Santuario Madonna delle Grazie
Santuario Madonna delle Grazie

Nel Santuario dell'Oasi un mosaico ricorderà la figura di San Giuseppe Lavoratore

La benedizione domani al termine della messa presieduta da don Raffaele Sarno

In questo anno che Papa Francesco ha voluto dedicare a San Giuseppe, sposo di Maria Vergine, siamo ancora alle prese con gli effetti della pandemia sulla salute, sulle relazioni familiari ed educative, sulle dinamiche economiche e sull'intero mondo del lavoro.

Al Santuario dell'Oasi di Nazareth non poteva mancare un segno che ricordasse la presenza di San Giuseppe come custode della Santa Famiglia di Nazareth. Così nel giorno dedicato a tutti i lavoratori, sabato 01 maggio 2021, festa di San Giuseppe Lavoratore, al termine della S. Messa delle ore 18.00, presieduta da don Raffaele Sarno, Direttore della Caritas Diocesana, verrà benedetto il nuovo mosaico che raffigura San Giuseppe nella bottega di Nazareth aiutato dal bambino Gesù, collocato nell'aula liturgica superiore. Il mosaico è stato realizzato dallo Studio d'Arte Vincenzo Greco con sede in Canicattì (AG), grazie al contributo di alcuni benefattori.

Ci ricorda Papa Francesco nella sua Lettera Apostolica Patris corde: "San Giuseppe era un carpentiere che ha lavorato onestamente per garantire il sostentamento alla sua famiglia. Da lui Gesù ha imparato il valore, la dignità e la gioia di ciò che significa mangiare il pane frutto del proprio lavoro".

La comunità parrocchiale della Madonna delle Grazie desidera affidare all'intercessione di San Giuseppe tutti i lavoratori e quanti sono in cerca di lavoro, affinché a tutti e a tutte sia garantito il diritto a svolgere un lavoro dignitoso, sicuro e onesto.
  • Parrocchia Madonna delle Grazie
Altri contenuti a tema
Non più Mater Gratiae. Ecco la parrocchia Madonna delle Grazie Non più Mater Gratiae. Ecco la parrocchia Madonna delle Grazie Parroco è è don Antonio Maldera
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.