Parrucchiere
Parrucchiere
Attualità

Parrucchieri ed estetisti ancora fermi. «È difficile, vorremmo riaprire al più presto»

La voce di due operatori del settore, il parrucchiere Vito Balducci e l'estetista Serena Papa

«È inaccettabile. È incomprensibile. È una condanna». Tuonano così le reazioni e i commenti da parte dei professionisti dell'acconciatura e dell'estetica da quando il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato, con Dpcm del 26 aprile, i diversi passaggi previsti per la "Fase 2", compreso anche lo scaglionamento delle riaperture delle attività.

Parrucchieri ed estetisti sarebbero, al momento, gli ultimi a poter riaprire i propri saloni, auspicabilmente all'inizio del mese di giugno. Comunicazione che ha destato rabbia e sconcerto fra gli operatori del settore che, in Italia, conta circa 135mila imprese e oltre 260mila addetti.

Si discute anche sul fatto che il settore dell'estetica sia un bene accessorio non essenziale, ma si sottovaluta l'aspetto sociale e psicologico che una seduta dal parrucchiere o dall'estetista forniscono al benessere della persona. Prendersi cura di sé, farsi coccolare, aiuta ad allentare lo stress, la routine quotidiana e ad incrementare la propria autostima, recuperando l'armonia psicologica. Una vera e propria panacea che risulterebbe particolarmente utile in questo difficile periodo.

Le associazioni di categoria denunciano una disattenzione da parte del Governo e chiedono una rivalutazione delle disposizioni, evidenziando come le imprese siano economicamente messe in ginocchio, e garantendo che il comparto, a tutela di clienti e dipendenti, può già offrire tutte le garanzie necessarie a riaprire saloni di acconciatura e centri estetici nella massima sicurezza, rispettoso delle più rigorose norme e procedure igienico-sanitarie.

Si riapre probabilmente il 1 giugno. Cosa significa per la tua attività? Saresti pronto ad aprire?
Sono le domande che abbiamo posto a due rappresentanti delle due categorie in questione, che operano nella città di Corato.

Vito Balducci – parrucchiere. «È una notizia per niente facile da accettare, che ho preso davvero molto male e che ci mette di fronte a ben 3 mesi senza lavorare, il che significa senza registrare alcun incasso con cui far fronte alle spese che, invece, si presentano puntuali. Io sarei pronto a ripartire da subito, adottando tutti i protocolli sanitari, senza sottovalutare il fatto che l'adeguamento alle misure anti contagio comporta una ulteriore spesa per noi: sanificazione dei locali, sterilizzazione degli strumenti, equipaggiamento dei dispositivi di sicurezza per noi e per i clienti.

Al mancato incasso di questi 3 mesi si aggiunge quindi la spesa per l'adeguamento, che affrontiamo perché doverosa per la sicurezza di tutti e a cui non vorremmo mai sottrarci, e sia pur ritornando a lavorare registreremmo ugualmente un decremento del fatturato fino al 70% dovendo lavorare con una sola cliente per volta. A fronte di nessun aiuto concreto, fino ad ora, da parte dello stato. Però l'importante è poter ripartire il prima possibile, anche a costo di protestare».

Serena Papa – estetista. «Mi aspettavo una riapertura più riavvicinata, magari a metà maggio, e invece vedersi prospettare una ripartenza a giugno è stato davvero un colpo difficile da digerire. Almeno di primo acchito. È evidente come tanti mesi di inattività influiscano sulla quotidianità dal punto di vista economico, non registrando incassi, non avendo ricevuto ancora nessun sussidio governativo ma ritrovandomi a dover comunque pagare le mensilità dell'affitto dei locali in cui risiede il mio centro estetico e le bollette che non sono affatto irrisorie e che consistono solo e soltanto in tasse e non in effettivo consumo. Il contributo di 600 euro, se e quando dovesse arrivare, riuscirebbe a malapena a coprire queste spese. A questo vanno aggiunte le spese per l'approvvigionamento di dispositivi di sicurezza anche per i clienti e per la sanificazione che dovremo fare prima della riapertura.

Però, forse sarò contro corrente, ma non la ritengo una precauzione sbagliata quella intrapresa dal Governo, è necessario riflettere sulla situazione in cui viviamo: siamo ancora in piena pandemia, anche se i contagi si stanno riducendo, ma la mia attività non è compatibile con le misure di sicurezza sanitaria imposte da Decreto. Ho sempre lavorato su appuntamento, quindi nel mio centro non si è mai creata affluenza di più persone, però il mio è un lavoro a stretto e diretto contatto con i clienti, pur utilizzando i dispositivi di sicurezza, mascherine, guanti, copri scarpe, disinfettanti, è impossibile rispettare il distanziamento sociale durante un trattamento di bellezza. La rabbia maggiore è per l'incremento del lavoro in nero effettuato a domicilio che mi preoccupa perchè non garantisce la sicurezza che noi, restando chiusi, e a nostre spese, stiamo rispettando e salvaguardando».
  • Parrucchieri
  • Coronavirus
  • Estetisti
Altri contenuti a tema
Covid, a Corato +120 nuovi positivi in una settimana Covid, a Corato +120 nuovi positivi in una settimana Sale a 381 il numero di persone attualmente contagiate
Covid, ancora alta la conta dei decessi in Puglia: 54 in un solo giorno Covid, ancora alta la conta dei decessi in Puglia: 54 in un solo giorno Registrati 1191 casi positivi su 13mila tamponi
L'altra faccia del Covid. La lettera aperta di Pino Magno: «Gli operatori, gente straordinaria» L'altra faccia del Covid. La lettera aperta di Pino Magno: «Gli operatori, gente straordinaria» L'imprenditore che opera a Corato racconta la sua esperienza nel Covid Hospita di Bisceglie
Covid, alto il numero dei positivi nel fine settimana. Si registrano 39 morti Covid, alto il numero dei positivi nel fine settimana. Si registrano 39 morti Ottocento casi su poco più di seimila tamponi effettuati
Covid, un test su 7 è positivo. 52mila gli attualmente positivi in Puglia Covid, un test su 7 è positivo. 52mila gli attualmente positivi in Puglia Registrati oggi 1359 casi e 15 decessi
Covid, contagi ancora al 13%. 530 positivi e 15 morti in provincia di Bari Covid, contagi ancora al 13%. 530 positivi e 15 morti in provincia di Bari La Puglia registra ancora 1804 casi positivi e 31 decessi in un giorno
Indice Rt all'1,06, la Puglia verso la conferma della zona rossa Indice Rt all'1,06, la Puglia verso la conferma della zona rossa L’indice di contagio resta tra i più alti d'Italia
Covid, 48 decessi in Puglia di cui 23 nel barese. Quasi 1800 i nuovi casi Covid, 48 decessi in Puglia di cui 23 nel barese. Quasi 1800 i nuovi casi Il 44% dei contagiati ha un'età fra 19 e 50 anni
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.