Nadia Gloria D'Introno
Nadia Gloria D'Introno
Politica

"Stai zitta", episodio «violento»: continua il dibattito a Corato

Intervengono sull'episodio anche Articolo 49, PD Bari e Donne Democratiche Pugliesi

Nel corso di queste ore diverse forze politiche e associazioni stanno facendo giungere la propria solidarietà alla consigliera Nadia Gloria D'Introno dopo l'episodio di ieri in sala consiliare.

La nota di Articolo 49

Così scrivono i referenti di Articolo 49: «Nel corso del consiglio comunale di ieri, un consigliere ha messo a tacere una collega consigliere con un perentorio "Stai Zitta!". Episodio violento, deplorevole, intollerabile. Ma c'è di peggio. Il tentativo goffo, viscido, laido di motivare, giustificare, comprendere la violenza di quelle due parole. Lo fa il consigliere imbarazzato nel chiedere scusa ma, peggio ancora, lo fanno alcuni suoi colleghi consiglieri, alcuni aficionados dell'amministrazione comunale inondando il web di messaggi e post che ricordano accadimenti passati che mitigherebbero lo scivolone di ieri sera.

La pericolosità di quel "però", di quel tentativo maldestro di giustificare l'ingiustificabile, ci preoccupa molto più del gesto stesso del consigliere. Inutile negare che il pensiero corre veloce alle innumerevoli storie di violenza in cui per il carnefice c'è sempre un però che giustifica la violenza stessa. L'ho picchiata però lei mi tradiva. Non ci sono giustificazioni e a nulla servono marce, fiaccolate e pellegrinaggi se poi all'atto pratico non si è capaci di riconoscere un errore senza se e senza ma. Bene ha fatto la Presidente del Consiglio ad interrompere il consigliere delirante, malissimo ha fatto il Sindaco a non stigmatizzare l'accaduto con la stessa intensità con cui lo vediamo partecipare a tutte le iniziative contro ogni forma di violenza. La nostra solidarietà alla consigliera Nadia Gloria D'Introno».

La nota del PD Terra di Bari

«Il Partito Democratico di Terra di Bari esprime la sua ferma condanna per l'attacco verbale ricevuto dalla consigliera Nadia D'Introno durante il consiglio comunale di Corato di ieri. Tale episodio, avvenuto in prossimità della celebrazione dell'8 marzo - Giornata Internazionale della Donna -, assume un significato ancor più grave e inaccettabile.

Il rispetto verso i rappresentanti eletti, in particolare verso le donne impegnate in politica, è fondamentale per il mantenimento di un dibattito civile e costruttivo all'interno delle istituzioni. Attacchi di questa natura non solo minano l'integrità personale degli individui coinvolti, ma rappresentano anche un attacco ai valori democratici e all'uguaglianza di genere che il nostro partito sostiene con vigore.

Il Partito Democratico si stringe attorno alla consigliera D'Introno e a tutte le donne che, ogni giorno, lavorano per il progresso della nostra società, spesso affrontando ostacoli e pregiudizi. Ribadiamo il nostro impegno a combattere ogni forma di discriminazione e violenza verbale, e continueremo a lavorare per un ambiente politico più inclusivo e rispettoso».

La nota a firma delle Donne Democratiche Pugliesi

«La Conferenza delle Donne Democratiche Pugliesi esprime solidarietà e sorellanza alla Consigliere Nadia D'Introno per i modi e le parole "stai zitta che sto parlando" rivoltele durante l'ultimo consiglio comunale, sebbene tempestive siano state le scuse del Consigliere Giulio D'Imperio. La passione e la pluralità di opinione non può trasformarsi in uno scontro verbale aggressivo nel Partito Democratico e soprattutto nei luoghi istituzionali di rappresentanza.

La nostra comunità delle Donne Democratiche sostiene da sempre l'importanza e il rispetto del difficile percorso che noi donne affrontiamo nel trovare spazio nei luoghi della politica.

Il rispetto della nostra rappresentanza in politica è un dovere trasversale che va rivolto a tutte le donne a prescindere dalla loro
posizione ed è un errore tarare la solidarietà e il richiamo a un linguaggio corretto solo ed esclusivamente ad alcune donne e solo se appartenenti ad un gruppo.

Il richiamo ad una politica più femminile e più femminista passa anche dal superare ogni consuetudine prevaricatrice che, per il tramite della parola, trova eco nella politica a discapito degli uomini e delle donne».
  • Consiglio Comunale
Altri contenuti a tema
Lunedì 3 giugno convocato il prossimo consiglio comunale Lunedì 3 giugno convocato il prossimo consiglio comunale Si inizia con la surroga del consigliere Diaferia. Si discuterà sul piano industriale ASIPU
La salma del consigliere Diaferia in Sala Consiliare per un ultimo saluto La salma del consigliere Diaferia in Sala Consiliare per un ultimo saluto Alle 16:00 i funerali, presso la chiesa Sacro Cuore
Ecoestramurale: dal Consiglio Comunale una sconfitta per Corato Ecoestramurale: dal Consiglio Comunale una sconfitta per Corato I partiti e movimenti di opposizione parlano di "arroganza politica e coinvolgimento di facciata" dell'amministrazione De Benedittis
Eco-Estramurale di Corato: la petizione popolare bocciata dalla maggioranza Eco-Estramurale di Corato: la petizione popolare bocciata dalla maggioranza Opposizione compatta e maggioranza che si sfalda sul progetto di revisione proposto dalla petizione popolare
Direzione Corato: «È stata scritta una pagina tristissima della storia del nostro consiglio comunale» Direzione Corato: «È stata scritta una pagina tristissima della storia del nostro consiglio comunale» «Condanniamo fermamente il comportamento del consigliere D’Imperio»
«Stai zitta!», il consigliere D'Imperio tuona in Consiglio Comunale contro la consigliera D'Introno «Stai zitta!», il consigliere D'Imperio tuona in Consiglio Comunale contro la consigliera D'Introno La nota ufficiale della consigliera del PD
Consiglio Comunale convocato per il 5 marzo: arriva in aula il bilancio Consiglio Comunale convocato per il 5 marzo: arriva in aula il bilancio Nove punti all'ordine del giorno: Imu, lavoro pubblici e bilancio di previsione tra i punti all'ordine del giorno
Consiglio Comunale, Michele Lotito succede al dimissionario Vito Bovino Consiglio Comunale, Michele Lotito succede al dimissionario Vito Bovino Le sue prime parole da consigliere: «Conta quello che si fa, non quello che si dice».
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.