Ristorante
Ristorante
Attualità

Lockdown natalizio, grave crollo del fatturato per la ristorazione pugliese

Ristoranti e agriturismi in difficoltà per il perdurante scenario di incertezza

Bar, ristoranti, trattorie ed agriturismi riaprono dopo il lungo periodo di lockdown delle feste che ha provocato una perdita di circa 46 milioni solo per la cancellazione dei tradizionali pranzi e cenoni di Natale e Capodanno. È quanto afferma la Coldiretti Puglia nel sottolineare che con il ritorno della zona gialla possono tornare a servire al tavolo e al bancone i 22mila locali della ristorazione presenti in Puglia e gli 876 agriturismi che nel 2020 hanno perso 60milioni di euro di fatturato.

Una situazione di difficoltà che ha fatto chiudere il 14,4% di bar e ristoranti secondo Confcommercio e gli effetti della chiusura delle attività di ristorazione – continua la Coldiretti – si fanno sentire a cascata sull'intera filiera agroalimentare con disdette di ordini per le forniture di molti prodotti agroalimentari, dal vino all'olio, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. In alcuni settori come quello ittico e vitivinicolo la ristorazione – precisa la Coldiretti Puglia – rappresenta addirittura il principale canale di commercializzazione per fatturato. Una situazione di sofferenza che porterà a fine anno ad una perdita di fatturato per la filiera agroalimentare di oltre 700 milioni di euro solo per i mancati acquisti in cibi e bevande da parte della ristorazione nel 2020.

In realtà – sottolinea la Coldiretti regionale - sono molte le strutture che per le difficoltà e la situazione di incertezza hanno deciso di non riaprire anche per il calo del volume di affari dovuto all'assenza di turismo, allo smartworking e alla diffidenza ancora presente tra i cittadini con l'avanzare dei contagi da Covid.

«Lo scenario resta drammatico anche per i frequenti cambi di colorazione delle regioni, dove in sole 48 ore si alternano aperture e chiusure a singhiozzo che non consentono l'organizzazione aziendale e lo stesso approvvigionamento di prodotti agroalimentari che sono altamente deperibili. Per effetto del blocco parziale o totale della ristorazione è a rischio un sistema agroalimentare che in Puglia è assicurato grazie al lavoro di oltre 100mila aziende agricole e stalle, più di 5mila imprese di lavorazione alimentare e una capillare rete di distribuzione che nel 2020 a causa dell'emergenza Covid è sostenuta dalle consegne a domicilio e dall'asporto», dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

I limiti imposti per le festività di fine anno e il perdurante scenario di incertezza – precisa Coldiretti Puglia – arrivano dopo che il primo lockdown ha azzerato le visite in campagna nei tradizionali weekend di primavera e di Pasqua mentre durante l'estate ha pesato l'assenza praticamente totale degli stranieri che in alcune regioni rappresenta la maggioranza degli ospiti degli agriturismi con un crollo del 70% dei bilanci.

«È un colpo durissimo che si aggiunge alla perdita di fatturato registrata a partire dall'8 marzo scorso – insiste Filippo De Miccolis Angelini, il presidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti - da quando è partita l'emergenza ed il lungo lockdown. Il boom di presenze di turisti italiani negli agriturismi ad agosto non ha certamente compensato le perdite subite dagli agriturismi in Puglia nel 2020. A fronte dei 4,2 milioni di arrivi di turisti nel 2019 e 1,2 milioni di arrivi dall'estero, è evidente la perdita secca subita nel 2020 dalle masserie della Puglia che hanno praticamente azzerato gli arrivi di turisti stranieri e annullato le prenotazioni di italiani e del turismo di prossimità nei mesi di lockdown e con le nuove restrizioni», conclude De Miccolis.

Servono dunque ristori immediati e un piano nazionale – conclude Coldiretti Puglia - che metta in campo tutte le azioni necessarie per non far chiudere per sempre attività come gli agriturismi che rappresentano un modello di turismo sostenibile grazie ai primati nazionali sul piano ambientale ed enogastronomico.
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
8 marzo, #solodalcuore: la mobilitazione di Coldiretti Donne Impresa 8 marzo, #solodalcuore: la mobilitazione di Coldiretti Donne Impresa Per esprimere solidarietà alla imprenditorialità femminile
Il nuovo Dpcm salva 540 enoteche in Puglia Il nuovo Dpcm salva 540 enoteche in Puglia Coldiretti: «Misura importante a sostegno del vino Made in Italy»
Il Covid aumenta il rischio obesità, 4 pugliesi su 10 in sovrappeso Il Covid aumenta il rischio obesità, 4 pugliesi su 10 in sovrappeso L'analisi condotta da Coldiretti
Effetto Covid, perdita da 1 miliardo con l'estate senza turisti in Puglia Effetto Covid, perdita da 1 miliardo con l'estate senza turisti in Puglia L’analisi Coldiretti su dati Bankitalia in merito al via libera al certificato vaccinale europeo
Economia circolare, in Puglia accordo per energia agricola rinnovabile Economia circolare, in Puglia accordo per energia agricola rinnovabile La stipula fra Coldiretti e ForGreen
Agricoltura, nel 2020 perse 30mila giornate di lavoro nella sola Puglia Agricoltura, nel 2020 perse 30mila giornate di lavoro nella sola Puglia Lo rileva Coldiretti: «Rallentamento delle attività a causa della chiusure delle frontiere ai lavoratori stranieri»
Neve e gelo, allarme per verdure in campo e alberi in fiore Neve e gelo, allarme per verdure in campo e alberi in fiore I disagi segnalati da Coldiretti
A San Valentino un fiore per ridare ossigeno al settore in crisi A San Valentino un fiore per ridare ossigeno al settore in crisi Sale a 120 milioni il crack del florovivaismo pugliese nell’ultimo anno a causa dell’emergenza Covid
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.