Attilio Di Girolamo
Attilio Di Girolamo
Politica

Attilio Di Girolamo nuovo segretario del Partito Democratico di Corato

Succede al dimissionario Natalino Petrone

Il Partito Democratico di Corato ha un nuovo segretario. Nell'assemblea celebratasi nel pomeriggio di ieri il giovane medico Attilio Di Girolamo ha raccolto il testimone del dimissionario Natalino Petrone, di cui è stato vice negli ultimi anni, ponendosi alla guida del circolo coratino in un momento non certamente semplice per il partito di Corato.

Reduce da una pesante sconfitta elettorale alle ultime amministrative, che non hanno consentito l'elezione di alcun consigliere comunale dem, il Partito Democratico locale ha avviato una fase di riflessione. Le vicende nazionali, la scissione con i seguaci di Matteo Renzi che del Partito Democratico fu segretario, ha portato anche il partito di Corato a rinnovarsi e ad aprire un importante dialogo interno che ha individuato Attilio Di Girolamo come sintesi delle diverse posizioni interne al partito.

«Si dice in comunicazione che se il messaggio non arriva al "target" la colpa sia 100% del comunicatore. Non si può negare che il PD in questi anni abbia avuto, assieme a tutto il centrosinistra, una serie di responsabilità, a vari livelli e ciò è evidente anche alla luce dei recenti risultati elettorali. A mio avviso abbiamo la necessità di ripartire da dove siamo nati, ossia dalla gente, dobbiamo uscire dalle nostre quattro mura, scendere in piazza e capire i problemi delle persone e della città» ha riferito il neo segretario.

«Oggi viviamo in un'epoca buia per la politica e mentre noi discutiamo sulle 50 sfumature di rosso che possiamo o avremmo potuto incarnare, fuori c'è un buio pesto, più nero della pece che avanza pericolosamente. C'è un quadro di Goya dal titolo " il sonno della ragione genera mostri" e in questo momento credo che l'Italia si trovi in una condizione di dormiveglia. Corato non fa eccezione. Dobbiamo svegliarci» esorta Di Girolamo

E pensa al futuro: «E' necessario iniziare a parlare di politica e di metodo con cui avviare determinati percorsi a livello comunale. Spesso mi si chiede "Ma voi con chi state?"
La mia risposta è "noi stiamo con i cittadini". Chi sta con chi e chi sta con cosa è un discorso troppo riduttivo per una città come Corato che ad oggi langue, in cui più di 40 aziende sono destinate alla chiusura ( stima probabilmente al ribasso). Le nostre priorità devono essere i giovani e il lavoro. Corato vive una preoccupante emorragia ed è quella dei miei coetanei che prendono le valige e trovano lavoro fuori. Lavorare fuori dalla propria città deve essere un'opportunità, non l'unica alternativa alla disoccupazione. E' paradossale che la Regione più bella secondo il New York Times e National Geographic si debba spopolare. E' necessario riscoprire la nostra ricchezza, le nostre idee e le nostre radici. Abbiamo tutte le potenzialità per rendere Corato un'eccellenza nel campo dell'agricoltura, nel campo dell'imprenditoria e nel welfare».

E in conclusione: «Sicuramente tali opportunità non possono essere colte in una città rimasta immobile da 20 anni. La crisi amministrativa a cui abbiamo assistito ultimamente è uno scempio senza precedenti, dettato da un misto fra l'incapacità governativa e la ricerca di interessi particolaristici. Pertanto invito gli amici che ci sono oggi, chi fa parte e chi si sente parte del centrosinistra, nonché tutta la cittadinanza , a partecipare attivamente e in maniera unita alla costruzione di un futuro, che a Corato sia realmente alternativo rispetto a tutto ciò che è accaduto finora».
  • Partito Democratico
Altri contenuti a tema
Il Partito Democratico chiama a raccolta il centrosinistra: "Incontriamoci" Il Partito Democratico chiama a raccolta il centrosinistra: "Incontriamoci" Primo passo verso il tentativo di ricomposizione
Il Partito Democratico punta all'unità del centrosinistra Il Partito Democratico punta all'unità del centrosinistra «Vogliamo dare inizio ad una nuova fase di dialogo»
Partito Democratico: «Il sindaco lasci libera la città e le permetta di tornare al voto» Partito Democratico: «Il sindaco lasci libera la città e le permetta di tornare al voto» La nota di solidarietà alla Pro Loco
Lettera aperta del Pd «al sindaco e alla sua maggioranza che c'è, non c'è, non si sa» Lettera aperta del Pd «al sindaco e alla sua maggioranza che c'è, non c'è, non si sa» I dem ritengono la situazione «pericolosissima, costosissima, surreale»
Dimissioni sindaco, PD e Nuova Umanità: «Film già visto. È "Il primo tragico Mazzilli"» Dimissioni sindaco, PD e Nuova Umanità: «Film già visto. È "Il primo tragico Mazzilli"» Il commento dei due partiti politici ai fatti di cronaca amministrativa delle ultime ore
Il PD ringrazia gli elettori ed esorta: «Basta veti e personalismi» Il PD ringrazia gli elettori ed esorta: «Basta veti e personalismi» L'appello del partito all'indomani delle elezioni primarie
Il PD sceglie il suo segretario, a Corato successo per Zingaretti Il PD sceglie il suo segretario, a Corato successo per Zingaretti Sono 401 coloro che hanno scelto di partecipare alla consultazione
Partito Democratico, anche a Corato seggi aperti per le primarie Partito Democratico, anche a Corato seggi aperti per le primarie Si vota dalle 8:00 alle 20:00
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.