Olive
Olive
Territorio

Danni da gelo, Loiodice: "Rivendichiamo lo stato di calamità"

La nota del presidente nazionale UNAPOL

Come se non bastasse, agli eclatanti 9danni provocati al comparto olivicolo dalla gelata di febbraio, si è aggiunto il danno provocato nelle ultime ore dalle elevate raffiche di vento. Nella giornata di lunedì 29 ottobre si è decretata la chiusura definitiva della campagna olivicola 2018, semmai la stessa fosse mai partita. Nei giorni scorsi si erano registrati alcuni timidi tentativi di avvio della campagna olivicola da parte di quei pochi olivicoltori che avevano qualche oliva negli agri prospicenti la fascia marittima (Trani-Bisceglie-Molfetta-Giovinazzo) o in quelle aree geografiche risparmiate dalla gelata. Che il danno sarebbe stato di portata eccezionale lo si intuiva e lo si era denunciato già in tempi non sospetti in contesti istituzionali (Regione e Ministero) e non, ma la devastante drammaticità dello stesso lo si è percepito in tutta la sua portata, quasi materializzandosi sino ad essere palpato con mano, sin dalla seconda settimana di ottobre, quando, laddove c'erano quelle poche olive scampate alla mosca dell'olivo, si entrava nel pieno della raccolta, mentre nella nostra Corato, e non solo, tutto era immobile. A mio personale ricordo, nelle contrade dell'agro coratino mai si è registrato un "assordante silenzio" come quest'anno: non una voce festosa di operaio dedito alla raccolta; non un "armonico suono" di verghe battute sui rami di olivo; non un "sonoro canto" di scuotitori e trattrici in movimento. Anche in paese si respira un'aria surreale, quasi funerea, sin dalle prime ore della giornata. I bar, che nel periodo di raccolta olive diventavano luoghi privilegiati di aggregazione degli operai, si ritrovano ad operare nella loro abitudinaria quotidianità; le strade, sulle quali si era abituati, specie nell'intervallo orario 12,30 - 14,00, a fotografare lunghe file di mezzi agricoli in tutta la loro sgargiante vivacità di colori oggi sono monotonamente grigie; l'aria che restituiva in maniera diffusa il profumo erbaceo dell'oliva franta oggi ha smesso di profumare; i frantoi che nel pomeriggio o nella notte divenivano luogo di confronto festoso tra gli olivicoltori oggi sono freddi capannoni con le saracinesche abbassate.
Personalmente ho seri timori per la tenuta sociale del comparto e non solo. Sembra non ci si sia ancora reso conto che questa catastrofe arreca danni economici non solo alle aziende olivicole ma a tutto l'indotto. Il danno e le ripercussioni sono molto più ampie di quanto si possa immaginare, è di tenuta e natura sociale, di portata devastante. Si pensi ai tanti frantoi fermi; alla moltitudine di operai dediti alla raccolta o impegnati dall'indotto (operatori di frantoio, camionisti, trattoristi, contoterzisti ……..) costretti a restare a casa; a quella moltitudine di braccianti agricoli specializzati (potatori) che hanno già registrato una drastrica riduzione delle giornate lavorative nel 2018 e che rischiano seriamente di non lavorare anche nel 2019 ; le agrofarmacie, i famosi "magazzini" (intermediari dediti all'acquisto di olive)……...
Da responsabile nazionale dell'unione olivicoltori UNAPOL non posso sottacere i ritardi della politica che iniziano a diventare allarmanti e preoccupanti. Nelle ultime ore è stata predisposta, in firma congiunta Unapol – AcliTerra, l'ennesima nota di sollecito al ministro Centinaio a non indugiare oltre nell'emanazione del decreto di riconoscimento dei danni da calamità atmosferica. Nella stessa nota si è chiesto un ulteriore nuovo incontro alla sottosegretaria Pesce, al fine di evidenziare che occorrerà intervenire con misure che vadano oltre la declaratoria, atteso che, da un po' di anni non vige più l'automatismo del riconoscimento delle giornate lavorative dell'anno precedente per l'accesso alla domanda di disoccupazione dei braccianti, il che significa che anche questi ultimi non potranno beneficiare di alcun aiuto economico avendo effettuato nel 2018 uno sparuto numero di giornate lavorative.
L'unica consolazione per il nostro comprensorio, in cui regna la cultivar Coratina, è che l'extravergine prodotto nella campagna 2017-2018 è un prodotto ancora "vivo", consumabile per tutto il 2018-2019 atteso che l'Evo da "Coratina" per le sue peculiarità e caratteristiche organolettiche si conserva benissimo per più di una annata agraria e non perde la sua salubrità ed effetti benefici. L'invito ai consumatori è di continuare ad acquistare olio extravergine da Coratina anche se prodotto nella scorsa campagna olivicola.
Concludo con un appello a tutte le associazioni di categoria del territorio, alle rappresentanze sindacali dei lavoratori, ai rappresentanti istituzionali, a intensificare le giuste rivendicazioni per il riconoscimento dello stato di calamità e non solo.
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Il ministro Centinaio firma la declaratoria per le gelate del 2018 Il ministro Centinaio firma la declaratoria per le gelate del 2018 Anche Corato tra i territori danneggiati
Gelate, avviata la richiesta di accesso al fondo di solidarietà nazionale Gelate, avviata la richiesta di accesso al fondo di solidarietà nazionale La proposta riguarda 35 comuni della regione
"Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio "Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio Sono le proposte dei Gilet Arancioni
L'allarme di Coldiretti: «I frantoi di Puglia potrebbero chiudere nel giro di un anno» L'allarme di Coldiretti: «I frantoi di Puglia potrebbero chiudere nel giro di un anno» Il presidente Muraglia convocato da Di Maio
Decreto emergenza in agricoltura, c'è la firma di Mattarella Decreto emergenza in agricoltura, c'è la firma di Mattarella Gilet Arancioni: «Ora impegno di tutti per migliorare il testo entro 30 giorni»
Xylella, qual è la situazione? Oggi un convegno a San Domenico Xylella, qual è la situazione? Oggi un convegno a San Domenico Si assisterà alla proiezione del corto "Figli di Madre terra"
Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo I gilet arancioni: «Ora attendiamo Centinaio in Puglia»
Parte da Corato il primo corso di potatura organizzato da A.PO.L. - UNAPOL Parte da Corato il primo corso di potatura organizzato da A.PO.L. - UNAPOL Il corso teorico pratico si svolgerà in 3 incontri
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.