Barca di Santa Maria. <span>Foto Pro Loco Quadratum</span>
Barca di Santa Maria. Foto Pro Loco Quadratum
Vita di Città

Le Barche di Santa Maria lasciano il centro di Corato ma resta viva la tradizione

L'antica usanza che, alla vigilia della Festa dell'Assunta, porta il mare in città

Ogni anno, alla vigilia della festa dell'Assunzione di Maria Santissima in Cielo, il centro storico di Corato diventa un porto di mare in cui le barche veleggiano nel cielo.

Quest'anno, però, cambiate le modalità del concorso indetto dall'associazione culturale Pro Loco Quadratum - complice anche il commissariamento del Comune - le barche sono rimaste ormeggiate al molo dei loro realizzatori e sono state esposte su balconi, terrazze o verande delle abitazioni.

Non le si può, quindi, ammirare passeggiando in centro ma, fino al 21 agosto, le si potrà scorgere di sorpresa percorrendo l'intero abitato urbano ed extraurbano. In centro, resta il galeone della Pro Loco in Piazza Sedile e tante vivaci bandierine verdi nelle principali piazze cittadine.

Cambia la collocazione, quindi, ma resta viva la tradizione delle colorate e fantasiose Barche di Santa Maria, rigorosamente in carta velina, carta crespa e un'anima di bambù, che assecondano il vento e trasmettono un senso di gioia e leggerezza. Realizzate da artisti o da cittadini, associazioni e parrocchie, le Barche sono il simbolo dell'estate coratina, ma anche simbolo cristiano di Maria Assunta, quale arca dell'alleanza e traghettatrice di anime.

Una tradizione antichissima, le cui radici affondano in ipotesi e leggende, ma che dal 1987 si rinnova ogni anno proprio grazie al concorso indetto dalla Pro Loco Quadratum Corato - che ne ha voluto valorizzare lo spirito - e dall'amministrazione locale, per premiare i manufatti più belli e originali.

Perché la barca?

Pur non essendo una località di mare, a Corato questa antichissima tradizione legata alle barche è fortemente radicata anche se diverse sono le ipotesi circa la sua origine ultrasecolare.

Secondo alcuni storici locali, la barca era il simbolo inciso dai cristiani sugli stipiti delle loro abitazioni nel periodo delle persecuzioni romane per riconoscersi tra di loro. Per altri, la barca è riconducibile al culto della Madonna come traghettatrice di anime. Una ipotesi vede le barche simbolo della celebrazione della vittoria della Lega Santa di Papa Pio V contro gli Ottomani che puntavano al predominio sul Mediterraneo. Ad avvalorare la matrice cristiana della tradizione anche la struttura dell'albero maestro, formato da due pezzi di canna perpendicolari tra loro che formano una croce, simbolo della devozione cristiana.

Avvolte nel fascino del mistero sulle loro origini, quel che è certo è che le Barche di Santa Maria portano il mare nella nostra città, assieme alle leggende ad esse collegate e alla volontà di mantenere sempre viva la tradizione valorizzando il folklore e la partecipazione popolare.

Ci auguriamo di vederle tornare il prossimo anno a veleggiare nel centro storico e a trasformare i vicoli di Corato in una vera e propria galleria d'arte a cielo aperto.
11 fotoBarche di Santa Maria 2020 - Pro Loco Quadratum
Barche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro LocoBarche Santa Maria Pro Loco
  • Pro Loco Quadratum
  • Tradizioni
Altri contenuti a tema
Corato, Noicattaro e Toritto fanno rete nel segno dei Rituali del fuoco Corato, Noicattaro e Toritto fanno rete nel segno dei Rituali del fuoco Il protocollo di collaborazione per promuovere i riti della tradizione
Giornata mondiale della pizza, così la celebra “Il Vecchio Gazebo” di Molfetta Giornata mondiale della pizza, così la celebra “Il Vecchio Gazebo” di Molfetta Serata conviviale tra esperti, food blogger e una splendida protagonista: la pizza made in Italy
Sei giovani coratini protagonisti, in Polonia, di uno scambio interculturale Sei giovani coratini protagonisti, in Polonia, di uno scambio interculturale I ragazzi hanno potuto toccare con mano la cultura polacca e far conoscere Corato all'estero
Antonino Spadaccino in concerto a Corato all’Alba della Vigilia di Natale Antonino Spadaccino in concerto a Corato all’Alba della Vigilia di Natale Domenica 24 Dicembre alle ore 06 appuntamento in Piazza di Vagno
Alberto Bertoli canta con Pierangelo al Teatro Comunale Alberto Bertoli canta con Pierangelo al Teatro Comunale Il concerto è organizzato dalla Pro Loco Quadratum, che in quest’occasione celebra i 51 anni di attività
Ecco "Forestieri", il calendario 2024 della Pro Loco Ecco "Forestieri", il calendario 2024 della Pro Loco Il calendario verrà presentato in occasione della Jò a Jò
L’11 e 12 Dicembre torna a Corato la Jò a Jò L’11 e 12 Dicembre torna a Corato la Jò a Jò 51esima edizione della Jò a Jò tradizionale falò di Santa Lucia.
Il Presepe dei cittadini iniziativa della ProLoco Il Presepe dei cittadini iniziativa della ProLoco Nel Chiostro comunale i presepi artigianali realizzati dai cittadini
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.