Conferenza sulla sicurezza stradale a Barletta
Conferenza sulla sicurezza stradale a Barletta
Territorio

Parlando di sicurezza stradale nel ricordo di Marco e Iacopo, vittime dell'incrocio della Rivoluzione

I due ragazzi persero la vita in un drammatico incidente nel settembre 2016

Quando Marco e Iacopo persero la vita era il 23 settembre del 2016. Una giornata soleggiata, ideale per raggiungere il Festival della Ruralità di Corato. Marco e Iacopo non erano alla guida e il destino li ha portati via, nonostante avessero poco più che vent'anni.

Venerdì pomeriggio, presso la Sala Rossa del Castello Svevo di Barletta, si è svolto un incontro sulla sicurezza stradale, in memoria dei due ragazzi di Andria e Barletta perché nessuno dimentichi i loro volti.

Secondo l'Istat, gli incidenti stradali rappresentano una delle principali cause di morte in Italia. Crescono le multe per il mancato utilizzo delle cinture o del casco, la guida in stato d'ebrezza o sotto l'effetto di droghe. Ma sanzionare il colpevole non è certamente un deterrente. La sua rieducazione, questa sarebbe la soluzione più efficace.

Il dirigente della polizia municipale di Barletta Savino Filannino spiega ai presenti la funzione del servizio di controllo, attivo durante il fine settimana, giorni in cui la fascia giovanile si lascia prendere dall'euforia fino a perdere ogni controllo. Tuttavia, durante l'evento è stato più volte sottolineato dalla Dirigente Settore beni e Servizi culturali Santa Scommegna l'importanza di una puntuale manutenzione delle strade provinciali e cittadine. «Lo stato in cui riversa la rete stradale – afferma quest'ultima - non può essere causa degli incidenti stradali».

Si susseguono gli interventi del Dirigente del pronto soccorso Mino Cannito, dell'avvocato Marica De Pinto e della professoressa Maria Grazia Vitobello. Il racconto che ha lasciato il segno è certamente quello del presidente della sezione AVIS di Barletta Leonardo Santo. Le parole sono quelle della figlia la quale ha narrato, in occasione di un compito in classe, la storia di una ragazza che ha perso la vita per una stupida scommessa. Anche lei come Marco e Iacopo non era alla guida della vettura. Anche la giovane ragazza ha perso la vita nonostante la donazione di 25 sacche di sangue. Vite stroncate che devono essere raccontate affinché nessun genitore dovrà piangere suo figlio. La Presidente della Croce Rossa di Barletta Sabina Torre conclude ricordando l'entusiasmo di Iacopo, volontario della Croce Rossa e di Marco, un donatore di sangue.

Due giovani vite spezzate che la città di Barletta ricorderà con forza e pugni serrati.
  • sicurezza stradale
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.