Tommaso Loiodice
Tommaso Loiodice
Territorio

Loiodice risponde a Mazzilli: "Suo comunicato è fuori luogo"

La replica del presidente APOL alla nota diffusa da Palazzo di Città

Nei giorni scorsi il presidente dell'Apol Tommaso Loiodice aveva protocollato al Comune una missiva con la quale invitava il Sindaco a sollecitare la proclamazione dello stato di calamità per i danni da gelo subiti dalle colture a seguito della nevicata di fine febbraio. Una sollecitazione non gradita dal sindaco che, nel ribadire che gli uffici si fossero già attivati in tal senso, invitava ad evitare speculazioni. Oggi arriva la controreplica di Tommaso Loiodice a quella nota diffusa da Palazzo di Città che di seguito pubblichiamo.

"Avrei volentieri evitato di dover dedicare del tempo a questo scritto se il Sig. Sindaco Mazzilli non fosse venuto fuori con comunicato a dir poco fuori luogo ed insensato di risposta ad una semplice segnalazione/invito presentata dall'Apol da me presieduta ai competenti uffici comunali, a sostegno di quanto da lui stesso asserito circa i danni causati dalla neve, e non avesse messo in dubbio la professionalità della stessa.

Probabilmente soffre da incubi di attacchi politici e non riesce a distinguere i ruoli e i modi in cui possono e devono eventualmente essere esercitati.

Quale sia la procedura da attivare per arrivare ad ottenere il riconoscimento dello stato di calamità lo conosciamo non bene, benissimo.

Egli stesso dice "Non è certo il Sindaco che ha il compito burocratico di chiedere lo stato di calamità sponte sua".
Già questa è una affermazione che la dice lunga, non avrà il compito burocratico, e nessuno vuole attribuirglielo, ma avrà il compito istituzionale non solo di richiederlo ma anche per colmare il "sponte sua" di ricevere le dovute segnalazioni dai cittadini, dalle associazioni di categoria e dalle organizzazioni di prodotto.

Se i lettori avranno la bontà di verificare la comunicazione che ha fatto scatenare oserei dire l'ira isterica del sig. Sindaco noteranno che i destinatari, come penso sia istituzionalmente corretto fare, sono:
Il Sindaco, che dovrebbe rappresentare la città;
l'assessore al ramo che rappresenta la specificità del caso;
il dirigente del settore Agricoltura, questo sì, che ha il dovere di istruire burocraticamente la pratica da inviare alla Regione.

Nella lettera non vi è alcun attacco a chicchessia. E' vero che gli uffici comunali si sono prontamente attivati per predisporre il tutto, anche su segnalazione della Confagricoltura, e lo scrivente si era interfacciato con gli stessi uffici proprio per cercare, in maniera collaborativa, di offrire una segnalazione di danni che fosse il più efficace possibile anche per agevolare l'attività di sopralluogo di campo degli ispettori regionali quando verranno per i dovuti sopralluoghi.

Se poi al Sig. Sindaco dà fastidio che tale richiesta sia stata girata anche agli organi di stampa, togliendogli il primato della primogenitura, non è affar mio o dell'Apol, poiché il mio intento era quello di far giungere un segnale di attenzione alle aziende agricole locali ancora oggi preoccupate delle conseguenze disastrose della nevicata.

Io, al suo posto, avrei tenuto a bada la mania di grandezza o il personale narcisismo ringraziando, cogliendo al volo la collaborazione offerta e rassicurando il comparto con un interessamento diretto e personale, altro che il Sindaco non ha il compito burocratico…..

Precisato ciò, per dovere di trasparenza, resta in campo il mio impegno personale e di tutto lo staff tecnico di Apol affinchè si diano risposte concrete al comparto, poiché al Sig. Sindaco sfugge??? che l'iter non si conclude con il coinvolgimento della sola Regione. Per poter accedere al Fondo di Solidarietà Nazionale occorrerà che il Ministero dell'agricoltura faccia un decreto ad hoc".
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
La Puglia si mobilita per l'agricoltura: malcontento anche a Corato La Puglia si mobilita per l'agricoltura: malcontento anche a Corato L'evento si è svolto martedì presso la casa parrocchiale di San Giuseppe
La Rivolta degli Agricoltori in Europa: focus a Corato La Rivolta degli Agricoltori in Europa: focus a Corato Convegno il prossimo 6 febbraio ore 18:30 presso Casa Parrocchiale San Giuseppe, in via Carlo del Prete
Xylella fastidiosa. A che punto siamo? Xylella fastidiosa. A che punto siamo? Nel Chiostro di Palazzo di Città un incontro a cura del Comune di Corato e della Consulta allo Sviluppo Economico
Lavoratori nei campi, in Puglia quasi 1 su 4 è straniero Lavoratori nei campi, in Puglia quasi 1 su 4 è straniero Coldiretti: il 22,4% dei prodotti agricoli è raccolto da uno straniero
Agricoltura 4.0, droni e robot sempre più frequentemente utilizzati Agricoltura 4.0, droni e robot sempre più frequentemente utilizzati Il 64% delle aziende agricole sposa l'agritech
Coldiretti Puglia, richiesta carburante agricolo agevolato e semplificato Coldiretti Puglia, richiesta carburante agricolo agevolato e semplificato Neve e gelo aggravano costi stalle, serre e lavorazioni in campagna
Xylella, persi 60 milioni di euro per espianti e reimpianti Xylella, persi 60 milioni di euro per espianti e reimpianti Nel leccese espiantati tre ulivi su quattro
Coldiretti: decreto flussi in Gazzetta Ufficiale salva 30000 giornate; al via ingresso lavoratori non comunitari Coldiretti: decreto flussi in Gazzetta Ufficiale salva 30000 giornate; al via ingresso lavoratori non comunitari I lavoratori stranieri forniscono il 20% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore in Puglia
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.