stazione ferroviaria Corato
stazione ferroviaria Corato
Politica

Nuovo parcheggio per la stazione, Città Nuova: «Non facciamoci del male»

Domani la riunione con il commissario prefettizio. Il gruppo civico lancia l'appello

Pubblichiamo integralmente una nota a firma del direttivo e del presidente di Città Nuova

Venerdì 14 dicembre presso la sede di Città Nuova si è tenuto un incontro pubblico molto partecipato, per dibattere e analizzare con i cittadini le tantissime azioni svolte dall'Amministrazione Mazzilli sino a prima delle dimissioni del Sindaco del 10 ottobre scorso, provocate dal disimpegno di due forze politiche dalla maggioranza di centro destra.

Durante l'incontro si sono analizzate e discusse tante iniziative, in particolar modo i lavori pubblici ai quali è stato dato avvio, sia in termini di partecipazione ai bandi regionali e nazionali per il reperimento dei fondi, sia in termini di bandi di gara e affidamenti. E' stato fatto e approfondito un elenco non esaustivo di: affidamenti per la riqualificazione del rione Belvedere, la realizzazione della nuova Piazza XI febbraio, il reperimento di fondi per la manutenzione delle strade, dello Stadio Comunale, del Palazzetto dello Sport, il bando di gara per la realizzazione di una bretella stradale tra Via Gravina e Via Prenestina (a fianco dello Stadio), della procedura di gara per la costruzione della nuova scuola Giovanni XXIII, della rigenerazione urbana, dell'ampliamento della ZTL e della videosorveglianza, e così via…

Molte di quelle questioni sono rimaste sospese in un limbo: è emerso chiaramente che la situazione attuale dipende dalla tipicità della gestione commissariale, alla quale però vanno riconosciuti grande capacità e impegno. Ma il rallentamento o la perdita di opportunità dipendono esclusivamente dalla mancanza di impulso e responsabilità politica, che sono tipici di un'Amministrazione Comunale in carica. Tutto ciò che non ha trovato concretizzazione e le possibili ripercussioni sulla Città sono una precisa responsabilità di quelle forze politiche che hanno ritirato il sostegno all'Amministrazione Mazzilli, peraltro non per cause amministrative o altri fatti gravi ma, evidentemente, per questioni di "bassa politica", che nulla ha e avrà a che fare con gli interessi dei cittadini.

I temi caldi di questo periodo sono, però, la fruibilità e messa a norma dello Stadio Comunale e del Palazzetto dello Sport e la questione delle opere accessorie alla linea ferroviaria Bari-Nord.

Quello della fruibilità delle strutture sportive era una mission precisa e irrinunciabile dell'Amministrazione Mazzilli, voluta per portare rispetto alle numerose realtà sportive della nostra Città, dando loro delle strutture pienamente utilizzabili e sicure, per poter svolgere al meglio il loro grande ruolo sociale e sportivo. Mentre i lavori al Palazzetto dello Sport, programmati e finanziati dall'Amministrazione Mazzilli, vanno faticosamente avanti, il punto dolente è lo Stadio Comunale: procedono molto a rilento le procedure per l'aggiudicazione della gara per la realizzazione del campo alternativo, non risulta che siano state utilizzate, le risorse messe a disposizione nel Bilancio 2018 per effettuare ulteriori lavori di messa a norma della struttura e, soprattutto, lo scioglimento anticipato dell'Amministrazione ha impedito che si potesse candidare al bando "SPORT MISSIONE COMUNE" del Credito Sportivo il progetto da quasi 1 milione di Euro per la messa in sicurezza definitiva dello stesso Stadio, grazie ai mutui a tasso zero messi a disposizione dell'Istituto di credito pubblico.

L'altro progetto molto importante e di attualità in questi giorni è quello che riguarda la realizzazione di un parcheggio nei pressi della stazione ferroviaria Bari Nord, ormai inattiva da oltre 2 anni. Questo progetto nasceva nella zona anteriore della stazione, dove attualmente sussiste uno slargo (nel perimetro della Stazione) che viene utilizzato per il deposito dei pullman o per la movimentazione di alcuni convogli ferroviari.

