il report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italia
il report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italia
Attualità

Gang minorili: aumentano le violenze sessuali mentre diminuisce il numero dei denunciati

Reso noto il report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italia

Presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, ieri mattina, il Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Direttore Centrale della Polizia Criminale, Prefetto Raffaele Grassi ha presentato l'elaborato "Criminalità minorile e gang giovanili" realizzato dal Servizio Analisi Criminale della stessa Direzione Centrale, alla presenza di qualificati rappresentanti del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, del Comando Generale della Guardia di Finanza, della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato e del Corpo della Polizia Penitenziaria.

L'elaborato "interforze" analizza, con riferimento al periodo 2010-2023, le segnalazioni di minori (fascia di età 14-17 anni), denunciati e/o arrestati in Italia e nelle città metropolitane, estrapolate dalla Banca Dati delle Forze di Polizia.
Nel 2023 rispetto al 2022, le segnalazioni totali di minori, denunciati e/o arrestati in Italia fanno registrano un decremento del 4,15%. A fronte di un aumento delle segnalazioni per rapina del 7,69%, si riscontra un decremento dell'11,73% per i furti e del 6,11% per le estorsioni; a fronte di un lievissimo incremento delle segnalazioni di minori per lesioni personali dell'1,96%, quelle per minaccia, rissa e percosse sono diminuite, rispettivamente, del 10,89%, del 16,41% e del 16,52%. Le segnalazioni per violenza sessuale registrano un incremento dell'8,25% rispetto al 2022 e negli anni 2022 e 2023 la prevalenza di segnalazioni di minori stranieri si accentua rispetto all'andamento generale.

Il report riporta anche la mappatura delle gang giovanili in Italia, realizzata grazie ai contributi forniti dalle Questure e dai reparti territoriali dell'Arma dei Carabinieri. Le loro caratteristiche confermano le analisi condotte in precedenza: numero inferiore alle 10 unità, prevalenza del genere maschile, fascia d'età 15-24 anni, consumazione di atti di bullismo, risse, percosse e lesioni, atti vandalici e disturbo della quiete pubblica.
Il documento richiama anche la necessità di educare i ragazzi alla legalità attraverso un approccio mirato da parte delle Forze di polizia e delle Istituzioni ed il necessario coinvolgimento di tutti gli attori, in primis famiglia e scuola. Anche le comunità locali possono incidere nella riduzione della vulnerabilità e del disagio dei giovani, cercando di porre le esigenze dei ragazzi, le loro aspettative e le loro scelte al centro di specifiche e mirate progettualità.
Il Direttore del Servizio Analisi Criminale, Dirigente Superiore della Polizia di Stato dottor Stefano Delfini ha sottolineato l'importanza dell'ascolto dei minori in tutti gli ambienti di vita a proposito delle questioni che li riguardino, creando spazi per l'espressione delle loro opinioni, da valorizzare nei processi decisionali. Questo permetterebbe ai minori di crescere come cittadini consapevoli dell'importanza delle norme della comunità civile.

Nel corso della presentazione dell'elaborato, il Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza, Direttore Centrale della Polizia Criminale, Prefetto Raffaele Grassi ha evidenziato come, nonostante i dati statistici relativi alla criminalità minorile e il monitoraggio sulle gang giovanili nell'ultimo biennio non segnalino un incremento, sia necessaria una costante opera di sensibilizzazione da parte di tutte le Forze di Polizia e della società civile per tenere alta l'attenzione su un tema tanto sensibile.
il report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italiail report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italia
il report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italiail report della “Criminalità minorile e gang giovanili” in Italia
  • Polizia
  • Carabinieri
  • Guardia di Finanza
  • Polizia di Stato
Altri contenuti a tema
Sequestrati due opifici a Corato da parte del NOE Sequestrati due opifici a Corato da parte del NOE L'operazione avvenuta in un oleificio ed un mangimificio: rilevato scarico illecito delle acque industriali
Principe, di Tommaso e Catalano: tre coratini nella banda ANC "La Benemerita" Principe, di Tommaso e Catalano: tre coratini nella banda ANC "La Benemerita" La formazione si è esibita in occasione dell'evento "Una Vita per la Legalità"
Nasce il Sindacato Nazionale Finanzieri Nasce il Sindacato Nazionale Finanzieri Svolta storica all’interno del mondo delle Fiamme Gialle: costituita la segreteria interregionale di Puglia e Basilicata
Il coratino Patruno nuovo Questore di Macerata Il coratino Patruno nuovo Questore di Macerata Lascia l’incarico di direttore del Servizio tecnico logistico e patrimoniale di Firenze
I consigli dei Carabinieri di Corato contro le truffe agli anziani I consigli dei Carabinieri di Corato contro le truffe agli anziani Venerdì sera, nella Parrocchia Incoronata, un incontro con i rappresentanti della Benemerita
Educazione alla tutela del patrimonio culturale   Educazione alla tutela del patrimonio culturale   Il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bari hanno incontrato gli studenti dello Stupor Mundi
Controlli straordinari dei Carabinieri a Corato nella 167 e nel rione “cirasedd” Controlli straordinari dei Carabinieri a Corato nella 167 e nel rione “cirasedd” Impegnati 30 militari in totale: controlli sulla circolazione stradale e su soggetti sottoposti a misure di prevenzione
Spaccio di stupefacenti a Corato, un arresto nel quartiere popolare di Via Aurelia Spaccio di stupefacenti a Corato, un arresto nel quartiere popolare di Via Aurelia Un 48enne, alla vista dei militari, ha tentato di disfarsi di diverse dosi di cocaina pronte per la vendita
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.