Bandiera italiana
Bandiera italiana
Attualità

4 Novembre, anche a Corato si celebra la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate

Cento anni fa la resa dell'Impero Austro Ungarico

Cento anni fa, il 4 novembre del 1918, si concludeva la Prima Guerra Mondiale, con l'entrata in vigore dell'armistizio di Villa Giusti, firmato il giorno precedente, che sanciva la resa dell'Impero Austo - Ungarico. Era la fine di una delle più sanguinose guerre, divenuta di dimensioni mondiali, che si sarebbe conclusa definitivamente sette giorni dopo con la resa della Germania.

Un conflitto costato la vita a milioni di persone, tra soldati e civili, per il quale l'Italia ha pagato un prezzo elevatissimo.

Nella giornata in cui si celebra l'Unità Nazionale e le Forze Armate, da Palazzo di Città è stato diramato il seguente messaggio

In questo giorno onoriamo i caduti di tutte le guerre e il ricordo del loro sacrificio volto alla conquista della democrazia e della pace riconoscendo l'alto valore morale ed eroico profuso per donarci un'Italia libera e unita.

Pur essendo trascorsi 100 anni ancora oggi il nostro pensiero è rivolto ai nostri soldati uomini e donne in divisa, attualmente impegnati in missioni di pace in favore di popolazioni vessate.
L'auspicio è quello di mantenere alti i principi di libertà, unità e pace per l'affermazione dei quali molte vite sono state sacrificate e alle quali noi oggi rendiamo omaggio.


Programma:

- ore 09:30 Raduno delle autorità, delle associazioni combattentistiche, d'arma e dei partecipanti presso il Chiostro del Palazzo di Città;
- ore 09:50 Schieramento delle bandiere, labari e stendardi in Piazza Matteotti;
- ore 10:00 Deposizione corona di alloro al Milite Ignoto;
- ore10:30 Piazza V. Emanuele Alzabandiera e deposizione corona di alloro al Monumento ai Caduti.
    © 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.