x
x
Territorio

Xylella fastidiosa, il sindaco invita alla prevenzione

Il primo cittadino ricorda le Determinazioni emanate in merito da parte della Regione Puglia

La Xylella fastidiosa, batterio da quarantena, costituisce una grave minaccia non solo per gli ulivi e per le altre piante ospiti presenti in Puglia, ma anche per il restante territorio italiano, europeo e del bacino del Mediterraneo, essendo in grado di compromettere significativamente lo sviluppo economico delle imprese agricole e dell'intero comparto olivicolo.

"Come Comune della Puglia a vocazione olivicola preponderante e interessato in maniera diretta alla problematica – sottolinea il Sindaco di Corato Massimo Mazzilli - essendo il nostro territorio coltivato prevalentemente ad uliveti, il relativo comparto è elemento portante dell'economia cittadina e non soltanto, dobbiamo assolutamente seguire adesso le strade indicate dalle Direttive Europee e dalle Disposizioni regionali per tentare di arginare l'avanzata della Xylella, attualmente ancora lontana dalle nostre terre, ma purtroppo in preoccupante fase di avanzamento da non sottovalutare".

Riscontrata per la prima volta nel Salento nell'estate del 2013, la Xylella in cinque anni ha "distrutto" buona parte degli ulivi pugliesi, con gravi conseguenze non solo ambientali ma anche sull'imprenditoria agricola. La Regione Puglia ha pubblicato sul Bollettino Ufficiale n. 73 del 31-5-2018 la determinazione del dirigente della sezione osservatorio fitosanitario, denominata "Applicazione Decisione di esecuzione della Commissione Europea 2015/789/UE del 18/05/2015 e s.m.i. e Decreto Ministeriale 4999 del 13/02/2018 - Chiarimenti e disposizioni sulla gestione del vettore nelle aree delimitate", alla quale l'Amministrazione Comunale ha dato ampia condivisione ecomunicazione.

Si tratta di una serie di adempimenti per il controllo degli insetti vettori di Xylella fastidiosa, per cui devono essere effettuati una serie diinterventi: per esempio nel periodo compreso tra il mese di maggio e il mese di dicembre, è obbligatorio eseguire sulle piante ospiti coltivate tutti gli interventi insetticidi, così come stabilito dal Servizio fitosanitario regionale competente per territorio, chedefinisce le modalità operative per l'attuazione.

In particolare, a seguito dei monitoraggi condotti anche nelle "Zone Cuscinetto" sono stati rilevati individui adulti di Philaenus Spumarius ("sputacchina"), vettore del batterio Xylella fastidiosa. Gli adulti dell'insetto sono i principali responsabili della diffusione della malattia; nutrendosi di linfa, possono acquisire il batterio da piante di olivo infette e trasmetterlo a piante sane. Da maggio ad agosto devono essere effettuati due trattamenti specifici contro la sputacchina, il primo dei quali con immediatezza in quanto già presenti i primi adulti. Per il secondo trattamento sarà data comunicazione. Per tali trattamenti, le aziende condotte in integrato devono utilizzare insetticidi specificamente autorizzati su olivo nei confronti del vettore, a base di acetamiprid o di deltametrina.

Per le aziende condotte in biologico, l'Osservatorio Fitosanitario ha avanzato richiesta al Ministero della Salute di autorizzazione eccezionale per prodotti a base di spinosad o olio essenziale di arancio dolce già autorizzati in agricoltura biologica. nelle more dell'autorizzazione, negli oliveti biologici sarà possibile intervenire impiegando prodotti autorizzati in bio nei confronti di altri fitofagi dell'olivo. I trattamenti non vanno eseguiti su piante di olivo secche e prive di polloni.

"Il controllo del vettore di Xylella fastidiosa è essenziale per prevenire la diffusione dell'organismo in aree indenni come la nostra – conclude il Sindaco – oltre a contenerne la presenza nelle aree già infette. La Decisione della Commissione europea 789/2015 e successive, prevede misure fitosanitarie obbligatorie per il controllo dei vettori, nell'ambito di una strategia di contenimento della diffusione del batteri alla quale è bene adeguarsi anche con responsabilità e solidarietà tra i territori: dove le zone sono oramai infette non si può attendere inutilmente il trascorrere del tempo senza attuare le azioni previste dalla legge e far proliferare in altre zone la Xylella."
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Peronospora, riconosciuto stato di calamità anche a Corato Peronospora, riconosciuto stato di calamità anche a Corato Secondo il report di Coldiretti Puglia, nel 2023 è stato perso 1/3 delle produzioni
La Puglia si mobilita per l'agricoltura: malcontento anche a Corato La Puglia si mobilita per l'agricoltura: malcontento anche a Corato L'evento si è svolto martedì presso la casa parrocchiale di San Giuseppe
La Rivolta degli Agricoltori in Europa: focus a Corato La Rivolta degli Agricoltori in Europa: focus a Corato Convegno il prossimo 6 febbraio ore 18:30 presso Casa Parrocchiale San Giuseppe, in via Carlo del Prete
Xylella fastidiosa. A che punto siamo? Xylella fastidiosa. A che punto siamo? Nel Chiostro di Palazzo di Città un incontro a cura del Comune di Corato e della Consulta allo Sviluppo Economico
Lavoratori nei campi, in Puglia quasi 1 su 4 è straniero Lavoratori nei campi, in Puglia quasi 1 su 4 è straniero Coldiretti: il 22,4% dei prodotti agricoli è raccolto da uno straniero
Agricoltura 4.0, droni e robot sempre più frequentemente utilizzati Agricoltura 4.0, droni e robot sempre più frequentemente utilizzati Il 64% delle aziende agricole sposa l'agritech
Coldiretti Puglia, richiesta carburante agricolo agevolato e semplificato Coldiretti Puglia, richiesta carburante agricolo agevolato e semplificato Neve e gelo aggravano costi stalle, serre e lavorazioni in campagna
Xylella, persi 60 milioni di euro per espianti e reimpianti Xylella, persi 60 milioni di euro per espianti e reimpianti Nel leccese espiantati tre ulivi su quattro
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.