Riabilitazione psichiatrica
Riabilitazione psichiatrica

La riabilitazione psichiatrica durante la pandemia

Il racconto dello psicologo Saverio Costantino

Si sono susseguite negli ultimi mesi numerose notizie che ci hanno rattristato, situazioni e storie di vita che si sono intrecciate con la morte, la paura rimbalzava da una fonte all'altra, sembrava ci fossero più esperti in materia che contagiati.

Ridondanti attacchi alle nostre emozioni e alle nostre difese immunitarie… tra i tanti eroi che vincono tanti purtroppo perdono, soggetti indifesi con destini ormai non più nelle proprie mani.
La grande sfida del momento è stata quella colta dalla Riabilitazione Psichiatrica.

La Fondazione Epasss -Ente Provinciale Acli Servizi Sociali Sanitari- in collaborazione con le Asl della provincia della Bat e di Bari è da oltre quaranta anni una delle colonne portanti della Riabilitazione Psichiatrica. La Fondazione Epasss nella figura di Vincenzo Purgatorio (amministratore delegato) abbraccia i principi di riabilitazione, figli della Legge Basaglia, sostenendo e sponsorizzando i percorsi creativi e di riabilitazione delle Comunità.

A cogliere tale sfida nelle Comunità di Barletta, Corato e Ruvo la Responsabile Sanitaria dott.ssa Liso Maria, lo Psicologo dott. Costantino Saverio, i coordinatori di struttura Caputi Antonio, Loiacono Isa Carla e Zucaro Piero. Sfida resa grande ancora di più dal fatto che i nostri ospiti sono attivi frequentatori del territorio, abili intrecciatori di storie e relazioni, ottimi clienti di tabaccherie e bar.

Inizia un incubo che davvero diventa difficile da trasformare in una sfida; tutti noi tra impotenza e sconforto abbiamo provato ad allearci e a farlo soprattutto con la vita dei nostri ospiti. Finalmente la vita diventa protagonista rispetto alla morte e per salvaguardarla abbiamo dovuto stringerci metaforicamente. Le nostre famiglie sono a rischio, come le loro famiglie che stranamente sono diventate insostituibili e importanti, il sacrificio di non vederle, il sacrificio di non uscire, ha trasformato i pazienti in lottatori insieme a noi… inconsapevolmente si sono alleati sulla vita prima ancora che sulla paura della morte.

Le distanze, il bisogno di stare insieme, il bisogno di abbracciarci, di avvertire l'assenza del nostro continuo stringerci, tutto questo ci manca ma dobbiamo ancora lottare per la vita.
Quel tema che alcuni hanno voluto definire il rischio di burnout, si è trasformato in somministrazione di noi stessi.

Come si fa a far vedere un nemico invisibile? Per i nostri pazienti è molto semplice, abituati come sono a volte a vedere quello che non c'è, a sentire ciò che non abbiamo detto, le voci sono diventate lo sguardo che ci unisce, lottando insieme per una battaglia vera, autentica. E tutti, anche gli eroi o i protagonisti, come spesso ci hanno definiti perchè il campo noi non lo abbiamo mai abbandonato, proprio tutti siamo diventati vulnerabili e lo siamo diventati noi che impariamo da loro la vulnerabilità, o la nascondiamo a loro.

Siamo stati uniti come non mai, tranquilli come non mai, abbiamo condiviso come non mai, abbiamo dormito senza incubi, abbiamo ridotto il consumo del caffè, delle sigarette, del superfluo, ci siamo sentiti importanti nel difendere la nostra e la vostra vita. È sempre stato per tutti noi un giorno in più vissuto insieme, all'insegna dell'essenziale, e un giorno in meno rispetto a quando ci si potrà di nuovo avvicinare senza temere più il contatto.

Una storia che si contrappone al peggio, che fa notizia; ecco, noi invece vogliamo far notizia per tutto "il positivo" che c'è, abbiamo avviato il nostro cabotaggio pensando di salvarci tutti, l'ottimismo non è eroismo, ma solo consapevolezza, i loro giorni erano davvero tutti per loro stessi, non avevamo da imporre attività esterne e ponti con il territorio, ma percorsi nei nostri spazi, così unici quando ci appartengono.

Insomma il gruppo di lavoro ha attivato quel contagio di una positività da conquistare, quel Covid 19 che speriamo un giorno diventi una marca di jeans oggi è il nostro senso.
Il bello di lottare metaforicamente sembra un paradosso, ma è davvero il senso, quel senso dell'esistere. I nostri pazienti che chiedono a noi come stiamo non ha prezzo, tutto questo nessuno lo ha raccontato e penso che la normalità vada raccontata quando intorno tutto frana, serve a pensare alla solidità.

Ora siamo preoccupati, ora che tutto piano piano torna alla normalità, qualche contenuto nostalgico si infrange nella frenetica ricerca di conquistare il passato, nella speranza di essere migliorati, noi ne abbiamo la certezza siamo diventati immuni dal sentirci dipendenti dal superfluo.

Ma i nostri pazienti hanno l'essenziale e quindi per loro cosa è cambiato? Hanno sostenuto le nostre preoccupazioni, il nostro senso della responsabilità, non hanno mai smesso di credere che realmente tutto sarebbe andato bene…questa la loro forza.

Ognuno di loro è diventato amico della propria patologia, e "tenendola a bada" abbiamo insieme colorato e disegnato, abbiamo cantato, abbiamo rivolto lo sguardo fuori e in alto, tutti per la prima volta nella stessa direzione.
  • salute
Altri contenuti a tema
Tamponi Covid19 da centro bio-medico Papagni Tamponi Covid19 da centro bio-medico Papagni Tutte le informazioni per prenotare il servizio
1 La generosità di Federica: i suoi occhi continueranno a vivere. Donate le cornee La generosità di Federica: i suoi occhi continueranno a vivere. Donate le cornee La donazione è stata effettuata nell'Ospedale di Andria
Ospedale, in arrivo un nuovo mammografo. Piarulli: «Si acquisti anche un kit di tomosintesi» Ospedale, in arrivo un nuovo mammografo. Piarulli: «Si acquisti anche un kit di tomosintesi» La senatrice pentastellata in contatto con i vertici della ASL
«La Regione istituisca la figura dell'infermiere di famiglia» «La Regione istituisca la figura dell'infermiere di famiglia» La richiesta degli ordini delle professioni infermieristiche di Bari, Bat e Brindisi
Il medico di fiducia, una "persona" in grado di alleviare la sofferenza Il medico di fiducia, una "persona" in grado di alleviare la sofferenza Si è concluso il terzo appuntamento con "DiversaMente prendersi cura"
Coronavirus, Vito Montanaro: «Nessun allarme in Puglia» Coronavirus, Vito Montanaro: «Nessun allarme in Puglia» Precisazioni e indicazioni del direttore del Dipartimento Politiche della Salute della Regione Puglia
Rischio clinico nella gestione di pazienti complessi a domicilio Rischio clinico nella gestione di pazienti complessi a domicilio Lo studio dell’Unità Operativa Rischio Clinico e Qualità della ASL di Bari
Coronavirus, anche in Puglia attiva la task force Coronavirus, anche in Puglia attiva la task force Emiliano: «Per qualsiasi dubbio i cittadini possono rivolgersi a medici di famiglia e pediatri»
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.