Cronaca

Poste non paga il buono fruttifero, il Giudice di Pace di Corato emette il decreto ingiuntivo

Entro quaranta giorni l'istituto dovrà corrispondere il rimborso della differenza

Il caso è molto simile a tanti altri verificatisi in tutta Italia. Questa volta, però, a firmare il decreto ingiuntivo verso Poste Italiane è il Giudice di Pace di Corato accogliendo il ricorso di una risparmiatrice che lamentava di non aver riscosso l'intero importo del suo buono fruttifero emesso dopo il 13 giugno del 1986.

Un decreto, dunque, che si allinea alle tante sentenze e decreti ingiuntivi emessi dai vari giudici italiani e che rivela una vera falla nel sistema dei buoni fruttiferi emessi dalle Poste oltre 30 anni fa.

IL FATTO
Una risparmiatrice coratina aveva acquistato un buono postale fruttifero ordinario del valore di 50mila lire nel 1988. Il buono fruttifero, però, riportava nel suo retro un tasso alto, che veniva applicato prima del 13 giugno del 1986, data del decreto ministeriale che ne rivedeva i tassi. Al momento della riscossione del buono, però, l'ente postale ha corrisposto alla risparmiatrice una cifra molto più bassa rispetto a quella attesa. La risparmiatrice, assistita dall'avv. Salvatore Lotito, ha fatto valere i suoi diritti in sede giudiziaria riuscendo ad ottenere l'ingiunzione da parte del giudice, secondo il tasso di interesse riportato sul buono.

Un errore plateale, quello commesso dalle Poste che costerà tanto, vista la pioggia di ricorsi che vedono l'Ente sempre soccombente.

Ora Poste Italiane ha 40 giorni per proporre opposizione avverso il decreto ingiuntivo emesso dal Giudice di Pace di Corato.

«Gli operatori delle Poste Italiane, anche dopo il 1986 continuavano ad emettere buoni fruttiferi con tassi di rendimento altissimi. Ciò comportava l'illusione da parte del risparmiatore e non teneva conto della nuova normativa introdotta dal Decreto Ministeriale del 1986. Già la Corte di Cassazione aveva chiarito che in tali casi potrebbe essere possibile ottenere il rimborso in base al tasso riportato sul retro del buono» commenta l'avv. Salvatore Lotito.

Una decisione, quella del Giudice di Pace di Corato che potrebbe aprire la strada a nuovi ricorsi.
  • Giudice di pace
  • Poste Italiane
Altri contenuti a tema
La letterina a Babbo Natale? I bambini la imbucano in Posta La letterina a Babbo Natale? I bambini la imbucano in Posta Con "La Posta di Babbo Natale" i bambini che hanno scritto entro il 16 dicembre riceveranno una sorpresa
Il Governo approva il decreto legislativo per la Magistratura onoraria Il Governo approva il decreto legislativo per la Magistratura onoraria Cambiano le regole anche per i Giudici di Pace che continuano a protestare
Riforma della magistratura, giudici di pace in sciopero Riforma della magistratura, giudici di pace in sciopero Un mese di protesta per dire no al decreto legislativo dal 15 maggio
Riapre l'ufficio del Giudice di Pace: «presidio di legalità per il territorio» Riapre l'ufficio del Giudice di Pace: «presidio di legalità per il territorio» Era stato chiuso oltre due anni fa
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.