Elettrodotto
Elettrodotto

Elettrodotto, De Benedittis: «La proposta di Terna è un insulto alla città»

Il commento al protocollo d'intesa tra Comune e Terna

Una nota del prof. Corrado De Benedittis

Torna alla ribalta dell'attenzione il problema elettrodotto della 167 di Corato che ho seguito passo passo al fianco dei Comitati cittadini di lotta, in qualità di responsabile della Caritas cittadina, nei passati anni.

Torna... ma i cittadini e le cittadine di quel quartiere non sono mai andati via e hanno continuato drammaticamente a patire la presenza di tralicci dell'alta tensione con gravi conseguenze su salute e benessere.

Terna, la società di gestione delle linee elettriche in Italia, propone al Comune di Corato un nuovo protocollo d'intesa da sottoporre alla ratifica del Consiglio comunale.
Triste verità: nulla di significativo è cambiato rispetto al precedente protocollo di ben dieci anni fa, incautamente firmato dall'Amministrazione dell'epoca, se non l'introduzione di un tipo di traliccio compatto, peraltro già previsto e la revisione della collocazione di circa tre pali per motivi idrogeologici.

C'è di peggio, il Comune di Corato dovrebbe dichiarare testualmente: "che lungo le aree potenzialmente impegnate dai tracciati individuati e dalle proposte di varianti non vi sono abitazioni/edifici/recettori, che non consentirebbero la realizzazione dell'intervento ove autorizzato."

Un palese falso, se è vero com'è vero, che l'intero progetto di spostamento dell'elettrodotto si è bloccato proprio per la legittima opposizione degli abitanti e dei soggetti economici che abitano, vivono e lavorano lungo quelle aree e di cui ora si chiede di dichiararne la non esistenza. Assurdo!

Una novità c'è: Terna riconosce l'esistenza di un danno ambientale e che fa? Elargisce una ridicola misura compensativa di 100mila euro iva inclusa, che quindi sarebbero 75mila euro al netto, con cui si tenta, più che altro, di comprare la dignità di un Quartiere, di una Città e di una Comunità che per decenni hanno lottato per il riconoscimento del diritto alla salute di tutti e tutte nessuno e nessuna escluso!

Una vicenda molto triste in cui perde l'intera Corato.

Se poi vediamo la "relazione fotografica", allegata al "Piano tecnico delle opere", ci rendiamo conto che si tratta di foto vecchie di almeno dieci anni, rispetto a cui la realtà dei luoghi è profondamente mutata. Di qui, si capisce quanta superficialità ci sia dietro tutto ciò e quanto bassa sia la considerazione dimostrata verso cittadinanza.
Ora, il dilemma drammatico è: accettare un'offerta mediocre, al ribasso che ignora almeno dieci anni di lotte portate avanti da persone libere e solidali oppure dire di no a questa vergogna che Terna propone a un Comune assente e immobile sapendo noi, invece, che ci si deve salvare tutti insieme?

Mi rattristano i termini trionfalistici con cui il Sindaco, che pur stimo, annuncia questa proposta di Terna.
Una proposta che a me suona, invece, come un insulto alla Città!

Di contro, mi scuote profondamente, fin nelle viscere, la voce tremante e angosciata di chi, da sempre, vive nella 167 ed è messo oggi alle strette da un progetto di spostamento dell'elettrodotto che è il peggiore dei progetti possibili.

Corato merita di più! È ignobile dover scegliere tra cittadini perché i diritti sono uguali per tutti.

I Consiglieri comunali fermino il gioco! Lascino all'ormai prossima Amministrazione e al Sindaco che verrà il diritto e la responsabilità di scegliere e soprattutto la possibilità di giocare una partita tutta diversa che non divida cittadini e quartieri ma che detti a Terna condizioni e modalità di soluzione immediata del problema.
La dignità di una città viene prima. Lo diremo, ci dovranno ascoltare e ci ascolteranno.
  • Elettrodotto
Altri contenuti a tema
Spostamento dell'elettrodotto, c'è la firma Spostamento dell'elettrodotto, c'è la firma Mazzilli a Roma firma con Terna il protocollo d'intesa
Elettrodotto, Legambiente: "Opera utile e necessaria" Elettrodotto, Legambiente: "Opera utile e necessaria" La posizione dell'associazione ambientalista rispetto alla controversa tematica
C'è l'ok del Ministero, l'elettrodotto sarà spostato. Una vittoria di Pirro C'è l'ok del Ministero, l'elettrodotto sarà spostato. Una vittoria di Pirro Ieri la notizia in commissione urbanistica
Elettrodotto, si valuterà anche l'ipotesi di delocalizzazione proposta da Diaferia Elettrodotto, si valuterà anche l'ipotesi di delocalizzazione proposta da Diaferia I consiglieri di maggioranza però avvertono: «difficile tornare indietro»
Elettrodotto: centomila euro per chiudere la partita. «Le ombre si allungano» Elettrodotto: centomila euro per chiudere la partita. «Le ombre si allungano» Il protocollo d'intesa tra Comune e Terna non convince
Elettrodotto, Mazzilli: «È arrivato il momento dello spostamento» Elettrodotto, Mazzilli: «È arrivato il momento dello spostamento» La nota da Palazzo di Città
Elettrodotto: una conferenza per illustrare «la soluzione progettuale più semplice, economica, eco-compatibile» Elettrodotto: una conferenza per illustrare «la soluzione progettuale più semplice, economica, eco-compatibile» Una iniziativa di "Un cantiere in comune"
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.