processo disastro ferroviario
processo disastro ferroviario
Cronaca

Inizia il processo sul disastro ferroviario, i parenti delle vittime: «Vogliamo giustizia»

Nell'udienza richiesto l'inserimento della Regione tra i responsabili civili

Ha preso il via oggi il processo relativo al disastro ferroviario del 12 luglio 2016, tra Andria e Corato, costato la vita a 23 persone. La prossima udienza sarà celebrata il 2 maggio nell'aula bunker del carcere di Trani a causa di alcuni problemi riscontrati nell'audio dell'aula di corte di assise del tribunale.

Nel corso della seduta sono state avanzate alcune nuove richieste di costituzione di parte civile mentre sette sono state revocate in seguito ai risarcimenti già ottenuti.

Richiesta anche dai legali di diversi parenti delle vittime la costituzione della Regione Puglia come responsabile civile. La richiesta era stata già avanzata in sede di udienza preliminare e respinta dal GUP per incompatibilità con il ruolo di parte civile. Su l'ammissibilità si pronuncerà la presidente Giulia Pavese.

In aula presenti molti dei familiari delle vittime che, anche in questa occasione, hanno voluto ricordare i loro parenti morti nella strage indossando magliette con il volto dei cari.

«Chiediamo giustizia, non possiamo chiedere altro. Chi ha sbagliato paghi affinché non abbia la possibilità di ripetere il reato. Dopo quasi tre anni da quel giorno nulla è cambiato, anzi è aumentata la rabbia perché abbiamo preso sempre più consapevolezza di quanto sia capitato» ha riferito Vincenzo Tedone, papà di Francesco Ludovico Tedone, tra le più giovani vittime del disastro ferroviario.

Anche Maria Aloysi, sorella di Anna, chiede a gran voce giustizia. «Spero che i giudici si mettano una mano sulla coscienza e diano giustizia a mia sorella e a tutte le altre vittime».

  • Processo disastro ferroviario
Altri contenuti a tema
Processo strage dei treni, depositato ricorso contro la ricusazione dei giudici Processo strage dei treni, depositato ricorso contro la ricusazione dei giudici I legali di alcune parti civili chiedono l'annullamento del provvedimento
Processo disastro ferroviario, c'è il nuovo collegio giudicante Processo disastro ferroviario, c'è il nuovo collegio giudicante Si torna in aula il 4 luglio
Processo disastro ferroviario, ricusato il collegio giudicante Processo disastro ferroviario, ricusato il collegio giudicante La Corte d'Appello ha accolto l'istanza di ricusazione
Processo disastro ferroviario, chiesta la ricusazione del collegio giudicante Processo disastro ferroviario, chiesta la ricusazione del collegio giudicante La Corte d'Appello si pronuncerà nei prossimi giorni
Processo disastro ferroviario, Di Bari: «Regione doveva vigilare sul rispetto della sicurezza della tratta» Processo disastro ferroviario, Di Bari: «Regione doveva vigilare sul rispetto della sicurezza della tratta» La nota della consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle
Processo disastro ferroviario: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A. Processo disastro ferroviario: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A. Si tratta di una innovativa decisione del Tribunale di Trani che farà certamente discutere
Disastro ferroviario, Regione ammessa come responsabile civile Disastro ferroviario, Regione ammessa come responsabile civile La decisione nell'udienza di oggi
Processo disastro ferroviario, oggi l'udienza nell'aula bunker del carcere di Trani Processo disastro ferroviario, oggi l'udienza nell'aula bunker del carcere di Trani Diciotto gli imputati nel processo
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.