Durante la consigliatura Mazzilli si è tenuto un serrato confronto tra il Comune di Corato, la Regione Puglia e la Ferrotramviaria per la progettazione di tutte le opere a servizio della ferrovia, compreso il nuovo parcheggio che, ricorderemo, a marzo scorso era sparito dai progetti esecutivi di Ferrotramviaria e poi, su pressione del Sindaco Mazzilli, era stato regolarmente previsto nel progetto esecutivo dell'opera. Oltretutto in questi mesi e come da accordi, la Ferrotramviaria, d'intesa con l'Assessorato regionale alla Mobilità, ha trovato le risorse necessarie per la realizzazione del parcheggio nell'area che sta al di là dei binari, quindi in Zona PIP, facilmente raggiungibile sia da Via Lama di Grazia (il cui sottopasso è in fase di allargamento), sia dai binari grazie agli ascensori e ai sottopassi pedonali. Tra i vantaggi straordinari di questo progetto c'è anche la chiusura del passaggio a livello di Via Fondo Griffi (unica strada di collegamento col depuratore cittadino), che con il traffico ferroviario a regime resterebbe per lungo tempo chiuso, e anche la sistemazione delle aree a verde e un altro piccolo parcheggio nei pressi di Via Mercalli-Via Fondo Griffi. Inoltre, si potrà realizzare una nuova infrastruttura che alleggerisca la pressione su Via Paolucci o Viale Stazione e dia maggiore fluidità al traffico in quell'area, pensando anche al ruolo che avrà la prima Velostazione e Ciclofficina della città, a realizzarsi sotto la pinetina di Via Bernini-Via Ardigò (che grazie a questo nuovo impianto funzionale alla stazione sarà riqualificata con luci, verde e videosorveglianza).

E siamo al dunque: il 4 di dicembre scorso, il Commissario prefettizio convocò una riunione con Ferrotramviaria e tutti i gruppi politici coratini, per illustrare i progetti di Ferrotramviaria inerenti il territorio di Corato e in particolare il progetto di realizzazione del parcheggio nella nuova area individuata (oltre ad una soluzione per la questione del passaggio a livello di via Giappone di cui parleremo in un prossimo intervento).

Concentrandoci sul parcheggio, i tecnici della Ferrotramviaria illustrarono il progetto nella zona alle spalle della stazione, raggiungibile attraverso il sottopasso di via Lama di Grazia (i dettagli sono presenti su http://www.comune.corato.ba.it/index.php?entity=news&idNews=1006028).

Durante l'incontro il Commissario prefettizio disse a chiare lettere che siamo in condizioni di avviare il progetto del parcheggio annesso alla stazione, ma, essendoci necessità di approvare una variante urbanistica, annunciò che procederà con l'iter solo se ci sarà un largo consenso delle forze politiche (peraltro già acquisito tra le forze di maggioranza durante la consigliatura Mazzilli).

In quella sede, alcuni gruppi politici, compreso alcuni della ex maggioranza di centrodestra, chiesero del tempo per dare una risposta: il commissario prefettizio aggiornò la riunione a martedì 19 dicembre.

Città Nuova, consapevole dell'importanza della infrastruttura, è chiaramente d'accordo a realizzare il parcheggio nella nuova area individuata, perché consente di avere ulteriori vantaggi rispetto a quelli sulla circolazione stradale, citati in precedenza: innanzi tutto si potrà utilizzare come punto di prima espansione verso la zona industriale PIP, che effettivamente si sviluppa nella zona retrostante la stazione, poi consentirà di avere una parcheggio sostanzialmente riservato alla ferrovia (in quanto quello eventualmente realizzato sul davanti vede il rischio di diventare un parcheggio limitato e disordinato che soffocherebbe anche le attività economiche ivi esistenti); poi perché allargando il sottovia di via Lama di Grazia si creerà una infrastruttura adeguata per il transito dei veicoli pesanti, che dovranno raggiungere il depuratore o l'ASIPU. Oggi, infatti, i camion che raccolgono i fanghi di risulta del depuratore sono costretti a percorrere il passaggio livello di via Fondo Griffi e poi via Mercalli in controsenso, non essendoci altra possibilità di uscire da quel labirinto di strade strette.

