parco
parco
Territorio

Il Parco della Musica di Ruvo porta il nome di Antonio Summo

Alla memoria della più giovane vittima del disastro ferroviario l'intitolazione del parco

Atmosfera tesa, centinaia di persone in silenzio. Si è svolta così l'inaugurazione a Ruvo di Puglia del parco della musica, dedicato ad Antonio Summo, studente, trombettista e sognatore che un anno fa perdeva tragicamente la vita nel terribile incidente ferroviario della Bari-Nord.

A fianco al Sindaco, i suoi genitori, Gina e Nicola, e il fratellino. Un luogo di divertimento, di gioia, di svago che volutamente vuole ricordare una triste vicenda. Per non dimenticare, per far vivere il fanciullo che è andato via per sempre, tra le grida e le risate dei bambini, dei ragazzi che giocheranno in questo nuovo e ospitale parco alle porte della città. Una inaugurazione non programmata, quasi improvvisata. Il sindaco è dovuto salire su una panchina per farsi ascoltare. Ma a disturbalo soltanto i grilli in una serata afosa. Accompagnato solo dal silenzio, nonostante i bimbi scalpitanti per la novità da provare, tutti hanno rispettato il dolore disumano rivissuto in questo anniversario.

Facce tirate e tristi, cuori infranti e occhi lucidi. I compagni della orchestra giovanile dell'associazione Apulia musica si sono stretti intorno alla famiglia di Antonio.
Il sindaco stesso ha avuto difficoltà a fare un discorso su una tematica tanto dolorosa. Solitamente provetto oratore, con voce rotta e occhi stanchi, ha concluso questa pesante giornata con poche parole di sostegno alla famiglia.

«Le associazioni, i cittadini, hanno voluto dedicare questo parco ad Antonio. E' una richiesta che è arrivata dalla città. Non ho voluto tagliare il nastro, ma ho voluto aprire l'accesso con Nicola e Gina, perché idealmente voglio che sia un parco che unisce, non che taglia.
Dobbiamo rispettare questo parco, con una presenza, vogliamo celebrare l'assenza di Antonio con una presenza. La presenza della gioia e del gioco. E della musica. Antonio aveva questa passione, questa voglia, aveva dei sogni. Ed ora l'unica cosa che noi possiamo fare è avere rispetto di questo posto, accudirlo, e soprattutto cercare risposte, giustizia dalle istituzioni. Vogliamo celebrare la vita.»
  • Disastro Ferroviario
Altri contenuti a tema
Strage dei treni sulla linea Corato-Andria, chieste 15 condanne e la revoca della concessione per Ferrotramviaria Strage dei treni sulla linea Corato-Andria, chieste 15 condanne e la revoca della concessione per Ferrotramviaria L'accusa punta ad ottenere pene comprese fra i 6 e i 12 anni di reclusione. Chiesta l'assoluzione per uno degli imputati
Sesto anniversario della strage ferroviaria, le commemorazioni Sesto anniversario della strage ferroviaria, le commemorazioni La comunità si raccoglierà nel ricordo, nella riflessione e nella preghiera
Komorebi, tutto pronto per la sesta edizione. Il programma Komorebi, tutto pronto per la sesta edizione. Il programma L'evento, dedicato alla memoria di Francesco Tedone, si svolgerà dal 9 al 16 luglio
In memoria di Luciano e Francesco, "La Comunità si interroghi sul dolore di chi soffre" In memoria di Luciano e Francesco, "La Comunità si interroghi sul dolore di chi soffre" La celebrazione presieduta da Don Giuseppe Lobascio in suffragio delle vittime del disastro ferroviario
Cinque anni dal disastro ferroviario, Emiliano: "Non dimentichiamo" Cinque anni dal disastro ferroviario, Emiliano: "Non dimentichiamo" Lopane e Di Bari: "Dovere del ricordo e dovere di cercare giustizia"
Corato ricorda il 12 luglio, col dolore nel cuore e lo sguardo al futuro Corato ricorda il 12 luglio, col dolore nel cuore e lo sguardo al futuro Dalla commemorazione al progetto della cittadella dello sport dedicata a Francesco e alle giovani vittime del disastro ferroviario
12 luglio, una ferita che non si rimargina e l'abbraccio di un'intera comunità 12 luglio, una ferita che non si rimargina e l'abbraccio di un'intera comunità A cinque anni dall'incidente ferroviario costato la vita a 23 persone
12 luglio. A cinque anni dalla strage dei treni Corato non dimentica 12 luglio. A cinque anni dalla strage dei treni Corato non dimentica Ventitrè le vittime. Corato piange ancora Francesco e Luciano.
© 2016-2023 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.