Basket
Basket
Basket

A.s. Basket Corato, il minibasket fa ritorno a casa

Il corso è riservato ai bambini nati negli anni 2006/2007.

Il minibasket è una disciplina nata nel 1950 dall'idea di Jay Archer, professore di educazione fisica americano.

Il minibasket è definito "gioco - sport" (ovvero un'attività motoria di base praticata in forma ludica polivalente e differenziata) ed è dedicato ai bambini dai 5 agli 11 anni. Questa funzione prima di tutto ludica, di aggregazione, non competitiva, è fondamentale per instaurare nei piccoli atleti una concezione "pulita" dello sport, sempre nel rispetto dei compagni di squadra e degli avversari, inculcando una concezione di "divertimento prima di tutto", mettendo in secondo piano la prestazione sportiva e personale, imparando però le regole del basket.

Una "scuola" di basket dunque, fondamentale per forgiare gli atleti del futuro e fondamentale per qualsivoglia società che voglia apportare solide basi al proprio progetto. Proprio per tali ragioni, a dieci anni dall'ultima volta, il minibasket torna a Corato.

A volere fortemente il ritorno del mini-basket a Corato è stato il vice presidente dell'A.S. Basket Corato Pieraldo Capogna, che ci ha spiegato la bontà del progetto: "Finalmente, dopo tanti anni durante i quali affidavamo il settore mini basket ad altre realtà, abbiamo un progetto tutto nostro", esordisce l'avvocato Capogna. "Il Basket Corato dallo scorso anno, con la presidenza Marulli, sta puntando ad un progetto a lungo termine incentrato prevalentemente sui giovani. Per tali ragioni è nata la scuola Basket Corato (formata da minibasket e settore giovanile, ndr), affidando i nostri bambini a delle figure esperte e validissime: Francesco Scaringella e Antonello Parziale si occuperanno del settore giovanile, mentre i più piccoli saranno affidati a Pino Cipri".

L'importanza dello sport alla base del progetto: "La Scuola Basket Corato nasce per dare la possibilità a tanti giovani di praticare la pallacanestro, donando loro un sogno, cioè quello di indossare un giorno i colori della propria città, sogno che a Corato non è stato possibile regalare per tanti anni. L'ultimo giocatore neroverde che è partito dal minibasket ed è arrivato a vestire la maglia del Corato in serie C è stato il nostro attuale direttore generale Roberto Caterina, ancora detentore del record nazionale di punti segnato in un campionato di serie C".

Poi il vicepresidente conclude: "Con il presidente Marulli stiamo investendo anche nel sociale, permettendo a chi non può permetterselo, di frequentare gratuitamente i nostri corsi. Ringrazio l'amministrazione comunale nelle persone del sindaco, l'assessore allo sport e il dirigente Casieri, che ci permettono quotidianamente di tenere vivo questo sogno".

In un periodo storico di crisi dei valori (e di conseguenza dello sport), in cui il risultato finale, sempre di più, conta più del divertimento e dell'aspetto più umano di qualsivoglia sport di squadra o singolo, anche tra giovanissimi, l'A.S. Basket Corato va controcorrente e pone della fondamenta solide per l'ambizioso progetto della presidenza Marulli. Perché un grande atleta che ottiene grandi prestazioni sul campo, quasi sempre è prima di tutto un grande uomo. La storia dello sport, ad ogni latitudine e categoria, ci insegna che un atleta con "corpore sano" ma senza una "mens sana", è un atleta a metà.

Con la speranza che dalla nostra "cantera" possa nascere una nuova "Stella".

Il corso è riservato ai bambini nati negli anni 2006/2007.
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.