Insomma, il parcheggio alle spalle ha una serie di vantaggi rispetto a quello nel perimetro della stazione, che tra l'altro Ferrotramviaria stessa NON considera realizzabile, in quanto afferma che quegli spazi servono per poter depositare mezzi ferroviari in manutenzione o comunque avere dei binari di manovra.

Considerato che Ferrotramviaria realizzerà a proprie spese questa importante infrastruttura per la Città (del valore stimato di 1 milione di Euro), noi facciamo appello a tutti affinché si converga sulla scelta di realizzare il parcheggio della stazione nella nuova area, per non privare la città di un bene utile e necessario. Non accettare oggi questa decisione, significa rimandarla alla prossima consiliatura, con il rischio concreto di perdere il finanziamento delle opere, che Ferrotramviaria potrà dirottare su altre infrastrutture immediatamente cantierizzabili, mentre Corato potrebbe NON avere mai un parcheggio vero e proprio dedicato alla stazione.

Ritardare la decisione significa privare la stazione di Corato un parcheggio (che nei fatti non ha mai avuto) e sarebbe uno schiaffo alla città, soprattutto in previsione dell'aumento del traffico passeggeri nel prossimo futuro, stante il raddoppio della linea ferroviaria e quindi di un maggiore numero di treni da e per Bari, l'Aeroporto di Palese e Barletta.
Il 19 dicembre porteremo al Commissario prefettizio la nostra posizione chiara e netta a favore di questa nuova soluzione, perché crediamo che Corato abbia bisogno di una visione di lungo respiro e che occorra prendere decisioni giuste e pragmatiche senza perdere tempo in mille bizantinismi, nell'interesse collettivo della città.
  • Città Nuova
  • urbanistica
Altri contenuti a tema
Massimo Mazzilli candidato sindaco: "Giochiamo convintamente per vincere" Massimo Mazzilli candidato sindaco: "Giochiamo convintamente per vincere" L'ex primo cittadino suona la carica
Elezioni amministrative, Massimo Mazzilli ci riprova? Elezioni amministrative, Massimo Mazzilli ci riprova? L'ex primo cittadino sarebbe pronto a ricandidarsi
Si conclude "DIDOMENICA H_19": «Grazie a chi ha creduto nella nostra provocazione» Si conclude "DIDOMENICA H_19": «Grazie a chi ha creduto nella nostra provocazione» L'iniziativa si è occupata di arte e territorio
Città Nuova: «Noi al tavolo della coalizione di centro per garbo politico» Città Nuova: «Noi al tavolo della coalizione di centro per garbo politico» La risposta alla nota di Sud al Centro
Arte e rigenerazione urbana: «criticità ancora non risolte» Arte e rigenerazione urbana: «criticità ancora non risolte» Domenica appuntamento con Valentina Iacovelli
Verso le elezioni, Città Nuova: "Noi ci saremo" Verso le elezioni, Città Nuova: "Noi ci saremo" La nota del direttivo del movimento politico
Maxi sequestro di finto olio extravergine, Città Nuova: «Si prendano iniziative a tutela della nostra cultivar» Maxi sequestro di finto olio extravergine, Città Nuova: «Si prendano iniziative a tutela della nostra cultivar» La posizione del movimento politico a pochi giorni dalla scoperta della frode
Città Nuova apre «a chi ha idee propositive per il futuro della città» Città Nuova apre «a chi ha idee propositive per il futuro della città» La nota del movimento politico dell'ex sindaco Mazzilli
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.