rifiuti tombe san magno
rifiuti tombe san magno
Ambiente

Chi inquina paga, dalla Regione fondi per contrastare danni causati all’ambiente

Una misura tesa a favorire minore produzione di rifiuti e attività di indagine per individuare soggetti responsabili di danni

La Giunta regionale ha autorizzato la spesa di € 3.000.000,00 per azioni di sostegno al "Chi inquina paga", sintesi della politica europea nel settore, fondata sui principi della precauzione e dell'azione preventiva e della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente.

L'obiettivo è quello di favorire la minore produzione di rifiuti e di altre attività di cui alla L. 549/95 art. 3 comma 27, destinando le risorse alle sei province pugliesi Città Metropolitana di Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto, per consentire alle stesse lo svolgimento di attività di indagine, volta alla individuazione del soggetto responsabile, anche "secondo il principio del più probabile che non".

Con lo stesso provvedimento, l'Esecutivo ha autorizzato la destinazione delle risorse indicate per investigazioni di aree, anche territorialmente estese, comunque qualificabili nell'ambito delle procedure ex art. 244 co. 1 e pertanto riconducibili alla disposizione del medesimo comma (le Pubbliche amministrazioni che nell'esercizio delle proprie funzioni individuano siti nei quali accertino che i livelli di contaminazione sono superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione…), escludendo dal contributo ogni attività di indagine qualificabile giuridicamente ex art. 239 co. 3. Per effettuare tali attività di indagini, la Giunta specifica che le province pugliesi potranno avvalersi di Arpa Puglia e dei comuni interessati.

Sempre dal fronte ambientale, la Giunta regionale ha approvato anche il documento "Anagrafe dei siti da bonificare", contenente l'aggiornamento ad aprire 2020 dell'elenco dei siti censiti nell'Anagrafe dei siti da bonificare della Regione Puglia, con il relativo stato del procedimento e lo stato di contaminazione.

L'Esecutivo ha altresì deciso di avviare la consultazione, con i Comuni della Regione Puglia, le Provincie pugliesi e la città Metropolitana di Bari, i Dipartimenti di Prevenzione - Strutture territoriali di igiene e sanità pubblica delle ASL pugliesi, nonché con tutti i soggetti direttamente ed indirettamente coinvolti nei procedimenti di bonifica, al fine di reperire ulteriori dati ed informazioni utili e necessari alla verifica dei contenuti dell'Anagrafe dei siti da bonificare.
  • Rifiuti
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Sognitudo 2030, anche a Corato il Festival dello Sviluppo Sostenibile Sognitudo 2030, anche a Corato il Festival dello Sviluppo Sostenibile Incontri, un laboratorio e cortometraggi nell'evento di Fondazione Casillo, con la direzione artistica di Francesco Martinelli
Puliamo Scannagatta, residenti a caccia di rifiuti per mantenere la bellezza Puliamo Scannagatta, residenti a caccia di rifiuti per mantenere la bellezza In collaborazione con la Sanb
Giornata Nazionale per la Custodia del Creato, il messaggio dei Vescovi Giornata Nazionale per la Custodia del Creato, il messaggio dei Vescovi L'invito della CEI ad un vivere attento e responsabile con azioni di impegno concreto per l'ambiente
1 Corato contagiata dal virus del rifiuto Corato contagiata dal virus del rifiuto Inciviltà diffusa da curare col vaccino del rispetto
E se il sacchetto si rompe? Abbandonalo e scappa E se il sacchetto si rompe? Abbandonalo e scappa L'inciviltà che lede all'intera comunità
Runners tra la spazzatura: «Indecenti atti di inciviltà» Runners tra la spazzatura: «Indecenti atti di inciviltà» Una gallery testimonia l'azione sconsiderata degli sporcaccioni
Sciame di api invade il centro cittadino Sciame di api invade il centro cittadino Allertata la Polizia Locale e l'apicoltore
Tornano le Giornate FAI, scoprire le bellezze d'Italia in sicurezza Tornano le Giornate FAI, scoprire le bellezze d'Italia in sicurezza Aperte le prenotazioni per le visite nel weekend del 27 e 28 giugno
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.