Premier Giuseppe Conte
Premier Giuseppe Conte
Attualità

Spostamenti, scuola e restrizioni di Natale, le misure del nuovo Dpcm

Il presidente del Consiglio Conte illustra il decreto: «Sarà un Natale diverso, ma non meno autentico»

Entrerà in vigore da domani 4 dicembre il nuovo Dpcm firmato in serata dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenuto in diretta per illustrare tutte le misure e le restrizioni in vista delle festività natalizie.

Si abbassa la curva del contagio e scende allo 0,91 anche l'indice di contagio Rt su scala nazionale, per questo tutte le regioni italiane potrebbero diventare area gialla per Natale ma resta ferma la raccomandazione alla prudenza. «I risultati ci confortano, ma è necessario scongiurare una terza ondata, che rischia di essere peggiore della prima e anche della seconda che stiamo affrontando, ed evitare di vanificare i sacrifici fatti finora» - spiega il presidente del Consiglio.

Nell'illustrare quindi il piano di misure restrittive dal 21 dicembre al 6 gennaio, Conte aggiunge «Sarà un Natale diverso, ma non meno autentico. Occorre impegno e pazienza».

Ecco le restrizioni previste dal nuovo decreto:

Spostamenti
Divieto di spostarsi da una regione all'altra dal 21 dicembre al 6 gennaio, anche per raggiungere le seconde case.

Nelle giornate del 25, 26 dicembre e 1 gennaio il divieto è esteso anche allo spostamento tra diversi comuni.

Resta il coprifuoco su tutto il territorio nazionale dalle 22.00 alle 5.00 del mattino, e la notte di Capodanno verrà esteso dalle 22.00 della sera prima alle 7.00 del mattino. Possibile sempre il rientro al proprio domicilio, residenza o abitazione abituale.

Gli italiani che rientreranno dall'estero dal 21 dicembre al 6 gennaio dovranno sottoporsi a quarantena preventiva obbligatoria, così come gli stranieri che giungeranno in Italia.

Scuola
Si continua con la didattica a distanza per le scuole superiori di secondo grado fino a gennaio, si tornerà in presenza a partire dal 7 gennaio. Nella prima fase verrà garantita la didattica in presenza al 75% degli studenti.

Bar e ristoranti
In area gialla restano aperti a pranzo, mentre in area arancione e rossa restano aperti dalle 5.00 alle 22.00 ma solo per asporto e consegna a domicilio.

Alberghi
Restano aperti su tutto il territorio nazionale, ma la sera di Capodanno non potranno organizzare veglioni e i loro ristoranti dovranno chiudere alle 18.00 garantendo dopo quell'ora solo il servizio in camere;

Negozi
Dal 4 dicembre al 6 gennaio potranno restare aperti fino alle 21.00, restano chiusi i centri commerciali nel fine settimana dal 4 dicembre al 15 gennaio, ad eccezione dei negozi al loro interno che vendono beni di prima necessità.

Impianti sciistici e crociere
I primi restano chiusi fino all'8 gennaio, le seconde sono sospese dal 21 dicembre al 6 gennaio.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Approvato il “Protocollo Operativo Covid per l’evento nascita”   Approvato il “Protocollo Operativo Covid per l’evento nascita”   Approccio prudenziale nel periodo dell'emergenza da Covid 19
Covid, 850 nuovi positivi su 12mila tamponi in Puglia Covid, 850 nuovi positivi su 12mila tamponi in Puglia Si registrano 16 decessi, la maggior parte in provincia di Bari
Coronavirus, 400 test positivi su 3000 somministrati Coronavirus, 400 test positivi su 3000 somministrati Si registrano 26 decessi
Pazienti Covid con disabilità, «Non consentita assistenza ospedaliera a esterni» Pazienti Covid con disabilità, «Non consentita assistenza ospedaliera a esterni» La risposta dell'assessore Lopalco all'interrogazione posta da Pagliaro
Covid, meno tamponi nel weekend. Invariata la percentuale di positivi Covid, meno tamponi nel weekend. Invariata la percentuale di positivi Si registrano 25 morti
Covid, non scende la curva dei contagi: oggi 1123 casi in Puglia Covid, non scende la curva dei contagi: oggi 1123 casi in Puglia Quindici i decessi. Raggiunta quota 56mila attualmente positivi
Regno Unito in lockdown, Nancy: «Si vive in allerta, noi italiani lasciati soli dallo Stato» Regno Unito in lockdown, Nancy: «Si vive in allerta, noi italiani lasciati soli dallo Stato» Partita da Corato per lavorare a Londra, Nancy racconta l'emergenza nazionale britannica
Puglia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no Puglia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no Le restrizioni in vigore dal 17 gennaio. Prorogato al 30 aprile lo stato d'emergenza
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.