bilancio familiare in quattro famiglie su dieci Nonni salvano il bilancio familiare in quattro famiglie su dieci Questo quanto emerge da una rilevazione divulgata in occasione dell’assemblea dei Senior della Coldiretti
© 2016-2023 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.