Oriani
Oriani
Scuola e Lavoro

Ulisse a spasso tra Corato e Ruvo di Puglia: ecco il calendario dell'Oriani

Ieri la presentazione del lavoro

Immaginate un eroe greco che torna dall'Ade, ma che per errore, destino o fatalità, imbocca l'uscita sbagliata, che lo proietta all'istante nelle nostre terre. La necropoli di San Magno non era certamente il portale che Ulisse poteva aspettarsi di attraversare, ma una volta commesso lo sbaglio decide di proseguire il suo cammino, diventando turista per caso di Corato e Ruvo di Puglia.

È questo in estrema sintesi il canovaccio de "Ulisse, dall'Ade a Itaca", calendario realizzato dai ragazzi della III D del Liceo Classico A. Oriani, presentato ieri pomeriggio in sala verde. Un'opera letteraria e grafica sottoforma di calendario, da sfogliare e leggere in due lingue, che è l'ultimo step di un progetto di alternanza scuola lavoro durato tre anni. Il calendario, realizzato con il contributo della SECOP e dell'associazione culturale Fos è un compendio dei saperi e dei sapori che caratterizzano la nostra terra. Il personaggio di Ulisse diviene il nostro involontario Cicerone di questo viaggio, alla scoperta di luoghi, ricette, tradizioni, note e meno note della nostra città.

L'alternanza scuola lavoro, da molti lodata, da altri criticata perché secondo essi foriera di sfruttamento e poco utile ai fini della crescita dell'alunno, ha invece dimostrato come la sinergia tra scuola, ragazzi ed enti privati possa davvero creare un bel prodotto finale. Soddisfatta la preside Adduci: "È stata un'esperienza molto bella. È costata fatica, ma la nostra volontà era quella di fare qualcosa di concreto per i nostri ragazzi. I ragazzi, il vero motore pulsante di questo progetto, in gamba, disponibili e portati ad andare oltre. Abbiamo dimostrato che l'alternanza può essere fruttuosa anche al liceo classico e che tale progetto ha un'importanza pedagogica ed umana non indifferente".

Felice del risultato anche il prof. D'Ercole, relatore della conferenza: "Ringrazio i professori Tambone Cuofano Varesano per l'impegno prodigato in questi anni, i formatori esterni prof Vangi, l'associazione Eco e vita che ha introdotto il tema del turismo sociale sul campo e non. I nostri tesori vanno tutelati, preservati. Saper raccontare la nostra terra è la base per poterla apprezzare, per poter avere nell'animo la consapevolezza delle propri radici".

Emozionata anche Raffaella Leone della SECOP, tutor dei ragazzi in questo lavoro: "La chiave del successo del progetto è stata l'empatia. Abbiamo discusso insieme su quale prodotto realizzare. I compiti sono stati scelti e non attribuiti, in base ad attitudini e talenti, in modo tale da creare un'adesione spontanea. I ragazzi hanno raccontato aneddoti meravigliosi, completamente inventati da loro. Non c'è nulla di copia incolla. Il gruppo ha realizzato il menabó e si è affidato al grafico Nicola Piacente per l'impaginazione. Siamo fieri di aver realizzato un lavoro senza internet. Tutto è stato filtrato dalla loro sensibilità, volontà e desiderio. Calendario letterario, dovizia di particolari. Lavoro dequipe. Solo se uno ha puo dare. Parte dei fondi saranno devoluti alla Necropoli di San Magno, un monumento fondamentale per la nostra terra, ma che ha necessita di una verbalizzazione, di cura costante, di supporto".

Un lavoro certosino, una piccola opera d'arte, che dimostra ancora una volta quanto la coesione, lo spirito di sacrificio, la volontà di mettersi in gioco, non può che dar vita a cose meravigliose. E chissà se al nostro Ulisse sarà piaciuta la nostra terra, chissà ritornando nell'Ade in che termini parlerà di Corato e Ruvo e se magari la prossima volta ci tornerà con cognizione di causa. Come un Cristoforo Colombo ante litteram ha scoperto per sbaglio una terra meravigliosa ma sconosciuta. Il nostro Ulisse potrebbe magari, chissà, diventare un cultore dell'acquasala, un esperto della nostra Murgia.
15 fotoUlisse a spasso tra Corato e Ruvo di Puglia
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
    © 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.