Carabinieri Forestali
Carabinieri Forestali
Cronaca

Documenti falsi per la caccia, denunciato coratino

Aveva dichiarato una falsa residenza pur di ottenere il permesso

Un'indagine avviata nel gennaio dello scorso anno dai carabinieri forestali della stazione Parco di Ruvo di Puglia ha portato alla denuncia di due persone, una delle quali residente a Corato.

L'indagine dei militari partì dall'analisi di due licenze di porto d'armi, una ad uso sportivo e l'altra ad uso caccia, aventi differenti tra loro un solo numero identificativo. I carabinieri scoprirono che una delle due licenze, quella ad uso caccia, altro non era se non la falsificazione di quella ad uso sportivo legittimamente rilasciata dalla Questura di Bari. Licenza richiesta poi in duplicato al Commissariato di P.S. di Corato autocertificando una falsa residenza.

In seguito a questa scoperta, nel gennaio dello scorso anno, fu denunciato un uomo residente a Terlizzi e furono sequestrati 7 fucili e oltre 600 munizioni.

Le successive attività di indagini degli stessi militari hanno portato ad accertare a carico di altri due soggetti, sempre cacciatori, nuovi vistosi casi di falsificazione di atti al fine di ottenere illegittimamente la documentazione per poter effettuare esercizio venatorio sull'intero territorio regionale.

In questi ultimi casi il falso materiale ha interessato l'attestazione di abilitazione venatoria, che si consegue previo superamento di specifico esame dinanzi alle commissioni regionali appositamente istituite, e che i soggetti non avevano mai sostenuto. Pertanto, i due aspiranti cacciatori, al fine di ottenere il porto d'armi per uso caccia, avevano presentato l'apposita istanza presso i Commissariati di P.S. di Andria e di Corato e successivamente, al fine di ottenere il tesserino venatorio, si erano rivolti ai comuni di residenza di Corato e di Terlizzi, attestando falsamente il possesso dell'abilitazione.

Il "falso ideologico" ha interessato invece l'autocertificazione attestante la falsa residenza di un soggetto nel comune di Minervino Murge, diverso dal comune di Corato, dove effettivamente risiedeva.

Le indagini dei Forestali hanno appurato che i due soggetti, conseguite le illegittime licenze di caccia, hanno poi di fatto esercitato l'esercizio venatorio su tutto il territorio, abbattendo centinaia di esemplari di fauna.

Diversi i reati di cui ora i falsi "cacciatori" dovranno rispondere e che vanno dal falso materiale e ideologico, all'esercizio venatorio non consentito con conseguente "furto venatorio".
  • Carabinieri forestali
Altri contenuti a tema
Carabinieri in mountain bike sorveglieranno il Parco dell'Alta Murgia Carabinieri in mountain bike sorveglieranno il Parco dell'Alta Murgia I Forestali a tutela della grande area naturale
Forestali al setaccio del Parco. Nessuna scampagnata nelle campagne murgiane Forestali al setaccio del Parco. Nessuna scampagnata nelle campagne murgiane Solo due le persone trovate senza giustificato motivo nell’area protetta
Parco dell'Alta Murgia, attività di contrasto all'abbandono dei rifiuti dei Carabinieri Parco dell'Alta Murgia, attività di contrasto all'abbandono dei rifiuti dei Carabinieri Diverse le sanzioni amministrative elevate
Sversamenti illeciti di acque reflue di vegetazione, sequestrata area di 15 ettari Sversamenti illeciti di acque reflue di vegetazione, sequestrata area di 15 ettari Concluse le indagini di Nas e Carabinieri Forestali
Carabinieri Forestali, in aumento le attività di controllo Carabinieri Forestali, in aumento le attività di controllo Il bilancio 2019 delle attività di contrasto agli illeciti forestali, ambientali e agroalimentari
Una foto che vale una denuncia: scoperto dai Forestali grazie a un'immagine Facebook Una foto che vale una denuncia: scoperto dai Forestali grazie a un'immagine Facebook Denunciato coratino: aveva ucciso un cinghiale pur non avendo la licenza di caccia
1 Sacchetti per la spesa fuori norma, sanzioni per 30mila euro Sacchetti per la spesa fuori norma, sanzioni per 30mila euro Una trentina gli esercizi controllati dai Carabinieri forestali
Carabinieri forestali, le attività dei militari a tutela del Parco dell'Alta Murgia Carabinieri forestali, le attività dei militari a tutela del Parco dell'Alta Murgia Aumenta il numero dei controlli e diminuisce quello dei reati a danno del patrimonio naturale
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.