Incontro olivicoltori
Incontro olivicoltori
Attualità

Il grido degli olivicoltori: «Salviamo il settore da una crisi profonda»

Addetti ai lavori a confronto con le istituzioni

Il grido degli olivicoltori continua a farsi sentire. Insieme, per salvare l'olivicoltura pugliese da una crisi profonda. Una ferma volontà scandita dalla presenza di oltre 500 tra olivicoltori ed addetti ai lavori della filiera olivicola, che hanno partecipato al dibattito pubblico svoltosi lo scorso 19 novembre ad Andria. Tra loro anche i rappresentanti del mondo olivicolo coratino.

Il quadro generale della campagna olivicola nel 2021 è piuttosto preoccupante: a gelate, xylella e siccità si sono aggiunti i rincari dell'energia e gli effetti della speculazione. Proprio quest'ultimo fattore, assieme a un'altissima importazione di olio dall'estero, sta mettendo in ginocchio i produttori, alle prese con costi di produzione elevati e un prezzo basso delle olive e dell'olio, che non valorizza la qualità di quello che viene definito come "l'oro della Puglia". Al dibattito hanno preso parte anche diversi esponenti della politica a livello cittadino, provinciale e regionale: i produttori chiedono il sostegno delle istituzioni per salvare l'olivicoltura del nostro territorio. L'assessore regionale all'agricoltura, Donato Pentassuglia (presente in collegamento all'incontro) incontrerà a breve le associazioni di categoria per fare il punto sulle possibili soluzioni da adottare.

«La parola "distruzione" che abbiamo scelto nel titolo a questo dibattito – ha spiegato il Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli, tra gli artefici di questi "stati generali dell'olivicoltura" - riassume tutto il disastro che stiamo vivendo. Non si tratta del solito agricoltore che si lamenta, ma è una situazione balorda e allucinante: sul mercato c'è una bolla speculativa, chi ha tenuto bene e innaffiato le piante, spendendo inoltre tanti soldi, ha avuto un prodotto di grandissima qualità. E poi c'è la Comunità Europea che ci danneggia in modo vergognoso: è un problema sociale e ambientale, se abbandoniamo l'olivicoltura non so che fine possa fare il nostro ambiente. Mi auguro che dall'incontro di questa sera venga fuori uno spirito combattivo, dobbiamo far sentire il nostro grido di dolore per frenare la distruzione del nostro patrimonio paesaggistico e occupazionale. Il documento che produrremo questa sera sarà portato al presidente della Regione Puglia, con il quale andremo a Roma per parlare con il Governo, dove nessuno discute di agricoltura a livello nazionale né comunitario. Inoltre, è vergognoso che i soldi arrivino all'agricoltura del nord mentre quella del sud è fortemente penalizzata».

Si è parlato anche della riforma della PAC (Politica Agricola Comune) post 2020, che secondo il Conte Spagnoletti «va rigettata al mittente, è un disastro perché non tiene conto dell'olivicoltura e dell'occupazione. Abbiamo venti giorni per decidere prima che si chiuda questo sciagurato progetto: sono soldi che tolgono dalle nostre tasche, i nostri titoli rischiano di non valere più nulla». Su questo argomento, tra i dati allarmanti esposti da Gianni Porcelli, responsabile tecnico Confagricoltura Puglia, emerge che dal 2003 al 2020 i produttori olivicoli hanno perso una quota tra il 50 e il 60% degli aiuti. Inoltre, si prefigura il rischio di un serio impatto ambientale nel nostro territorio: «al pari delle foreste – sottolinea Porcelli – l'olivicoltura trattiene la maggiore quantità di anidride carbonica». Tra le proposte, si auspica che venga raddoppiata la soglia minima (ora fissata a 300 euro) di accesso ai pagamenti della PAC
  • crisi olivicola
Altri contenuti a tema
Domani in Comune un incontro sulla crisi olivicola Domani in Comune un incontro sulla crisi olivicola Convocati i produttori di olio ed olive
Istituzioni e olivicoltori al tavolo: a Corato l'incontro nazionale per il rilancio del comparto Istituzioni e olivicoltori al tavolo: a Corato l'incontro nazionale per il rilancio del comparto Un parterre di altissimo profilo ieri nella cantina Terra Maiorum
La Xylella avanza, il timore degli olivicoltori. Sicolo «Passare dalle parole ai fatti» La Xylella avanza, il timore degli olivicoltori. Sicolo «Passare dalle parole ai fatti» Il presidente di Oliveti Terra di Bari: «I sindaci si attivino con ordinanze»
Loiodice: «Se la xylella va oltre, scenari apocalittici per le nostre comunità» Loiodice: «Se la xylella va oltre, scenari apocalittici per le nostre comunità» Gli auguri del presidente Unapol a Donato Pentassuglia, nominato assessore regionale all'agricoltura
Crisi olivicola, Consiglio regionale approva mozione Damascelli Crisi olivicola, Consiglio regionale approva mozione Damascelli "Urgono risorse straordinarie per produttori, frantoiani e cooperative e bisogna prevedere ammortizzatori sociali per i lavoratori del settore, al fine di arginare la crisi occupazionale dilagante, con un milione di giornate lavorative perse."
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.