Gabriel Aurelian Petrescu
Gabriel Aurelian Petrescu
Cronaca

«Un ragazzo dal cuore d’oro», chi era Gabriel Aurelian Petrescu, morto sul lavoro lungo la SP231

Il giovane operaio è stato investito durante il suo turno di lavoro. «Nonostante la giovane età, si è sempre dato da fare per la propria famiglia»

È stato investito da un'automobile mentre stava facendo il suo lavoro: Gabriel Aurelian Petrescu, 22 anni, di origini rumene ma residente da anni a Corato con la sua famiglia, ha perso la vita mentre era al lavoro come addetto alla sicurezza.

Sulla SP231, nel territorio di Terlizzi, era impegnato a segnalare ai veicoli la presenza di operai per le attività di sfalcio dell'erba dai margini della carreggiata, attività in corso in questi giorni lungo le principali strade del territorio, per prevenire il rischio incendi con l'impennata delle temperature estive.

Una ulteriore morte sul lavoro, l'ennesima che scuote le nostre cronache locali, che rattrista ancora di più per la giovane età della vittima.

Chi era Gabriel, morto mentre lavorava sulla SP231


Gabriel Aurelian Petrescu da ragazzo
A ricordarlo è una persona che conosce da vicino la famiglia di Gabriel: «Era un ragazzo dal cuore d'oro – ci racconta, chiedendo di mantenere l'anonimato – L'ho visto crescere e, nonostante la sua giovanissima età, si è sempre dato da fare per la propria famiglia, per contribuire al sostentamento dei genitori e delle sue sorelle, facendo vari lavori. Per un periodo aveva anche fatto l'agricoltore, fino a pochi anni fa, quando ha iniziato questo lavoro per conto di un'azienda di manutenzione stradale».

Lo ricorda con simili parole anche Mario Sicolo, giornalista, poeta e suo docente ai tempi del IPC "Tandoi" di Corato, dove Gabriel Aurelian Petrescu aveva studiato. «Si era trasferito sin da piccolo a Corato ed era un ragazzo autentico, dal carattere fumantino, intelligente e leale, tanto che fu eletto rappresentante di classe. Amava giocare a calcio, sport nel quale era abbastanza abile ed era indubbiamente l'idolo di molte ragazzine. Aveva due sorelle gemelle più giovani. A novembre scorso - spiega il prof - ci incontrammo, stavo aspettando il bus e, passando, si fermò e mi salutò con il consueto affetto, abbracciandomi. Mi raccontò che stava lavorando da stagionale in un frantoio. Temeva il giudizio della gente, mi spiegò, che a volte, come capita in piccole comunità, lo definiva leggerino nei rapporti sentimentali, ma lui aveva ampiamente messo la testa a posto, direi fosse diventato "saggio".

Stamane - è la sottolineatura più amara del docente - aveva realizzato una storia su Instagram con l'immagine della strada - esattamente la lingua d'asfalto dove era impegnato - e il nome della ditta di manutenzione presso cui lavorava. Col giubbotto catarifrangente e la bandiera da sventolare stava segnalando il cantiere. È morto - ci ha ripetuto commosso il prof. Sicolo -, morto come un cane. Oggi i ragazzi a scuola si interrogavano sul perché potesse essere successo. Alcuni - ha concluso - ricordavano di quando frequentavano una panchina della piazzetta, stavano sempre insieme e passavano le sere divertendosi assieme. Ora non c'è più».

Un tragico e fatale impatto


Alla guida dell'auto che ha investito Gabriel c'era una donna, che avrebbe dichiarato di non essersi accorta della presenza del giovane sulla carreggiata. L'impatto per il ragazzo è stato fatale.

La salma del ragazzo – coratino d'adozione - è stata trasportata all'istituto di medicina legale del Policlinico di Bari, a disposizione della autorità giudiziaria, mentre è stato aperto un fascicolo d'indagine seguito dai Carabinieri con il coordinamento della Procura di Trani.

Tutta la redazione di CoratoViva si unisce al cordoglio ed esprime vicinanza alla famiglia di Gabriel e a quanti lo conoscevano.
  • Lutto
Altri contenuti a tema
Scomparsa del consigliere Diaferia: il cordoglio del sindaco De Benedettis Scomparsa del consigliere Diaferia: il cordoglio del sindaco De Benedettis Il ricordo del suo impegno per la città
A Corato l'ultimo saluto per Igor Bruglieri, Maresciallo della Guardia di Finanza A Corato l'ultimo saluto per Igor Bruglieri, Maresciallo della Guardia di Finanza Scomparso a soli 52 anni: il commovente ricordo dei suoi colleghi del Comando Bat
Addio al professor Cataldo Tommasicchio, maestro di cultura e umanità Addio al professor Cataldo Tommasicchio, maestro di cultura e umanità Si è spento oggi all'età di 88 anni
Silvio Berlusconi è morto Silvio Berlusconi è morto L'ex presidente del consiglio si è spento a 86 anni
Improvviso lutto nello staff EOS, inaugurazione del Centro Ermes annullata Improvviso lutto nello staff EOS, inaugurazione del Centro Ermes annullata Il Centro Polivalente per Anziani verrà inaugurato a data da destinarsi
Lutto nel mondo della scuola, scomparso l'ex preside del Tannoia Diego Colonna Lutto nel mondo della scuola, scomparso l'ex preside del Tannoia Diego Colonna È stato dirigente del Tannoia per oltre 15 anni, traghettando la scuola attraverso le riforme succedutesi negli anni, con coraggio e lungimiranza
Nonna Bice ci ha lasciati: era una delle 11 centenarie di Corato Nonna Bice ci ha lasciati: era una delle 11 centenarie di Corato Con lei vola via un pezzo della memoria della città
Addio a Nicolas Vangi, l'artista cosmopolita dall'animo gentile ed elegante Addio a Nicolas Vangi, l'artista cosmopolita dall'animo gentile ed elegante Avrebbe compiuto a breve 60 anni
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.