Mani bambini
Mani bambini

«La pandemia ha sfidato anche noi. Così abbiamo capito che restando uniti possiamo tornare a vivere»

La testimonianza di Paola, educatrice, visitata dalla paura del Covid

Quella di Paola Cerbone è la testimonianza di una educatrice quotidianamente a contatto con bambini in età prescolare. La paura del Covid ha fatto visita anche alla loro struttura mettendo i responsabili della loro scuola dinanzi ad una situazione inedita e alla responsabilità di prendersi cura, per quanto di propria competenza, delle persone che vivono quella struttura, dagli educatori ai bambini, passando per i collaboratori di qualsiasi natura. Oggi Paola ci racconta quell'esperienza affinché si comprenda che tutti dobbiamo svolgere con responsabilità, ognuno per quanto gli compete, tutte le operazioni utili ad evitare che la pandemia si diffonda ulteriormente.

Sono tante le aziende all'interno delle quali si sono sviluppati focolai Covid in tutta la Puglia ed anche nella nostra Corato. Decine le persone che sono rimaste contagiate dal pericoloso virus in ambiente lavorativo. Il messaggio di Paola possa raggiungere tutti coloro che hanno la responsabilità della salute dei lavoratori e delle persone che vivono quotidianamente le strutture.


È dagli incubi che nascono i sogni più belli".... Ed è proprio così la pandemia ha sfidato anche noi, grandi e piccoli.

Ci è sembrato di vivere un incubo, un tunnel lungo buio e faticoso. Ti ci ritrovi senza volerlo, in un giorno qualunque e così finisci nella rete della paura, dell'angoscia, del timore di non essere in tempo....

Mille telefonate, contatti, sanificazione, ASL, tamponi, genitori nel panico..... e poi ti chiedi: Ma perché proprio a noi? Perché quel virus non guarda proprio in faccia nessuno, perché siamo tutti uguali e tutti sotto lo stesso cielo.

Può succedere a me, a te.... a chiunque! E allora ciò che diventa importante è reagire, muoversi nell'immediato e cercare soluzioni senza cadere nella trappola della caccia all'untore! Non c'è da vergognarsi, non c'è da sentirsi in colpa.

Denunciare e gestire la situazione per salvare tutti e l'atto più responsabile e generoso. E così anche noi ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo saputo reagire con forza e coraggio sperimentando sulla nostra pelle il valore della resilienza e della Speranza.... quella che i nostri bambini hanno saputo donarci in questi due mesi di scuola con i loro sorrisi, i loro disegni colorati, le loro voci nei dolci e simpatiche ma soprattutto ci siamo rialzate perché crediamo fortemente nel valore della scuola del dialogo, del rispetto e del rapporto educativo, un legame che non abbiamo permesso si sciogliesse nemmeno durante il primo lockdown. I nostri piccoli in questi giorni di scuola hanno dimostrato grande senso di responsabilità, spirito di adattamento e autonomia.

Sono cresciuti sono maturati in maniera sorprendente grazie ad uno staff attento alle nuove norme e protocolli trasformando le regole in giochi simpatici e divertenti e presentando il virus malefico come un piccolo re dispettoso da rieducare! certo hanno sofferto il distanziamento dai loro compagni e dalle maestre, indispensabile oggi ,ma ogni piccola attenzione ha permesso che il protocollo funzionasse a regola d'arte.

La Divina Provvidenza ha fatto tutto il resto, regalandoci i risultati sperati e donandoci il profumo della libertà e della serenità. Scoprire un caso di positività deve insegnarci a convivere in questa situazione e combattere, perché solo restando Uniti si può vincere per tornare a sognare ma soprattutto a vivere!
  • Emergenza Coronavirus
Altri contenuti a tema
La protesta delle Partite Iva: «Lunedì apriremo le serrande. Non siamo morti» La protesta delle Partite Iva: «Lunedì apriremo le serrande. Non siamo morti» Questa mattina manifestazione davanti a Palazzo di Città. Il sostegno delle istituzioni
Parrucchieri a Palazzo di Città chiedono l'ascolto delle istituzioni Parrucchieri a Palazzo di Città chiedono l'ascolto delle istituzioni De Benedittis: "Porterò le loro istanze a Decaro"
Zona rossa, nuova stretta: ecco l'ordinanza urgente di Emiliano Zona rossa, nuova stretta: ecco l'ordinanza urgente di Emiliano L'accordo con associazioni di categoria. Qui il testo
"La zona rossa in Puglia non basta", i sindaci chiedono a Emiliano maggiori restrizioni "La zona rossa in Puglia non basta", i sindaci chiedono a Emiliano maggiori restrizioni Vitto, presidente regionale di Anci: «I contagi continuano a crescere, c'è preoccupazione in quei territori in cui la situazione non accenna a migliorare»
«Il personale dei supermercati è esposto al contagio. Bisogna vaccinarlo» «Il personale dei supermercati è esposto al contagio. Bisogna vaccinarlo» Lo richiede il presidente della commissione regionale sanità
Covid, Emiliano: "Incentivare lavoro agile. Il picco deve ancora arrivare" Covid, Emiliano: "Incentivare lavoro agile. Il picco deve ancora arrivare" Il presente in videoconferenza con sindaci e presidenti di provincia
Abbigliamento e calzaturiero in ginocchio: «Noi ignorati. Se ci chiudete ci dovete ristorare» Abbigliamento e calzaturiero in ginocchio: «Noi ignorati. Se ci chiudete ci dovete ristorare» L'allarme di Confcommercio Federmoda Bari-Bat: il settore risente anche della mancanza del turismo e dello stop al wedding
Contagi in aumento, Emiliano: «Pronti a inasprire le restrizioni della zona rossa» Contagi in aumento, Emiliano: «Pronti a inasprire le restrizioni della zona rossa» Il presidente evidenzia la necessità di incentivare lo smart working per limitare i contagi sul lavoro
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.