Disastro Ferroviario
Disastro Ferroviario
Cronaca

Strage dei treni, parla il capostazione: «Anche io sono una vittima»

Stamattina ascoltato nell'aula bunker del carcere di Trani

«Sono anche io vittima di quanto accaduto». Sono le parole di Vito Piccarreta, il capostazione che diede l'ok al treno che, nella mattina del 12 luglio 2016, nel tratto tra Andria e Corato, si scontrò con un'altro treno proveniente dalla direzione opposta provocando la morte di 23 persone e il ferimento di altre 50.

Questa mattina, nell'aula bunker del carcere di Trani, Piccarreta ha deposto dinanzi al collegio giudicante alcune dichiarazioni. Dichiarazioni commosse da cui è trapelata l'amarezza del capostazione che, dal giorno dell'incidente, non ha più alzato la paletta. «Il mio pensiero è rivolto alle vittime e alle loro famiglie, a cui penso in ogni istante e alle quali esprimo vicinanza» ha esordito il capostazione.

Nel corso delle dichiarazioni Piccarreta ha poi passato in rassegna i suoi 34 anni a servizio della Ferrotramviaria, dai ruoli di minore responsabilità sino all'arrivo della qualifica di capostazione, avvenuta nel 2000.

Un racconto in cui Piccarreta ha anche accusato la sua azienda non solo di avergli fatto mancare il supporto ma soprattutto di avergli voltato le spalle, che «si è voluta scrollare qualsiasi tipo di responsabilità puntando il dito contro un uomo che quella mattina stava svolgendo il suo lavoro come ogni giorno da 34 anni».

E, ancora duro nei confronti dell'azienda: «Provo un sentimento negativo. Posso dire che con la loro negligenza hanno distrutto la vita di altre persone ma anche la mia. Non si sono preoccupati minimante delle conseguenze provocate a tutti per le scelte di profitto», ha detto il capotreno rilevando una serie di criticità, dalla mancanza di dispositivi gps sul alcuni treni, all'inadeguatezza dei marciapiedi, ai corsi di aggiornamento non promossi dall'azienda.

Intanto la Procura ha ritenuto non congruo il patteggiamento richiesto dal suo avvocato, Leonardo De Cesare, a 4 anni e mezzo di reclusione.


  • Processo disastro ferroviario
Altri contenuti a tema
Processo strage dei treni, ascoltate in aula le telefonate della mattina dello scontro Processo strage dei treni, ascoltate in aula le telefonate della mattina dello scontro Ascoltato anche un capostazione
Processo disastro ferroviario, in aula le immagini dell'incidente Processo disastro ferroviario, in aula le immagini dell'incidente Momenti di commozione tra i parenti delle vittime
Processo strage dei treni, depositato ricorso contro la ricusazione dei giudici Processo strage dei treni, depositato ricorso contro la ricusazione dei giudici I legali di alcune parti civili chiedono l'annullamento del provvedimento
Processo disastro ferroviario, c'è il nuovo collegio giudicante Processo disastro ferroviario, c'è il nuovo collegio giudicante Si torna in aula il 4 luglio
Processo disastro ferroviario, ricusato il collegio giudicante Processo disastro ferroviario, ricusato il collegio giudicante La Corte d'Appello ha accolto l'istanza di ricusazione
Processo disastro ferroviario, chiesta la ricusazione del collegio giudicante Processo disastro ferroviario, chiesta la ricusazione del collegio giudicante La Corte d'Appello si pronuncerà nei prossimi giorni
Processo disastro ferroviario, Di Bari: «Regione doveva vigilare sul rispetto della sicurezza della tratta» Processo disastro ferroviario, Di Bari: «Regione doveva vigilare sul rispetto della sicurezza della tratta» La nota della consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle
Processo disastro ferroviario: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A. Processo disastro ferroviario: ammessa la costituzione di parte civile nei confronti della Società Ferrotramviaria S.P.A. Si tratta di una innovativa decisione del Tribunale di Trani che farà certamente discutere
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.