Il gruppo di PuliAmo Corato
Il gruppo di PuliAmo Corato
Ambiente

PuliAmo Corato: parla la coordinatrice Annalisa Resta

Quello che c’è da sapere sull’organizzazione volontaria di pulizia e sensibilizzazione

"PuliAmo Corato", il nome sembra parlare chiaro: l'obiettivo dei volontari coordinati da Annalisa Resta è quello di pulire la città di Corato. Tuttavia vedremo nell'intervista di seguito che ciò è solo in parte corretto, in quanto - come suggerisce il gioco di parole - oltre a "pulire" i volontari si impegnano ad "amare" Corato, e che è proprio questo il vero obiettivo: pulire diventa dunque sinonimo di rispetto, e spinge così i volontari a restituire dignità a piazze e aiuole rimuovendo l'elemento incivile (lo sporco).

Come definireste la vostra associazione? È improprio considerarvi un "supporto" del servizio di pulizia comunale ?

«La nostra non è un'associazione - spiegano Annalisa e le volontarie Pina, Rossella e Lucia - ma un gruppo spontaneo di cittadini volontari che ama la propria città e la vorrebbe più pulita. Nati circa un anno fa come "Salviamo Piazza Almirante", inizialmente ci siamo dedicati esclusivamente a ridare dignità a quella verde piazza, pulendola, coinvolgendo cittadini nel non sporcare e stendendo un progetto collettivo di miglioramento che fu consegnato all'amministrazione. Oggi quella piazza è più rispettata rispetto a un anno fa e ci sono nuovi giochi per bambini e strutture ginniche, e il gruppo può dedicarsi ad altre zone cittadine offese dalla sporcizia degli incivili.

Non ci sostituiamo e né siamo in supporto ad alcun servizio di pulizia comunale, siamo qui per dare un buon esempio e spronare i cittadini a non sporcare il nostro territorio. Siamo sempre disponibili a collaborare con gli organi preposti nell'ottica di sensibilizzazione degli incivili e nel miglioramento del nostro ambiente "casa comune". Le nostre azioni di pulizia hanno avuto fin da subito un ottimo riscontro e facilmente riescono a coinvolgere sempre nuovi cittadini di ogni estrazione, ma anche associazioni, come l'Aic, squadre sportive come Basket Corato e Rugby Corato, fino a intere classi di studenti del liceo classico».

In che modo è strutturata una vostra tipica giornata di attività?

«Una nostra giornata di attività ha bisogno di vari passaggi prima di essere effettuata. Innanzitutto c'è bisogno di individuare l'area da ripulire e una data idonea, poi vengono avvisati i vari volontari e simpatizzanti, che singolarmente danno la propria disponibilità o meno. Se necessario, ad esempio nel caso di grandi eventi, si procede preventivamente a chiedere collaborazione alla polizia municipale e alla Sanb. Al momento della pulizia ci si riunisce sul luogo prescelto e ci si divide i compiti, cercando di ottenere una buona raccolta differenziata. Poi ognuno munito dei suoi guanti, mascherina e sacchetto, procede con entusiasmo alla pulizia di gruppo. A fine raccolta si conteggiano i sacchi e ci si fa una bella foto di gruppo, con la soddisfazione di aver dato una mano per difendere l'ambiente. A fine attività pubblichiamo i risultati del prima e dopo con dei post sui social con foto o video dove raccontiamo anche come si è svolta la pulizia».

Tra i nomi delle associazioni che hanno supportato il progetto "Sciucuà" spunta anche il vostro. Qual è stato il vostro contributo?

«Al progetto Sciucuà abbiamo aderito da subito, da quanto ci è stato chiesto di andare in piazza Abbazia per portare il nostro esempio di cittadini attivi e amanti del decoro. Quando è partito il progetto Sciucuà abbiamo richiesto, tramite domanda scritta, di poter partecipare a tre di queste giornate all'aperto coi ragazzi dei vari quartieri. Con vari giochi educativi da noi ideati, intendevamo trasferire loro un insegnamento civico, parlando loro di raccolta differenziata, riciclo ed ecologia.

Nella terza fase di Sciucuà siamo stati invitati a dare il nostro contributo in piazza Abbazia, per progettare la festa delle rose e della gentilezza, d'intesa con altre interessanti realtà associative coratine. Abbiamo realizzato messaggi di gentilezza da lasciare durante la marcia ai vari concittadini, in piazza poi abbiamo dato voce ad una lettura: "ecologia e gentilezza", dove si chiede di amare e rispettare la nostra terra, evitando di abbandonare rifiuti nella natura».

Nel caso ci fosse qualcuno interessato al progetto, qual è l'iter per aderire ?

«Se qualcuno vuole unirsi a noi per le nostre pulizie ed i nostri eventi, può contattarci sui nostri canali social, lasciare il nominativo e il numero telefonico e sarà ricontattato».

Facebook: PuliAmo Corato
Instagram: puliamo_corato
  • pulizia
Altri contenuti a tema
Senza rifiuti ci piace un sacco: sabato al via "Alta Murgia Pulita 2022" Senza rifiuti ci piace un sacco: sabato al via "Alta Murgia Pulita 2022" Fra gli obiettivi, sensibilizzare i cittadini sulla corretta gestione dei rifiuti e sanzionare chi li abbandona
© 2016-2023 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.